Pass. di Ripetta: due ore di traffico paralizzato per una Smart selvaggia

2 Commenti

Ecco i risultati del cocktail micidiale del malgoverno romano di questi anni. Agli automobilisti è lasciata libertà di fare quello che vogliono, senza regole né rispetto degli altri. I vigili non sono mai presenti quando serve, impegnati a vigilare sulle buche piuttosto che far scorrere il traffico. I carri attrezzi per rimuovere le auto in sosta di intralcio non ci sono da anni, perché la giunta Raggi non è stata in grado di scrivere una gara d’appalto dignitosa e per ben sei volte il bando è stato ritirato.

Per cui quello che è successo giovedì 14 febbraio tra via dell’Oca e Passeggiata di Ripetta non deve stupire. Anzi dovremmo essere sorpresi del contrario, del fatto che tutte le strade di Roma non si blocchino ogni giorno a causa dell’anarchia che vige in città.

Per oltre due ore, un autobus della linea 628, seguito da decine di altri autobus e macchine, è rimasto letteralmente incastrato per la sosta selvaggia. Da una parte una Smart lasciata in maniera inconcepibile su una curva che provocava il restringimento della corsia. Dall’altra cinque auto accostate ad un minuscolo spartitraffico. Nelle foto che seguono si può verificare la follia della sosta di tutte queste vetture.

 

Il bus bloccato dalla Smart bianca

Sul lato opposto sei auto parcheggiate in divieto

Il quadrante via dell’Oca, Principessa Clotilde, Maria Adelaide paralizzato

L’autista chiama vigili e carri attrezzi. Invano!

 

Anche il cronista di diarioromano ha provato più volte a chiamare il centralino della Polizia Locale che squillava a vuoto. Quando finalmente un operatore ha risposto non ha potuto fare altro che ammettere la sua impotenza: “Carri attrezzi non ce ne sono. Possiamo usare solo quelli dei depositi giudiziari che sono pochi e impegnati”. E così, dopo oltre due ore, la situazione era del tutto fuori controllo. Il traffico risultava impazzito fino a piazzale Flaminio. I bus bloccati erano decine.

Nel breve video che segue potrete sentire l’esasperazione degli automobilisti che suonano il clacson all’impazzata sperando di sollecitare la coscienza di chi aveva parcheggiato quella Smart. Sforzi inutili. Forse quella persona era seduta in un bar o in un ristorante a mangiare, convinta che in questa città ciascuno fa come vuole.

 

 

Per quanto Roma sia stata sempre caotica e poco controllabile nel suo traffico e nella sua sosta, mai si era arrivati a lasciare una capitale di 3 milioni di abitanti senza un servizio di rimozione per anni. Una colpa che difficilmente potrà essere cancellata anche per coloro che dicono di aver cambiato tutto. Forse è vero: hanno cambiato tutto in peggio!

 

Articoli correlati

2 Commenti

  1. leonardo

    Sbagliato dire che “la giunta Raggi non è stata in grado di scrivere una gara d’appalto corretta”, perché sono i tecnici a scriverla. Anche la giunta più capace, se si trova degli esecutivi incapaci e/o riluttanti, può far poco. E’ questo il vero nodo da sciogliere a Roma, da decenni, indipendentemente dalle giunte che si sono avvicendate.

  2. Salvatore

    SE i tecnici non sono in grado di predisporre una gara d’appalto corretta vanno LICENZIATI SENZA INDUGIO ….

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

I dirigenti #Ama non prendono premi di produzione dal 2013, per decisione dell'ex ad Fortini e di @ignaziomarino. Lo conferma anche @MontanariPin. Non c'è automatismo tra bilancio in attivo e bonus. Perché @virginiaraggi continua con questa fake news? diarioromano.it/?p=32007

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.