Pagare l’IRPEF regionale più alta d’Italia …

… anche per consentire di godere a sbafo dell’aria condizionata a qualcuno che ha avuto il solo merito (si fa per dire) di occupare con la forza una cosa pubblica.

 

condiz1

La foto mostra infatti l’entrata del palazzo in via Maria Adelaide, di proprietà della Regione Lazio ed occupato abusivamente oltre dieci anni fa, con un tubo di scarico dell’aria condizionata che spunta da una finestra al primo piano.

La storia di questa occupazione l’abbiamo già raccontata qui, ma giova ogni tanto tornarci per ricordare agli ignari cittadini del Lazio che l’addizionale IRPEF regionale che mensilmente si ritrovano decurtata dalla busta paga è la più alta d’Italia, con l’aliquota massima che arriva al 3,33% (in Lombardia, per fare un paragone, l’aliquota massima è all’1,74%).

E se i soldi della Regione Lazio devono andarsene per pagare le bollette a chi occupa il patrimonio immobiliare regionale senza alcun titolo, allora deve esserci spazio per ridurle le tasse regionali semplicemente dando soluzioni degne e socialmente fruttose ad occupazioni come queste.

Come fanno i vertici regionali a non cogliere lo stridente contrasto tra chi deve fare i salti mortali per pagare le proprie bollette, oltre alle esose tasse regionali, dovendo rinunciare spesso non solo all’aria condizionata in casa ma anche a necessità ben più urgenti, e coloro che invece grazie solo alla loro prepotenza trascorrono al fresco le giornate più calde dell’anno senza che questo costi loro un solo euro. Dov’è la giustizia sociale in ciò?

Concludiamo ricordando la chiusa del pezzo già citato: la rinascita della città di Roma non potrà non passare anche per l’eliminazione delle sacche d’illegalità rappresentate da occupazioni abusive come questa.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Sempre in attesa del piano industriale di #AMA, in un luogo secondario come piazza del Popolo un locale ristorante ha deciso di tenere i bidoncini dei rifiuti sempre fuori. Segnalazioni a Municipio e Comune cadono nel vuoto. @lorenzabo @Sabrinalfonsi @gualtierieurope

test Twitter Media - Sempre in attesa del piano industriale di #AMA, in un luogo secondario come piazza del Popolo un locale ristorante ha deciso di tenere i bidoncini dei rifiuti sempre fuori. Segnalazioni a Municipio e Comune cadono nel vuoto.
@lorenzabo @Sabrinalfonsi @gualtierieurope https://t.co/N0dMz5YFeg

Un’antica colonna emerge durante lavori in zona Pantheon. Il reperto, forse di epoca romana o posteriore, era incassato in un muro accanto al Caffè Di Rienzo, in Salita de’ Crescenzi. La scoperta durante un cantiere (foto Salvo I.) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Un’antica colonna emerge durante lavori in zona Pantheon.
Il reperto, forse di epoca romana o posteriore, era incassato in un muro accanto al Caffè Di Rienzo, in Salita de’ Crescenzi. La scoperta durante un cantiere (foto Salvo I.)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/3tKT8tMveu

A Roma i #disabili non esistono! Anche quest'anno la Giornata Internazionale delle persone con #disabilità a Roma passerà come nulla fosse, come se vivessimo in una città dove i disabili hanno gli stessi diritti di tutti 👇📰 diarioromano.it/a-roma-i-disab…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

A Roma i disabili non esistono!

Anche quest’anno la Giornata Internazionale delle persone con disabilità a Roma passerà come nulla fosse, come se vivessimo in una città dove i disabili hanno gli stessi diritti di tutti

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close