Parcheggio Arnaldo da Brescia: un’odissea da 15 anni

 

C’è una grande opera incompiuta nel cuore di Roma, in uno dei punti più belli del Lungotevere: il parcheggio Arnaldo da Brescia, situato sulla sponda sinistra del Tevere, tra ponte Regina Margherita e ponte Matteotti, iniziato nel 2005 non è mai stato completato ed oggi fa mostra di sé un cantiere abbandonato, lamiere arrugginite e un ampio tratto di strada sequestrato ai cittadini. Il progetto originario di parcheggio interrato, inserito nel Programma Urbano Parcheggi del Comune di Roma, si sarebbe in realtà dovuto realizzare in via Picardi, ai Parioli, ma vista la sopraggiunta non fattibilità in quell’area le ditte proposero di spostarne la costruzione sul Lungotevere.

La proposta prevedeva uno sviluppo sull’intero Lungotevere Arnaldo da Brescia, con la realizzazione di circa 600 posti auto interrati ed una piazza con affaccio sul Tevere. Nel 2008 la Giunta Comunale, al tempo guidata dal Sindaco Veltroni, autorizzò la costruzione della parte di parcheggio compreso tra ponte Margherita e ponte Nenni, da realizzarsi tra le paratie del sottovia esistente e il muraglione dell’argine. Prevedeva 40 posti moto e 344 per auto, di cui 198 pertinenziali e 146 a rotazione. Da ricordare che al tempo il criterio di pertinenzialità prevedeva che l’eventuale acquirente possedesse una proprietà nel raggio di 500 metri dal parcheggio.

 

I primi scavi del 2010 portarono però alla luce un problema col grande collettore fognario che passa in quel tratto del Lungotevere ed i lavori dovettero arrestarsi. Passarono gli anni ed il progetto parve poter riprendere nel 2012 sotto l’amministrazione Alemanno, quando fu approvata una prima variante che lo portò a ridurre a 182 i posti auto totali, di cui 101 box e 12 stalli pertinenziali e 69 stalli a rotazione. Nel frattempo il criterio di pertinenzialità veniva anche eliminato, consentendo l’acquisto dei posti auto a tutti i residenti nel Comune di Roma.

Nuova ripresa dei lavori quindi ma ulteriore imprevisto nella rete dei sottoservizi e la necessità di un nuovo progetto presentato nel marzo 2015, con una previsione di posti immutata ma distribuiti su due piani interrati, anziché i tre previsti originariamente. Dal 2015 ci sono voluti quasi due anni perché il progetto ottenesse tutti i pareri necessari. Chiusa la conferenza dei servizi a gennaio 2017, si arriva alla fase attuale, durante la quale gli uffici di Roma Capitale stanno verificando che gli elaborati rispettino tutte le numerose prescrizioni che hanno accompagnato i pareri positivi dei vari enti.

Le ditte costruttrici si sono dette pronte a partire con i lavori non appena l’iter verrà concluso. Considerato che i passaggi amministrativi non dovrebbero richiedere molto altro tempo e supponendo non emergano ulteriori problemi, la previsione che si può fare al momento è di un completamento del parcheggio per la prima metà del 2020. Farebbero 15 anni dalla presentazione del primo progetto, un tempo enorme, senz’altro inconcepibile per una grande città che voglia coniugare la grande eredità accumulata in oltre due millenni con stili di vita contemporanei.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni. I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni.

I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Y4oMqVH7Af

@diarioromano twitter.com/bikediablo/sta… Retweeted by diarioromano

Chiaramente non si tratta di pochissimi episodi isolati ma di un fenomeno che in qualche modo va affrontato. Se @gualtierieurope volesse porlo all'attenzione del Comitato Provinciale di Sicurezza ... twitter.com/Pino00895828/s…

Considerato il ruolo ricoperto e la sconsideratezza del gesto, in una città normale le dimissioni sarebbero molto appropriate. Ma nella Roma del 2022, per di più reduce da 5 anni di M5S alle vongole, anche in questo caso non accadrà nulla. twitter.com/gianluigidella…

Ex Circolo degli artisti: l’edificio comunale chiuso dal 2015, in totale abbandono. Per 18 anni non fu pagato l'affitto al #Campidoglio e nessuno fece controlli. La storia di possibili #corruzioni e strani legami con la politica 👇📰 diarioromano.it/ex-circolo-deg…

Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70. Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno. #Roma

test Twitter Media - Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70.
Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno.
#Roma https://t.co/bWAzrBRnwB
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close