La notizia la leggiamo da RomaToday: il Sindaco Raggi risponde ad una petizione con cui circa 4000 cittadini avevano chiesto la riapertura dei nasoni e lo fa dando dei numeri che o sono chiaramente sballati oppure sono preoccupanti per la loro esiguità.

 

La lettera sempre da RomaToday

 

Scrive infatti il Sindaco:

 

… il piano di riapertura delle fontanelle di Roma è stato definitivamente eseguito […]

Tale attività inizialmente ha prodotto la riapertura di n. 199 fontanelle (cd “nasoni”) e a far data dal 15 maggio 2018, è stata compiuta ed implementata l’apertura di ulteriori 72 fontanelle.

 

Chiunque avesse un minimo di praticità della situazione romana saprebbe che parlare della riapertura di meno di 300 fontanelle è una roba da far ridere i polli. A Roma infatti ve ne sono ben oltre 2000 di nasoni e tanti furono quelli chiusi nell’estate 2017 per far fronte all’emergenza idrica.

 

La cosa che però stride di più della letterina del Sindaco (e tralasciamo per carità di patria la punteggiatura ed i termini utilizzati) è il confronto con quanto ebbe a dire lo stesso Sindaco Raggi dalla sua pagina facebook lo scorso maggio. In sostanza:

 

Adesso voglio darvi una buona notizia: abbiamo già ricominciato la riapertura dei nasoni, questo lavoro lo sta facendo Acea insieme ai singoli Municipi che segnalano quali fontanelle iniziare a riaprire. Entro maggio saranno aperte le prime 800 e proseguiremo con l’apertura di 250 fontanelle a settimana. Entro la prima settimana di luglio ne riapriremo 2.150.

 

Solo 271 fontanelle riaperte contro le 2150 previste a maggio? Strano no?

Potrebbe trattarsi di un errore nei numeri della lettera, dove forse al “72” manca uno zero, benché anche così i numeri non tornano affatto rispetto ai piani annunciati a maggio.

Rimane però l’assurdità di un Sindaco di Roma che firma una lettera con numeri tanto ridicoli.

 

All’articolo di RomaToday non sembra esserci stata risposta o precisazione, per cui anche su questo la cittadinanza sarà costretta a rimanere col dubbio su come diavolo mandino avanti la baracca in quel del Campidoglio.

 

Visto però che siamo in tema di nasoni, ne approfittiamo per segnalare la campagna pubblicitaria lanciata recentemente da ACEA con manifesti sul genere di questo:

 

 

 

Ognuno di noi può contribuire ogni giorno a salvare l’acqua con un uso consapevole e in modo semplice: risparmiandola.” recita il manifesto.

Verrebbe però proprio da chiedere ad ACEA come una tale campagna e tali ottime intenzioni si concilino con l’assurdo spreco di acqua dei nasoni romani, spreco che è ripreso indisturbato dopo l’emergenza dello scorso anno che li aveva ridotti tutti a secco (con una decisione che giudicammo vergognosa!).

Quante che siano le fontanelle riaperte a Roma, da ognuna di esse fuoriesce senza soluzione di continuità un flusso di acqua che con calcoli molti approssimativi può essere stimato intorno agli 8000 litri al giorno ossia circa 3 milioni di litri l’anno. Basterebbe dotare ogni fontanella di un semplicissimo rubinetto per mettere fine a questo assurdo spreco.

Se infatti la percentuale di acqua sprecata dalle fontanelle è quasi trascurabile rispetto al totale romano, che credibilità può avere un’azienda municipalizzata che da una parte invita i cittadini a chiudere il rubinetto quando non serve oppure a preferire la doccia al bagno ma dall’altra butta inutilmente nelle fogne milioni di litri d’acqua ogni giorno.

 

Allo stesso modo, che credibilità può avere il Sindaco Raggi che da una parte predica che “l’acqua è il bene più grande. Una risorsa preziosissima che va tutelata” e dall’altra non dà alcuna indicazione ad ACEA di trovare una soluzione per lo spreco dei nasoni?

Nessuna, infatti.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Per il weekend di #quarantena un #film che ci riporta agli anni '50: Stazione Termini di Vittorio De Sica. Il genio del neorealismo ci fa scoprire inedite immagini della Stazione senza negozi, con le sale d'attesa divise per classi. #Cinema diarioromano.it/?p=38711 Retweeted by diarioromano

Essere investiti a #Roma mentre la città è deserta. Ennesima tragedia che deve far riflettere sulla mattanza pedonale che vive la Capitale d'Italia. @materia__prima @virginiaraggi @EnricoStefano. diarioromano.it/?p=38709 Retweeted by diarioromano

Diarioromano si rifà il look. Saremo off line per poche ore. . Per interventi di manutenzione il sito non sarà raggiungibile né da desktop, né da mobile. Torniamo presto!

test Twitter Media - Diarioromano si rifà il look. Saremo off line per poche ore.
.
Per interventi di manutenzione il sito non sarà raggiungibile né da desktop, né da mobile. Torniamo presto! https://t.co/gX753oVegk

Anche le periferie illuminate con i colori della bandiera. Corviale ricorda E. De Crescenzo, morto per il #Covid, che ha lavorato una vita per le zone più disagiate. . #Roma #coronavirus #photo #lettori

test Twitter Media - Anche le periferie illuminate con i colori della bandiera. Corviale ricorda E. De Crescenzo, morto per il #Covid, che ha lavorato una vita per le zone più disagiate.
.
#Roma #coronavirus #photo #lettori https://t.co/J6wQJLyzvS

Essere investiti a #Roma mentre la città è deserta. Ennesima tragedia che deve far riflettere sulla mattanza pedonale che vive la Capitale d'Italia. @materia__prima @virginiaraggi @EnricoStefano. diarioromano.it/?p=38709

Per il weekend di #quarantena un #film che ci riporta agli anni '50: Stazione Termini di Vittorio De Sica. Il genio del neorealismo ci fa scoprire inedite immagini della Stazione senza negozi, con le sale d'attesa divise per classi. #Cinema diarioromano.it/?p=38711

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close