Parcheggio piazzale della Radio: il mistero del progetto di superficie

I residenti fanno due volte l'accesso agli atti ma il Campidoglio non consegna i disegni. Eppure il piano risulta approvato e i lavori stanno per iniziare

Nel novembre scorso, durante una Commissione Mobilità, è stato annunciato che entro  gennaio 2021 il Dipartimento Mobilità del Comune avrebbe rilasciato il “permesso a costruire” per far partire i lavori di realizzazione del parcheggio interrato a Piazzale della Radio, progetto pronto già dal 2012 e previsto nel Piano Urbano Parcheggi (PUP).

La grande novità è stata l’annuncio che si era aggiunto anche il progetto definitivo (e non semplicemente preliminare) per la sistemazione della piazza in superficie, una questione che ovviamente interessa fortemente i residenti del quartiere. I dettagli del progetto però non sono stati resi noti.

Ritenendola una grave mancanza nei confronti dei cittadini, alcuni residenti hanno fatto una richiesta di accesso generalizzato agli atti, che è stata però respinta. Ormai preparati al muro di gomma della burocrazia, gli stessi residenti hanno avanzato una nuova istanza motivata, e qualche giorno fa è arrivata la risposta:

“il progetto di sistemazione superficiale è ancora in fase istruttoria e suscettibile di modifiche e prescrizioni”.

 

 

Non ci sarebbe quindi alcun progetto definitivo,  oppure più semplicemente non lo vogliono consegnare, visto che risulta APPROVATO con Determinazione Dirigenziale prot. QG/24544/2020. E i lavori, partiranno a breve o no?

Ancora una volta si evidenzia confusione nella comunicazione da parte del Comune, che oscura quel desiderio di trasparenza destinato a rimanere represso nei cittadini. Ma con questo il Comune ribadisce anche una precisa mancanza di volontà di intraprendere un percorso partecipato con la cittadinanza, tenendola di fatto fuori da qualsiasi dinamica decisionale.

Eppure è da anni che i residenti chiedono di essere coinvolti nel progetto. Lo avevano fatto tramite il comitato Carteinregola e poi il gruppo politico della Lega aveva dato il via ad una petizione per chiedere di bloccare l’opera perché non abbastanza partecipata. Ma il Campidoglio è andato avanti come nulla fosse fino ad approvare la delibera che – secondo quanto dichiarato dal direttore delle Infrastrutture  del Dipartimento Mobilità Alberto Di Lorenzo – comprendeva la sistemazione di superficie. Ma allora perché tenere segreto questo progetto?

La previsione originaria del parcheggio prevedeva 456 posti auto, di cui 277 a rotazione e 170 destinati a box pertinenziali.

In un primo tempo, i concessionari avevano immaginato per il giardino una grande vasca d’acqua con un maxi schermo luminoso. Ma l’idea fu accantonata per le perplessità dei comitati di quartiere che adesso sono ovviamente ansiosi di conoscere cosa sarà della piazza. Ma nessuno sembra intenzionato a rispondere.

Il primo progetto (foto Carteinregola)

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni. I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni.

I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Y4oMqVH7Af

@diarioromano twitter.com/bikediablo/sta… Retweeted by diarioromano

Chiaramente non si tratta di pochissimi episodi isolati ma di un fenomeno che in qualche modo va affrontato. Se @gualtierieurope volesse porlo all'attenzione del Comitato Provinciale di Sicurezza ... twitter.com/Pino00895828/s…

Considerato il ruolo ricoperto e la sconsideratezza del gesto, in una città normale le dimissioni sarebbero molto appropriate. Ma nella Roma del 2022, per di più reduce da 5 anni di M5S alle vongole, anche in questo caso non accadrà nulla. twitter.com/gianluigidella…

Ex Circolo degli artisti: l’edificio comunale chiuso dal 2015, in totale abbandono. Per 18 anni non fu pagato l'affitto al #Campidoglio e nessuno fece controlli. La storia di possibili #corruzioni e strani legami con la politica 👇📰 diarioromano.it/ex-circolo-deg…

Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70. Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno. #Roma

test Twitter Media - Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70.
Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno.
#Roma https://t.co/bWAzrBRnwB
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close