Parcheggio gratuito in centro, solo a Roma

1 Commento

La scorsa settimana è stato presentato “Ecosistema Urbano 2018“, il rapporto di Legambiente che misura le performance ambientali delle città capoluogo italiane prendendo in considerazione elementi come il clima, la mobilità, l’inquinamento atmosferico e acustico, la gestione dei rifiuti, quella idrica, le tematiche sociali, il verde pubblico.

 

Neanche a dirlo Roma ne è uscita con le ossa rotte, posizionatasi in un inglorioso 87mo posto su 104 posizioni; Milano, ad esempio, si è classificata in una invidiabile 23ma posizione, e pensare che nel ’94 era penultima in classifica, seguita solo da Napoli. Anche Roma un tempo non sfigurava in questa classifica, finendo entro le migliori 30 città, poi dal 2010 è iniziato un declino che non si è più arrestato.

 

Di questo sempre interessante rapporto abbiamo pensato di evidenziare l’elemento della sosta tariffata. Certamente non quello di maggior rilevanza ma tra quelli in cui Roma si distingue enormemente rispetto alle altre grandi capitali europee.

La tabella che segue è presa dal rapporto di Legambiente  e mostra il costo in euro di due ore di sosta su strada nelle aree centrali di alcune grandi città europee.

 

 

È chiaro come a Londra, Amsterdam, Copenhagen o Parigi facciano passare la voglia di sostare l’auto su strada, vero? Inoltre, in alcune delle città nella tabella, la durata della sosta è anche limitata; così ad esempio a Vienna e Madrid, dove il costo è alto ma non proibitivo, non si può sostare più di due ore.

A Roma invece si sosta a tempo indeterminato e a tariffe ultrapopolari. Senza contare poi la possibilità di sostare 8 ore pagando solo 4 euro o addirittura farsi l’abbonamento e sostare a piacimento per soli 70 euro mensili. Una vera pacchia!

Ma c’è di più. Non solo a Roma la sosta tariffata è stra-conveniente, ma esistono molte aree centrali dove è disponibile la sosta totalmente gratuita. Una su tutte via dei Cerchi, la strada che costeggia il Circo Massimo alle pendici del Palatino, dove sono disponibili centinaia di posti auto regolari completamente gratuiti.

 

 

In quale altra grande città europea chiunque può arrivare in pieno centro storico e lasciare la propria autovettura vita natural durante senza pagare un centesimo?

 

Ora, delle due l’una: o in tutte le altre città non hanno capito niente e si accaniscono gratuitamente contro chi ha solo la pretesa di trovare un posto regolare per la sua autovettura, oppure Roma è rimasta indietro, molto indietro, rispetto alle pratiche migliori di gestione della mobilità, incentivando quella privata che altrove da anni viene pesantemente scoraggiata a vantaggio della mobilità pubblica.

 

Va detto che almeno su questo tema pare si stiano facendo dei passi avanti, con l’amministrazione che ha in piano di modificare le tariffe della sosta sulle strisce blu a partire dalla metà del 2019.

Non sappiamo se i piani prevedano anche la sparizione delle tante “strisce bianche” presenti in centro storico, ossia le aree a sosta gratuita. Spereremmo di sì, giacché con gli aumenti tariffari previsti dal piano si creerebbe una sproporzione ancora più evidente tra chi dovrà pagare la sosta e chi invece riuscirà a godere dell’esenzione totale.

 

Chiariamo che non abbiamo alcuna particolare predilezione a veder gli automobilisti tartassati, anche perché siamo noi stessi automnobilisti ed i balzelli li subiamo anche noi. Se però si vuole andare verso una mobilità più sostenibile, che privilegi il trasporto pubblico e riduca quanto più possibile la mobilità privata, è indispensabile conformarsi alle pratiche già in vigore da anni nelle città più avanzate.

E sì, lo sappiamo che generalmente nelle altre città la qualità ed efficacia del trasporto pubblico è enormemente superiore a quella romana, ma che lo si riconosca o meno, un modo immediato per migliorare il trasporto pubblico è renderlo più veloce diminuendo i mezzi privati.

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Da oltre 5 anni il Palazzo della Cancelleria è impacchettato solo per lucrare con la mega pubblicità. Nessuno ha lavorato sulle facciate per anni. La denuncia dei residenti del quartiere. diarioromano.it/?p=29085

test Twitter Media - Da oltre 5 anni il Palazzo della Cancelleria è impacchettato solo per lucrare con la mega pubblicità. Nessuno ha lavorato sulle facciate per anni. La denuncia dei residenti del quartiere. https://t.co/TqGmAEzEGw https://t.co/tuzLzelVJn

Nei giorni normali servizio TPL di superficie a Roma intorno al 70%, il giorno dello sciopero sfiora il 60%!?! @virginiaraggi @LindaMeleo Lo capite che c'è qualcosa di molto grosso che non va e che va spiegato? E non dite che stanno per arrivare 600 nuovi bus perché è una balla! twitter.com/MercurioPsi/st…

Video diario
  • San Saba in abbandono

    Scarico della fontanella ostruito e marciapiede devastato: anche a San Saba regna un abbandono decennale. C.M.

  • Gelatone a via Magnanapoli

    Sulla scalinata di via Magnanapoli gli esercenti allestiscono espositori e cartelli a piacimento, tanto per i vigili sono invisibili. R.S.

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.