Microaffissioni abusive: senza l’intervento delle istituzioni le segnalazioni non bastano

Dalle pagine di diarioromano vi abbiamo dato conto di un’importante novità per i cittadini impegnati nella manutenzione condivisa dei beni comuni: il nuovo sito per denunciare gli adesivi abusivi e tutte le altre forme di pubblicità illegale. “AdesiviLeaks”, così si chiama il portale, è stato elaborato dalle associazioni di volontariato Retake Roma e Romapulita!

Vi consigliamo di usarlo e di raccontarci come funziona.

Quando mandate le segnalazioni, vi arrivano in seguito comunicazioni ufficiali sullo stato di avanzamento della”pratica” ed eventuali sanzioni al committente dell’affissione abusiva?

Gli adesivi/cartelli da voi segnalati vengono rimossi da “qualcuno” – Ama, Pics, Azienda Multiservizi – o rimangono attaccati a muri, pali, stipiti, centraline?

Pietra1

Ricordandovi che mercoledì è stato presentato un altro sito per segnalare ulteriori criticità – si chiama “Io Segnalo” e ne potete conoscere i dettagli in questo articolo  – occorre una riflessione generale in merito alla proliferazione degli adesivi abusivi.

Belsiana2

La nostra idea è che l’impegno dei cittadini-volontari possa soltanto arginare in maniera simbolica l’utilizzo di queste forme di pubblicità largamente diffuse e percepite come legittime dalla maggioranza dei romani.

Senza un’adeguata campagna di sensibilizzazione al decoro, da unire ad azioni di tipo repressivo-sanzionatorio costanti nel tempo, quello degli adesivi è un problema destinato a ripetersi all’infinito. Lasciatevelo dire da chi – tra i componenti della redazione di diarioromano – combatte il fenomeno dal lontano 2009.

Se qualcuno non spiega ai romani – con le buone e con le cattive – che deturpare con gli adesivi è un illecito, continueranno ad usarli all’infinito!

Frezza

Il banco di prova dei nuovi siti di denuncia online sarà l’efficacia della risposta. Rimane, comunque, il vuoto d’iniziativa e di monitoraggio autonomo delle istituzioni.

Un’esempi:. le foto che vedete si riferiscono agli annunci immobiliari apparsi nelle vie del cosiddetto Tridente mediceo (Via del Corso-Via del Babuino-Via di Ripetta) non lontano dal Pantheon.

Condotti
Le vie più eleganti del centro storico ridotte a bacheca illegale

 

Li avevamo completamente rimossi.

Dopo una settimana, sono ritornati negli stessi punti!

Belsiana

Stavolta li segnaleremo sulla piattaforma “AdesiviLeaks”.

Ci chiediamo in ogni caso perché 2-3 operatori dell’Ama non vengano destinati alla rimozione e denuncia delle microaffissioni in ogni zona di Roma.

Allo stesso modo ci chiediamo quanto ancora i municipi rimarranno avulsi dal controllo del territorio in funzione di igiene urbana e manutenzione estetica. L’idea di un’ufficio o quantomeno di un responsabile per il decoro municipale, che si occupi anche del monitoraggio del territorio di competenza, l’ha proposta l’associazione Bastacartelloni ed è stata formalmente adottata in alcuni municipi – grazie ai consiglieri del Movimento 5 Stelle – oltreché inserita nel programma ufficiale del sindaco Marino.

Concretamente, però, i municipi non hanno personale che si occupi di vigilare sulla presenza di manifesti o, ad esempio, di scritte sui muri. Neanche la Polizia Locale ha questo compito. Solo i cittadini e i volontari sono chiamati a vigilare sul decoro del territorio.

A loro vengono messi a disposizione i due portali “AdesiviLeaks” e “Io Segnalo”. Vedremo appunto quale sarà l’efficacia dell’azione scaturita dalle denunce online.

Mandate le vostre testimonianze sull’uso dei nuovi siti del Comune a redazione@diarioromano.it

 

Condividi:

3 risposte

  1. ho fatto diverse segnalazioni ad adesivileaks ma senza alcun riscontro né rimozione degli adesivi.
    per quella che è la mia esperienza, devo purtroppo già bollare l’iniziativa come l’ennesimo buco nell’acqua.
    e questo è un pessimo viatico per “io segnalo”.

  2. Confermo anch’io: nulla di fatto.
    Ho anche inviato una email all’indirizzo di adesivileak ma senza alcun riscontro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Noi facciamo richiesta formale al Dip. Ambiente, ma non sarebbe meglio che l’assessore @Sabrinalfonsi spiegasse subito cosa sta succedendo con le fototrappole? Tanto più se non c’è nulla da nascondere. twitter.com/diarioromano/s…

@rcalcina @comuneroma @ComunediTrieste Lo potevi fare con un comandante vigili serio e onesto e osteggiato come quello scelto da Marino quando iosegnalo funzionava poi adesso neppure più sistema funziona. Tralasciando quando ti contatta vano minacciando anche parenti vigili perché lavoravano troppo... Retweeted by diarioromano

Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche. Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche.

Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/OidSLFYrT1

Semplicemente sconfortante, segno che in fondo nulla è ancora cambiato. @gualtierieurope twitter.com/battaglia_pers…

@gualtierieurope @Corriere A proposito di rifiuti, ha forse chiarito la questione delle fototrappole tutte disattivate? Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close