Misure sempre più restrittive, ma bastano?

Come tutti sanno da due giorni le misure di distanziamento sociale sono diventate ancora più stringenti, nel tentativo di diminuire al massimo i contatti tra gli individui.

I numeri dei contagi da Covid19 e le morti hanno registrato ieri un lievissimo miglioramento ma i dati restano allarmanti, soprattutto la nord, e giustificano senz’altro misure tanto restrittive, soprattutto per evitare che anche nelle altre regioni, Lazio incluso, ci si possa anche solo avvicinare a quei numeri.

 

Possiamo però dirci soddisfatti per come la situazione viene gestita a tutti i livelli istituzionali?

Non che si voglia fare i saputelli o i disfattisti, ma sempre con uno spirito costruttivo ci chiediamo se alle misure adottate non ne possano essere affiancate altre che comincino a essere un minimo mirate. L’esprienza di altre nazioni che sono uscite dalla fase di emergenza, come Corea del Sud, Singapore o Taiwan, insegna infatti che l’approccio più efficace consiste nel tracciare quanto più possibile le persone, fare test mirati e adottare quarantene vere (non confinare i possibili positivi in famiglia).

Il governo nazionale sembra essersi convinto di adottare un approccio simile a quello dei paesi più virtuosi ma nel frattempo forse a livello locale è possibile adottare altre misure che possano contribuire a rendere ancora più efficace il distanziamento sociale a cui siamo sottoposti.

 

Per capire cosa potrebbe fare di più o di diverso la Regione Lazio, partiamo da una decisa critica che abbiamo letto sulla gestione dell’emergenza della Lombardia, scritta da una giornalista che in quella regione ci vive. Ecco un estratto dell’articolo:

 

Infine, e qui sta la questione più importante e drammatica, in Lombardia regna il caos. La gestione Fontana è una non gestione. Dovremmo urlarlo tutti i giorni in tutte le lingue. Dovremmo affacciarci al balcone non per cantare ma per urlare a Gallera e a Fontana di fare qualcosa di serio per arginare la malattia. Si aprono nuovi ospedali che si riempiranno in 5 minuti, ma non si fa quello che dall’epidemiologo al barista dell’autogrill avrebbe già deciso di fare in un paese serio: monitorare, mappare, isolare. In Lombardia, se non lo sapete ve lo dico io, siamo abbandonati a noi stessi. Non sapete e non sappiamo né il numero dei morti né il numero dei contagiati. Quei numeri lì snocciolati sulla Lombardia in conferenza stampa da Borrelli sono numeri di un’approssimazione sconcertante.

La gente sta morendo in casa senza mai aver avuto diagnosi, sta morendo negli ospizi e in certe cliniche private infilata in sacchi ancora in pigiama come da prassi senza che neppure sia stato fatto un tampone. Il numero dei contagiati in Lombardia non può essere calcolato semplicemente perché non si fanno tamponi neppure ai sintomatici gravi. Sintomatici gravi che non vengono dunque mappati, isolati, che non hanno neppure l’obbligo di stare in casa (ci si affida al buonsenso). Se hai tosse, febbre, congiuntivite, problemi respiratori ma non stai morendo, ti dicono di stare in casa e chiamare il medico di base, che ti dice di prendere la tachipirina. Nei casi più seri devi procurarti l’ossigeno. Fine. Questo vuol dire che contagerai il resto della famiglia. E magari un membro della famiglia che sembra stare bene esce, va a lavorare, va al supermercato. Ho amici, parenti, conoscenti che hanno chiamato il numero preposto per dire ho la febbre. Sto male. Sto molto male. È un terno al lotto.

 

A conferma di come le cose in Lombardia siano tutt’altro che sotto controllo, segnaliamo questa lettera dei medici dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo inviata a una rivista del gruppo New England Journal of Medicine

Un breve estratto:

 

Il nostro ospedale è altamente contaminato e siamo già oltre il punto del collasso: 300 letti su 900 sono occupati da malati di Covid-19. Più del 70% dei posti in terapia intensiva sono riservati ai malati gravi di Covid-19 che abbiano una ragionevole speranza di sopravvivere.

La situazione è così grave che siamo costretti a operare ben al di sotto dei nostri standard di cura. I tempi di attesa per un posto in terapia intensiva durano ore.
I pazienti più anziani non vengono rianimati e muoiono in solitudine senza neanche il conforto di appropriate cure palliative.

 

 

 

Noi ci auguriamo fortemente di non arrivare mai ai numeri registrati in Lombardia o nelle altre regioni del nord, ma se le cose non dovessero andare per il verso giusto sarà il caso di farci trovare preparati con procedure chiare che consentano di individuare e trattare nel modo migliore i diversi casi.

 

Probabilmente ce ne sono di cose che si possono mettere in campo ora per contribuire a diminuire i rischi di contagio. Di seguito, ad esempio, un suggerimento inviato via Twitter al presidente Zingaretti per sensibilizzare e proteggere al meglio gli individui a maggior rischio:

 

 

Lei sa certamente che questo virus colpisce (dai dati..pochi…in ns. possesso) in maniera profondamente diversa in base a : sesso età patologie pregresse qui c’è tutto -> https://epicentro.iss.it/coronavirus/sars-cov-2-sorveglianza-dati

ora, lei ha tutti i dati che le servono nelle segreterie dei presidi per, in base agli appuntamenti presi, comporre un indice di rischio pesato per: sesso, età, patologie pregresse. E se li dovrebbe trovare già in formato elettronico con numero di telefono vicino. Quindi poichè la Regione ha lanciato questa app http://regione.lazio.it/rl/coronavirus/scarica-app/

 

 

con l’indice di rischio individuale alla mano, una cosa che richiede qualche ora di lavoro, manda un messaggino ai valori oltre una certa soglia e, con estrema gentilezza (e se fosse possibile l’anonimizzazione dell’intero processo meglio, non so se ci sia già un consenso o meno) li invita, con estrema chiarezza e cortesia, se lo fa un coetaneo meglio, a scaricare l’app quando possibile ed usare la massima cautela. Spiegandolo…spiegando che il virus data la loro età, sesso e storia clinica, li considera bersagli privilegiati. e da una bella botta alle prob. avverse nel Lazio.

Previene insomma…un tracing(per usare una parola che va di moda oggi) dolce. E si fa in qualche ora …le assicuro (ha i ZingaBoyz no? Li faccia lavorare). A proposito, Lei come sta?

(disclaimer-> sono iscritto ad @Azione_it @CarloCalenda)

Saluti”

 

 

Siamo sicuri che ce ne possono essere tanti altri di suggerimenti per migliorare la gestione dell’emergenza e rendere più efficaci le drastiche misure messe in atto.

 

Noi speriamo sinceramente che nelle settimane trascorse dall’inizio della crisi la Regione Lazio si sia dotata di un piano pandemico che non preveda solo il blocco totale di tutte le attività. Ci chiediamo però cosa si aspetti a cominciare ad utilizzare la tecnologia per individuare precocemente i possibili portatori del virus, proteggere meglio gli individui più a rischio, cominciare a fare un maggior numero di test e più mirati.

Intanto che il governo nazionale non si convince, perché la Regione Lazio non mette subito in campo qualche strategia un minimo più sofisticata?

 

Infine una semplice domanda: quando sarà possibile per tutti i cittadini della regione avere una dotazione minima di mascherine e disinfettanti liquidi, presidi indispensabili per ridurre le possibilità di contagio?

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

#Rinnovabili: l’ambizioso piano di Zingaretti, le utopie e la realtà. Secondo il presidente della Regione, entro il 2050 il Lazio sarà alimentato solo da energia green... 👇📰 diarioromano.it/rinnovabili-la…

Sant’Angela Merici: chiudete la buca. Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra Circ.ne Nomentana e via Sant’Angela Merici. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Sant’Angela Merici: chiudete la buca.
Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra https://t.co/e5YgpquKdc Nomentana e via Sant’Angela Merici.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/gYlcl40gbj

E se i Tredicine restituissero la festa della Befana ai #romani? Col bando del 2017 la festa della Befana di piazza Navona è praticamente morta... 👇📰 diarioromano.it/e-se-i-tredici…

Come stupirsi se poi qualcuno pensa anche di farsi un bagnetto nelle fontane, a soli €400 (ammesso che ti becchino i vigili)? @lorenzabo @gualtierieurope twitter.com/DavideR4632561…

Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio. Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio.
Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/qJDaqV5utj

Segnaliamo il commento dell'arch. Paolo Gelsomini, di @carteinregola, sulla delibera di Giunta capitolina che istituisce il laboratorio #Roma050, coordinato dall'arch. @StefanoBoeri. carteinregola.it/index.php/quei…

Gualtieri ha presentato il nuovo piano #rifiuti con obiettivi al 2030. Ma l’oggi? Per conoscere come ridurre e differenziare i rifiuti occorre aspettare il piano industriale di AMA... 👇📰 diarioromano.it/gualtieri-ha-p…

Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo? Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo?
Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/hyqv8r6Xo3
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close