Noi abbiamo fatto il #vaccino contro le parole ostili

 

Torniamo a rilanciare il manifesto sottoscritto da tanti blog e siti web romani contro la comunicazione ostile. In questi giorni ci sono stati altri esempi di accuse e parole pesanti lanciate contro chi a pensa diversamente. I due casi più evidenti sono stati la vittoria di un cantante non “del tutto” italiano al festival di San Remo e la sconfitta elettorale dei 5Stelle in Abruzzo. La Rete è stata invasa da messaggi di accuse contro la giuria del Festival e contro quegli elettori che avrebbero tradito il Movimento e votato per altri partiti. Insulti, volgarità, falsità che avvelenano il clima di un evento di svago come San Remo e di un appuntamento democratico.

Ma questi episodi sono solo gli ultimi di una serie infinita di sfoghi vigliacchi lanciati grazie all’anonimato e alla sensazione di protezione che può offrire il proprio computer di casa. A Roma, durante l’amministrazione Marino e anche oggi con la giunta Raggi, sono tanti, troppi coloro che si sono rivolti agli amministratori solo con improperi senza mai accompagnare un ragionamento, una critica motivata, una proposta.

Ebbene noi e tanti altri esponenti dell’informazione libera non ci stiamo. Noi siamo per la critica severa ma sempre civile. Ecco perché aderiamo volentieri alla campagna contro le parole ostili. Leggete i 10 punti del manifesto e fateli vostri.

Anche diarioromano è vaccinato contro gli insulti. A noi piacciono gli argomenti.

CAMPAGNA PROMOSSA DA: Riprendiamoci Roma, Romanderground, Roma I migliori Anni, Trenino Blu, Odissea Quotidiana, Trastevere App, Diarioromano, Roma Pulita!, Malitalia, Associazione per Roma, Retake Roma, Comitato Mura Latine, Trionfalmente 17, Circolo Togliatti, Finestra Laica, Amici di via Plava, Cittadinanzattiva, Roma Anima, Ridiamo per non piangere, ReteCivicaRomana.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni. I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni.

I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Y4oMqVH7Af

@diarioromano twitter.com/bikediablo/sta… Retweeted by diarioromano

Chiaramente non si tratta di pochissimi episodi isolati ma di un fenomeno che in qualche modo va affrontato. Se @gualtierieurope volesse porlo all'attenzione del Comitato Provinciale di Sicurezza ... twitter.com/Pino00895828/s…

Considerato il ruolo ricoperto e la sconsideratezza del gesto, in una città normale le dimissioni sarebbero molto appropriate. Ma nella Roma del 2022, per di più reduce da 5 anni di M5S alle vongole, anche in questo caso non accadrà nulla. twitter.com/gianluigidella…

Ex Circolo degli artisti: l’edificio comunale chiuso dal 2015, in totale abbandono. Per 18 anni non fu pagato l'affitto al #Campidoglio e nessuno fece controlli. La storia di possibili #corruzioni e strani legami con la politica 👇📰 diarioromano.it/ex-circolo-deg…

Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70. Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno. #Roma

test Twitter Media - Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70.
Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno.
#Roma https://t.co/bWAzrBRnwB
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close