Parigi, Nizza, Barcellona: quelle città che scelgono i pedoni

Ieri abbiamo auspicato che la commissione mobilità ponga la propria attenzione anche ai pedoni e non solo alle auto e al trasporto pubblico.

Oggi vi raccontiamo quello che sta accadendo in molte città europee dove sindaci coraggiosi hanno deciso di chiudere alle auto molte strade per restituirle ai cittadini. La più temeraria è proprio una donna, Anne Hidalgo, alla guida di Parigi da due anni. Ha sfidato le proteste dell’opposizione di destra e dei comitati di pendolari e a partire dalla prossima settimana chiuderà al traffico ben 3,3 km di lungosenna. Un tratto che va dalle Tuileries fino a piazza della Bastiglia. Un luogo congestionato dalle auto, utilizzato da migliaia di automobilisti l’ora che adesso dovranno ingegnarsi a trovare percorsi alternativi.

Perchè la filosofia della Sindaca è proprio questa: non creare strade in sostituzione di quelle chiuse, ma lasciare che il traffico si redistribuisca da solo, un pò come fa il sangue quando trova una vena occlusa. Secondo l’urbanista Paul Lecroart è questo il metodo per convincere i più incalliti del volante a lasciare l’auto a casa.

Parigi Forum Les Halles
Il nuovo Forum Les Halles, una delle prime pedonalizzazioni

 

Parigi Cirque d'Hiver
La nuova area senza auto del Cirque d’Hiver

 

Esperimento simile era stato fatto dalla precedente amministrazione di Parigi (della quale la Hidalgo era vicesindaco) per un altro tratto di lungosenna, sulla Rive Gauche. Anche in quel caso le polemiche erano state violente eppure oggi, a due anni dalla chiusura, è diventato uno di luoghi di ritrovo preferiti dai parigini che fanno jogging, si siedono nei caffè che sono nati, portano i bambini a spasso. E il traffico nell’area circostante non è affatto peggiorato ma anzi è diminuito con conseguenze positive sulla salute degli abitanti (ogni anno la Santè Publique calcola che nell’area metropolitana di Parigi muoiano 9 mila persone per malattie respiratorie).

La tendenza è comune ad altre città europee. Nizza, dopo la pedonalizzazione di place Massena dove transita solo un tram silenzioso e senza linea area, ha creato un nuovo centro cittadino. Il progetto architettonico della piazza ha vinto diversi premi oltre ad aver eliminato centinaia di auto che sostavano impietosamente sotto i palazzi ottocenteschi. Il traffico congestionato si è via via spostato verso la tangenziale (la Voie Rapide Mathis) permettendo alla città di respirare.

Nizza Place Massena
Place Massena a Nizza

 

 

Barcellona che ha una pianta composta da strade incrociate sul genere del nostro quartiere Prati, ha saputo scegliere le strade da chiudere e quelle da lasciare aperte. Ma anche in queste ultime non ha permesso la sosta su entrambi i lati (rarissima nella capitale catalana) creando una pista ciclabile laddove prima vi erano i parcheggi. Anche qui molti sbuffarono, ma alla fine dovettero ammettere che il progetto della municipalità era sensato ed ha permesso di respirare (e dormire) a molti abitanti che prima erano tormentati dal traffico.

Barcellona piste ciclabili
Pista ciclabile a Barcellona

 

 

L’arredo urbano corretto, assieme alle pedonalizzazioni intelligenti, possono – secondo gli studi di Lecroart – ridurre il traffico privato di auto e moto del 20% in pochi mesi. Soluzioni semplici per le quali occorre coraggio e un’idea di città. Quella che al momento manca del tutto alla nuova amministrazione capitolina.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni. I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni.

I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Y4oMqVH7Af

@diarioromano twitter.com/bikediablo/sta… Retweeted by diarioromano

Chiaramente non si tratta di pochissimi episodi isolati ma di un fenomeno che in qualche modo va affrontato. Se @gualtierieurope volesse porlo all'attenzione del Comitato Provinciale di Sicurezza ... twitter.com/Pino00895828/s…

Considerato il ruolo ricoperto e la sconsideratezza del gesto, in una città normale le dimissioni sarebbero molto appropriate. Ma nella Roma del 2022, per di più reduce da 5 anni di M5S alle vongole, anche in questo caso non accadrà nulla. twitter.com/gianluigidella…

Ex Circolo degli artisti: l’edificio comunale chiuso dal 2015, in totale abbandono. Per 18 anni non fu pagato l'affitto al #Campidoglio e nessuno fece controlli. La storia di possibili #corruzioni e strani legami con la politica 👇📰 diarioromano.it/ex-circolo-deg…

Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70. Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno. #Roma

test Twitter Media - Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70.
Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno.
#Roma https://t.co/bWAzrBRnwB
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close