Occupazioni di suolo pubblico da rimuovere immediatamente

Mentre l’ultima trovata del Municipio per contrastare i tavolini abusivi pare reggere, si sta diffondendo sempre più una parzialmente nuova versione di OSP abusiva: l’occupazione del marciapiede rendendolo inagibile per carrozzine e sedie a rotelle.

Di seguito qualche esempio.

4fontane
via Quattro Fontane

 

 

cancelleria
piazza della Cancelleria

 

 

ripetta
via di Ripetta

 

Nel caso dell’ultima foto, quando poi i tavoli vengono utilizzati lo spazio a disposizione dei pedoni sparisce definitivamente. Per chi volesse passarci con una carrozzina o una sedia a rotelle l’impresa diviene impossibile.

Chiaramente ci troviamo di fronte a esercenti senza scrupoli, concentrati solo sui loro miseri affari e noncuranti dei problemi che i loro illeciti possono causare agli altri. Sarebbe bello che per certa gentaglia ci fossero delle pene accessorie come l’essere inchiodati su una carozzella per qualche settimana, così da provare in prima persona i disagi che loro stessi causano alle categorie più deboli.

Ma se alla stupidità non c’è rimedio, l’amministrazione dovrebbe capire che un certo tipo di abusi non può essere trattato come altri della stessa categoria. Se infatti a Campo dei Fiori i locali allargano illecitamente le loro OSP, la repressione di tali abusi potrebbe anche prendere qualche giorno, giacché i fastidi sarebbero tutto sommato limitati (poi in realtà prende mesi o anche non viene proprio applicata ma queste sono altre storie). Ma nel caso delle OSP totalmente abusive mostrate dalle foto, la loro presenza impedisce il regolare transito pedonale, con disagi notevoli per chi ha difficoltà di deambulazione. Tali situazioni richiederebbero quindi un intervento immediato della forza pubblica affinché la limitazione alla libertà altrui venga rimossa senza indugio.

Purtroppo invece a Roma questi abusi sono trattati alla stregua degli altri in materia di OSP, con tempi d’intervento biblici o mancanza totale d’intervento. Le tre situazioni mostrate dalle foto sono state infatti sottomesse su IoSegnalo e risultano al momento “Passato a Programmazione”, il che equivale a perderne traccia.

Perché se un veicolo viene lasciato in sosta d’intralcio esso può essere rimosso immediatamente e se invece in sosta d’intralcio ci si mettono dei tavolini questi possono rimanerci per mesi indisturbati?

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Mezzocammino, il quartiere dei #fumetti. Gli eroi dei sogni qui sono realtà. Ogni strada, parco e scuola porta il nome dei grandi artisti del passato e dei loro protagonisti... 👇📰 diarioromano.it/mezzocammino-i…

Auto abbandonata o magazzino in strada? In via Aurelio Cotta (Numidio Quadrato) c’è una vecchia Lancia Y10 che sembra abbandonata, ma all’interno si vedono pezzi di altre auto. Magazzino di qualcuno? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Auto abbandonata o magazzino in strada?
In via Aurelio Cotta (Numidio Quadrato) c’è una vecchia Lancia Y10 che sembra abbandonata, ma all’interno si vedono pezzi di altre auto. Magazzino di qualcuno?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/rGBiQnF6q2

A rischio l’autorevolezza dell’Agenzia Controllo Qualità dei Servizi di Roma Capitale? Oggi in #AssembleaCapitolina una delibera che propone di portare da 5 anni a uno la durata in carica del vertice, oltre ad una drastica riduzione dei compensi 👇📰 diarioromano.it/a-rischio-laut…

28 9 in #assembleacapitolina voto su modifica @ACoS_Roma agenzia controllo qualità servizi: chiediamo mandato Presidente resti di 5 anni, no 1 anno @thegoodlobbyit, @openpolis, @Cittadinanzatti,@DD_Forum,@PortavoceFtsl @MercurioPsi @diarioromano carteinregola.it/index.php/modi… Retweeted by diarioromano

“Vespa Orientalis”: il grande alveare segnalato sta ancora lì. È dal 10 settembre che un grosso alveare su uno degli alberi di piazza della Chiesa Nuova è stato segnalato a diversi uffici, inclusa l’AMA, ma è ancora lì. Un caso che sia nato dove vengono ammucchiati i rifiuti?

test Twitter Media - “Vespa Orientalis”: il grande alveare segnalato sta ancora lì.
È dal 10 settembre che un grosso alveare su uno degli alberi di piazza della Chiesa Nuova è stato segnalato a diversi uffici, inclusa l’AMA, ma è ancora lì. Un caso che sia nato dove vengono ammucchiati i rifiuti? https://t.co/mXZCiPuY3J
test Twitter Media - “Vespa Orientalis”: il grande alveare segnalato sta ancora lì.
È dal 10 settembre che un grosso alveare su uno degli alberi di piazza della Chiesa Nuova è stato segnalato a diversi uffici, inclusa l’AMA, ma è ancora lì. Un caso che sia nato dove vengono ammucchiati i rifiuti? https://t.co/mXZCiPuY3J

@sunsetleena Da ANNI evidenziamo il problema della linea 146, chiedendo un collegamento VELOCE (aggiuntivo, ma con meno fermate) sullo stesso percorso. Ass @eugenio_patane cosa manca per farlo? diarioromano.it/la-funivia-di-… @diarioromano Retweeted by diarioromano

In via Boncompagni un edificio futuristico con giardini in verticale. Sono iniziate le #demolizioni dell'intero isolato tra via Romagna e via Puglie. Il #progetto è firmato da uno dei più importanti studi cinesi di architettura 👇📰 diarioromano.it/in-via-boncomp…

Chi dovrebbe proteggere le fermate del bus? Tipica fermata del bus a via di S. Croce in Gerusalemme: oggi c’è un TIR, altre volte tante auto, ma il bus sempre in mezzo alla strada deve fermarsi. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Chi dovrebbe proteggere le fermate del bus?
Tipica fermata del bus a via di S. Croce in Gerusalemme: oggi c’è un TIR, altre volte tante auto, ma il bus sempre in mezzo alla strada deve fermarsi.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/F7iOjjx6uL
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close