Nel 2019 la giunta Raggi non ha speso 700 milioni disponibili. E Roma muore

 

La denuncia arriva dal Messaggero ed è una di quelle che fa accapponare la pelle. Anche nel 2019 la giunta Raggi non ha saputo spendere i soldi che aveva in cassa per gli investimenti. Circa la metà del Pil romano, 700 milioni di euro, è rimasta nel cassetto.

La Sindaca e l’assessore al bilancio Lemmetti, invece di cospargere la cenere sul proprio capo, si vantano pure per aver chiuso il documento di programmazione economica in tempo. Bel risultato se il prezzo da pagare è stato quello di non aver speso il 70% dei denari destinati alle opere pubbliche.

Roma sta morendo e la differenza con le altre città italiane e straniere si fa sempre più ampia. Mentre Milano conosce un boom senza precedenti e ovunque si costruiscono infrastrutture che portano lavoro e sviluppo, la capitale d’Italia è l’unica a restare indietro.

L’assessore 5stelle al Bilancio, Gianni Lemmetti

 

Tra le tante opere che si sarebbero potute realizzare con questi soldi ci sono:

a- il complemento dell’accesso alla metro Jonio
b- la realizzazione della nuova sede del Municipio XV
c- la messa in sicurezza di via Como
d- la manutenzione del parcheggio di Saxa Rubra
e- l’installazione delle nuove telecamere di sorveglianza
f- la costruzione del tram tra via Cavour e via Lanza
g- la manutenzione di via Nairobi e di via Bravetta
h- il completamento della biblioteca di via Merlini
i- il consolidamento delle Mura Aureliane

E molto altro. Tutte cose che probabilmente non vedremo per tanti anni a venire e che avrebbero portato lavoro, decoro, crescita e servizi.

Perché la giunta Raggi non ha speso dei soldi che aveva? Il fenomeno parte da lontano e non è appannaggio solo di questa amministrazione. Ma mai così tanti soldi erano rimasti nel cassetto. Normalmente, quello che in gergo tecnico si chiama “overshooting” non superava mai il 30 per cento degli investimenti totali. Questa amministrazione è arrivata al 70%, cioè ad una cifra che porta alla paralisi.

E i 5Stelle sono riusciti a peggiorare la loro già pessima performance. Nel 2017 avevano lasciato inutilizzati 500 milioni e nel 2018 più di 380 milioni. Sommati ai 700 di quest’anno, si arriva a 1 miliardo e 580 milioni non spesi in tre anni.

Si badi bene che questi soldi non sono perduti per sempre, ma il loro utilizzo è adesso condizionato a così tanti passaggi tecnici che difficilmente nei prossimi anni potranno essere impiegati.

La spiegazione di questo disastro la fornisce l’Oref, l’organismo di controllo dei bilanci capitolini. Nella relazione allegata al bilancio di previsione 2020-2022 scrive: “…è la non corretta programmazione a generare il ricorso a continue variazioni e il profilarsi di un overshooting”.

Insomma il tema è sempre lo stesso, quello che abbiamo denunciato troppe volte parlando per esempio dei bandi sulla manutenzione del verde. I soldi c’erano ma la giunta non è stata in grado di farli partire. Sbagliano a programmare, non hanno uffici all’altezza, non riescono a far riunire in tempo le commissioni.

Pochi giorni fa si è fatta polemica sullo staff di comunicazione della Sindaca che sarebbe il più costoso di questi ultimi anni, perfino rispetto ad Alemanno! Se la Raggi avesse avuto il senso di quello la circonda e del ruolo che i romani le hanno attribuito, avrebbe dovuto ingaggiare manager ed esperti in programmazione e bilancio. Qualcuno che avrebbe potuto aiutare la farraginosa macchina capitolina a tornare in movimento. Invece si è scelto di non fare, di non realizzare. Con il risultato che la capitale sta attraversando il periodo più buio della sua storia recente.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Dopo sette anni il restringimento di via Nairobi è sempre lì. L'intervento previsto per lo scorso aprile è stato annullato per sopravvenute complicazioni alla galleria dei sottoservizi e a settembre andrà trovata una nuova soluzione... 👇📰 diarioromano.it/dopo-sette-ann…

Uno slargo per Simonetta Cesaroni. Il largo della Gancia prenderà il nome della giovane che fu uccisa nel 1990. A pochi passi da via Carlo Poma, luogo dell’omicidio. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Uno slargo per Simonetta Cesaroni.
Il largo della Gancia prenderà il nome della giovane che fu uccisa nel 1990. A pochi passi da via Carlo Poma, luogo dell’omicidio.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/E6AW907eE2

#ATAC - alle aste immobiliari, previste dal Concordato, MANCANO circa 54 MLN€‼️ Sconosciuto l'esito del 4° tentativo di fine Luglio Comune #Roma si è impegnato a comprare 5 immobili per circa 23 MLN€ (e ha perso il 6°, la pregiata Rimessa Vittoria per #tram e #bus elettrici) Retweeted by diarioromano

Sapete che anche noi #disabili andiamo in vacanza? La domanda è chiaramente provocatoria ma la situazione è molto difficile, basta vedere i dati delle #BandiereLilla. Raccontatemi la vostra esperienza! travelquotidiano.com/mercato_e_tecn… (via @TravelQuot) #disabilità #SiamoTuttəUguali Retweeted by diarioromano

Nuovo porto al faro di #Fiumicino: ospiterà yacht o grandi navi da crociera? L'area, oggi in stato di abbandono, è stata acquisita da Royal Carribean che ne vuole fare un suo scalo. I #cittadini in allarme: i fondali non sono adatti 👇📰 diarioromano.it/nuovo-porto-al…

Al Ghetto si moltiplicano i guadagni dei locali ma anche la spazzatura. I locali cominciano dal primo pomeriggio ad ammucchiare la spazzatura in strada. Da una parte moltiplicano i tavoli e dall'altra i rifiuti in strada. Qualcuno che riprenda il controllo? #fotodelgiorno

test Twitter Media - Al Ghetto si moltiplicano i guadagni dei locali ma anche la spazzatura.
I locali cominciano dal primo pomeriggio ad ammucchiare la spazzatura in strada. Da una parte moltiplicano i tavoli e dall'altra i rifiuti in strada. Qualcuno che riprenda il controllo?
#fotodelgiorno https://t.co/HI6rk8uSHA

#Rinnovabili: l’ambizioso piano di Zingaretti, le utopie e la realtà. Secondo il presidente della Regione, entro il 2050 il Lazio sarà alimentato solo da energia green... 👇📰 diarioromano.it/rinnovabili-la…

Sant’Angela Merici: chiudete la buca. Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra Circ.ne Nomentana e via Sant’Angela Merici. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Sant’Angela Merici: chiudete la buca.
Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra https://t.co/e5YgpquKdc Nomentana e via Sant’Angela Merici.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/gYlcl40gbj
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close