Nuova tenzone Berdini-Caudo

Nessun commento

A fine luglio abbiamo scritto della scadenza ormai passata per il possibile commissariamento dell’ex Fiera di Roma. In estrema sintesi, la giunta Marino aveva approvato un piano che decideva la sistemazione dell’area dell’ex Fiera di Roma sulla Cristoforo Colombo; la caduta della giunta e l’inazione del commissario Tronca non avevano però permesso l’attuazione di tale piano, per cui la Investimenti SpA, proprietaria dell’area ed interessata alla sua valorizzazione per ricavare risorse indispensabili ad evitare la bancarotta, si è vista costretta a ricorrere al TAR; i giudici amministrativi hanno giudicato fondato il ricorso della Investimenti SpA ed hanno dato al Comune un termine per decidere il destino dell’area.

Il nostro pezzo si chiudeva domandandosi se ci sarebbe stato un sussulto di orgoglio da parte della giunta Raggi, prendendo una decisione in merito al futuro dell’ex Fiera di Roma e scongiurando quindi l’ipotesi del commissario straordinario.

Ebbene un tale sussulto non c’è stato ed il TAR ha proceduto a nominare il prefetto di Roma, Paola Basilone, come commissario.

A margine di questo ennesimo brutto segnale da parte della nuova amministrazione (non è infatti ammissibile farsi cogliere impreparati su una cosa che matura da mesi e su cui Raggi e compagnia avrebbero dovuto già avere le idee chiare da tempo), è in corso una sorta di contesa a distanza tra l’assessore all’urbanistica Paolo Berdini ed il suo predecessore Giovanni Caudo.

Queste le dichiarazioni dell’assessore Berdini, diffuse dall’ANSA:

“Fiera Roma: Berdini, se Investimenti non sa gestire fallisca
“No al mostro sulla Colombo, ridurre cubature”
(ANSA) – ROMA, 4 AGO – “Una cosa la voglio dire. Mi rendo conto che è un’entrata a gamba tesa che faccio per la convocazione di una commissione urbanistica sulla Ex Fiera e il voto di consiglio che vi chiediamo. Volevano fare un mostro sulla Cristoforo Colombo perché così ripianavano il debito di investimenti Spa. Se Investimenti Spa non è in grado di saper gestire la Fiera di Roma fallisca. Sapete che non è così,eh…”. Così l’assessore all’Urbanistica di Roma Paolo Berdini in commissione urbanistica.
Per Berdini, “noi non possiamo ripianare i debiti di una scelta urbanistica sbagliata aumentando le cubature a viaCristoforo Colombo”. Sollecitato dalla capogruppo PD Michela Di Biase, Berdini ha risposto: “Se lei mi chiede di dare una potatura alle cubature del centro carni, io sono d’accordo, però dovete essere d’accordo nel votare a favore della decurtazione (di cubature, ndr) che facciamo alla (ex, ndr) Fiera di Roma”.

 

E questa la risposta di Giovanni Caudo sul suo facebook:

“Ex Fiera. Berdini si fa commissariare dal prefetto e mostra di non conosce la delibera.

La delibera sulla ex fiera approvata in giunta nel 2014 e in Assemblea Capitolina un anno dopo, nel Luglio del 2015, prevede una cubatura di 216 mila metri cubi, oggi l’area è edificata per 272.316 metri cubi, taglia pertanto circa 60 mila metri cubi rispetto alla situazione attuale.
L’edificazione prevista, infatti, non fu misurata sulle esigenze finanziarie della proprietà, né con riferimento alla consistenza attuale, ma sulla sola sostenibilità urbanistica degli spazi pubblici. Infatti dei 7,3 ha del vecchio comprensorio della fiera, circa 3,2 saranno destinati a servizi pubblici di quartiere, tutti quelli che servono al nuovo intervento. La quantità di edificato è molto al di sotto di tutte le proposte di delibere precedenti, 67.500 mq contro i 91.300 di Alemanno e gli 86.000 di Veltroni, ed è vincolata alla realizzazione di un adeguato sistema di accessibilità pubblica su ferro e a un documento di indirizzi per il concorso di progettazione urbana da predisporre coinvolgendo i cittadini. Lì dove c’è la vecchia fiera e insistono edifici non più utili e cadenti, lì dove è sempre esistito un muro continuo che costeggia la Cristoforo Colombo, interrompendo la continuità del verde pubblico ai margini della strada, la delibera consente di avviare un importante progetto di rigenerazione urbana.

Non si capisce quindi a quale “mostro”, a quale “incremento di cubatura” si riferisca l’assessore nelle sue dichiarazioni fatte oggi in Commissione urbanistica e riportate dall’Ansa. forse sono riferite alle delibere precedenti, quelle di Alemanno che prevedevano quasi 300 mila metri cubi, più delle cubature ora esistenti.

Invito Berdini a una maggiore esattezza e accortezza e ad evitare valutazioni demagogiche operate anche in modo maldestro, senza alcun fondamento, senza neanche leggere le carte. Ci sta a cuore Roma, la serietà di giudizio e di valutazione è un requisito importante in un momento difficile per la città. Anche per questo si poteva e si doveva evitare che il comune venisse commissariato dal TAR nella persona del Prefetto per dare seguito alla delibera sulla ex fiera e rispondere alle sole due osservazioni ricevute (sono necessarie solo poche ore di lavoro!).

Su una cosa invece sono d’accordo con le parole dell’assessore Berdini, che non si fanno delibere urbanistiche per sanare i debiti di una società, e riprendo qui quanto ho dichiarato alla stampa in occasione dell’approvazione della delibera, l’11 Luglio del 2015: “Come ho avuto modo di dire e di ribadire durante il percorso che ha portato alla proposta di delibera di trasformazione urbanistica della ex Fiera, approvata in giunta a luglio del 2014, un anno fa, le aziende si salvano e si ristrutturano con piani industriali seri, capaci di saper cogliere le opportunità del mercato e di corrispondere agli interessi più generali dello sviluppo economico della città. Questo è quello che serve prioritariamente alla società che attualmente gestisce la fiera nuova: un rinnovato e credibile piano industriale.”

 

Al post di Giovanni Caudo risponde così nei commenti il professor Sergio Brenna, del Politecnico di Milano:

L’ex assessore Caudo, al pari dei suoi omologhi milanesi delle Giunte Pisapia e ora Sala, fa rilevare che le sue previsioni edificatorie sono state minori di quelle delle precedenti amministrazioni di centro-destra: non si può che replicare che il termine di paragone è incongruo ed inacettabile. La metà di una pazzia non per ciò stesso è una cosa ragionevole: talvolta è mezza pazzia, ma spesso è una pazzia e mezza. Oltre tutto, la previsione della delibera promossa da Caudo non è affatto così bassa: 0,88 mq/mq, più prossima all’1,00 mq/mq e passa dei PII Citylife e Porta Nuova delle Giunte Albertini/Lupi e Moratti/Masseroli che nemmeno all’ancora troppo elevato 0,65 mq/mq delle previsioni di Pisapia/De Cesaris e ora Sala/Maran e distantissimo dallo 0,50-0,45 mq/mq con cui si possono soddisfare sull’area di trasformazione sia gli standard di zona che quelli generali. Con lo 0,88 di Caudo si producono densità fondiarie di oltre 7 mc/mq del tutto incompatibili con i preesistenti tessuti residenziali di via dell’Arcadia. Quando nel Laboratorio partecipativo cui portai il mio spontaneo e disinteressato contributo di esperienza su ex Fiera di Milano, proposi che, con un It così elevato, almeno si concentrasse una più rilevante quota di terziario lungo via Colombo (con densità anche di 10-12 mc/mq), pur di ridurre altezze e densità delle residenze verso via dell’Arcadia, la rappresentante di Caudo nel Laboratorio mi rispose che non si poteva limitare così tanto “la libertà imprenditiva del futuro acquirente”, ma sacrificando così la sostenibilità dell’intervento rispetto al contesto ! Ora mi pare che l’indicazione di Berdini di un indice edificatorio più contenuto vada proprio in questa direzione, lasciando più libertà progettuale al futuro acquirente entro limiti edificatori che sono più sostenibili e in grado di generare tutti gli spazi pubblici prescritti senza densità fondiarie ed altezze degli edifici troppo elevate.

 

Sull’argomento torna poi di nuovo Giovanni Caudo con un nuovo post:

“Ancora sulla ex fiera.
Intervengo ancora in questa vicenda non perché mi interessa difendere a ogni costo quello che ho fatto, so benissimo che l’attuale amministrazione ha altri orientamenti e cancellerà ogni cosa, lo ha anticipato, scritto e detto in ogni modo.

Mi interessa salvaguardare un interesse superiore, quello di come si costruiscono le scelte urbanistiche in una città come Roma, oggi. Quale visione di città si persegue. Con quale complessità ci si confronta e quali sono i criteri di qualità che si pensa di perseguire.

Mi domando se il solo dato quantitativo o una riduzione a prescindere delle cubature (su un’area per altro di proprietà di una società partecipata dal Comune e dalla Regione), debba costituire il criterio unico di riferimento. Per alcuni fissare un indice di edificabilità basso vuol dire già assicurarsi qualità e vivibilità, secondo me invece non è detto e non è scontato. Così come una maggiore densità edilizia non significa necessariamente una minore qualità o vivibilità dell’intervento.
La densità di abitanti del quartiere de La Garbatella è decisamente superiore a quella di un quartiere come Corviale, eppure nessuno ha molti dubbi sulla qualità dell’uno o dell’altro quartiere, e questo perché altri fattori qualitativi entrano in gioco con le scelte progettuali.

Come si fa allora a ridurre alla banalizzazione della quantità e degli indici, purché siano bassi, il discorso sulla trasformazione della città?
Non è forse questo uno dei motivi della devastazione del territorio di Roma, tanti interventi a bassissima densità? Non è questa impostazione voluta nel tempo da assessori e tecnici e ben accolta dai proprietari dei terreni, che ha portato ad avere quartieri con una densità così bassa che nessuna metropolitana, neanche di superficie, potrà mai rincorrerli? A Londra o a Parigi il dibattito è proprio su questo tema, come assicurare interventi ad alta densità e contemporaneamente la qualità urbana e la vivibilità. E i loro parametri sono ben più alti di quelli di cui qui si discetta. Siamo sicuri che a Roma non dovremo ragionare anche noi su questo?

Quando si vuole fare rigenerazione urbana, trasformare la città esistente, come nel caso dell’area della ex fiera, si deve ancora lavorare con gli strumenti dell’urbanistica parametrica, quella dell’espansione e del consumo di suolo? Ancora solo e soltanto con le quantità e con gli indici? O piuttosto questi sono strumenti ormai obsoleti che appartengono all’Urbanistica del Novecento? Non è il momento di entrare nel XXI secolo anche a Roma?

La questione centrale è che non si dovrebbero fare scelte improntate alla demagogia banalizzando questioni complesse di qualità urbana che sono dirimenti oggi e per il futuro della nostra città. Per questo nella trasformazione della ex fiera la questione del dimensionamento l’avevamo fondata sulla sostenibilità degli spazi pubblici e il carico urbanistico che se ne ricavava era quello coerente con la quantità di attrezzature che si realizzavano. Da qui in poi il ragionamento non poteva che entrare nel merito del progetto e per questo la trasformazione l’abbiamo vincolata al concorso di architettura per la redazione di un master plan unitario. Un concorso basato sulle linee guida costruite insieme agli abitanti in modo che il progetto si facesse carico di una risposta qualitativa alle reali esigenze poste da chi abita e vive la città intorno.

Dalle dichiarazioni dell’assessore Berdini si capisce invece che farà quello che chiedeva l’ex presidente Catarci e proporrà una riduzione dell’edificazione a 44.360 mq, la superficie edificata esistente, l’equivalente della superficie dei capannoni della ex fiera oggi. Perché questo dato dovrebbe essere garanzia di una maggiore qualità dell’intervento?

Ha tutto il potere e la possibilità di farlo. Non è questo il punto. Si tratta di una scelta politica del tutto legittima e come tale la motivi, senza ricorrere ai mezzucci del “mostro” della delibera precedente o alle falsità dell’aumento di cubatura che avremmo deciso nella precedente amministrazione.
Le scelte politiche sono tutte legittime, l’onestà intellettuale invece non si compra un tanto al chilo.”

 

Il dibattito è senz’altro di alto livello e fornisce spunti per farsi un’idea della questione anche ai non addetti ai lavori.

Rimane però il fatto che poi la politica deve prendere le decisioni in maniera tempestiva e metterle in pratica conseguentemente, mentre in questo caso la giunta Raggi ha voluto abdicare al commissario nominato dal TAR.

Un vero peccato ed un pessimo precedente.

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Grazie a Salvo I. per questa magnifica e unica #foto della scalinata di piazza di Spagna. Avremmo tutti voglia di #passeggiare per una #Roma deserta ma non si può. Restiamo in casa. . #photo #lettori #COVIDー19 #iorestoacasa #1April

test Twitter Media - Grazie a Salvo I. per questa magnifica e unica #foto della scalinata di piazza di Spagna. Avremmo tutti voglia di #passeggiare per una #Roma deserta ma non si può. Restiamo in casa.
.
#photo #lettori #COVIDー19 #iorestoacasa #1April https://t.co/pmFIskFEfj
Video diario
Error type: "Forbidden". Error message: "Access Not Configured. YouTube Data API has not been used in project 537752813138 before or it is disabled. Enable it by visiting https://console.developers.google.com/apis/api/youtube.googleapis.com/overview?project=537752813138 then retry. If you enabled this API recently, wait a few minutes for the action to propagate to our systems and retry." Domain: "usageLimits". Reason: "accessNotConfigured".

Did you added your own Google API key? Look at the help.

Check in YouTube if the id PLEjDk_cXPpAVKCrkyvdcyZMDVFWG7MzUp belongs to a playlist. Check the FAQ of the plugin or send error messages to support.
  • Fermata metro sott’acqua

    Uno degli ingressi di Valle Aurelia sabato scorso. Acqua e fango ovunque. Da vergognarsi. Andrea Cannone

  • Sui muri di Villa Ada

    Davanti l'ingresso di Villa Ada, in via Salaria, sono apparsi questi strani manifesti. Non credo siano autorizzati. Rosa