Marta Leonori fa coprire i manifesti abusivi Ugl. E il sindacato replica in modo vergognoso

6 Commenti

Ve la ricordate la frase intercettata tra Carminati e “Marione” mentre parlano dei politici romani? “Che te serve che t’attacco i manifesti?”, domandava il boss di Mafia Capitale. E i manifesti tornano in diverse occasioni nell’inchiesta: quelli abusivi di Gramazio e Tredicine che noi stessi avevamo pubblicato sul blog bastacartelloni nel 2012 quando nessuno poteva immaginare tanto malaffare (ma i segnali erano chiari);

gramazio

quelli (regolari) di Daniele Ozzimo che invocavano trasparenza.

Manifesti Daniele Ozzimo

Qualcuno ha scritto che i manifesti sono la metafora dell’illegalità romana. Noi pensiamo che siano molto di più: uno dei mezzi di corruzione e di finanziamento illecito della politica. E le parole di Carminati lo dimostrano.

Ebbene, in questo contesto, in un momento in cui il Paese intero punta gli occhi sul verminaio di Roma, un sindacato nazionale, un’organizzazione che dovrebbe essere addirittura riconosciuta nella costituzione, appiccica migliaia di manifesti illegali in tutta la città.

Manifesti abusivi UGL

Foto da Roma Pulita

 

Ma quello che colpisce e indigna maggiormente è la reazione del segretario regionale di questo sindacato. L’assessore Leonori ha emesso un comunicato sacrosanto nel quale scrive che “questi comportamenti dimostrano chi è per la legalità e chi no. Senza contare il costo pubblico che tali azioni hanno: per l’affissione e la stampa delle fascette oscuranti, per la rimozione e non ultimo per il mancato pagamento dei diritti al Campidoglio e la copertura dei regolari”.

Ci saremmo aspettati un comunicato di scuse da parte dell’Ugl e invece il segretario regionale Fabio Verelli scrive che “l’illegalità nella capitale non riguarda certamente i manifesti dell’Ugl ma gli scandali perseguiti dalla procura della Repubblica in questi giorni”. E prosegue: “L’assessore Leonori e il Sindaco Marino dovrebbero interessarsi a situazioni ben più pesanti e lesive dell’immagine della città“.

Capito? La solita frase ritrita de “i problemi so artri”! Eppure i manifesti – lo abbiamo appena dimostrato – non sono un problema minore. Oltre ad essere un mezzo di corruzione sono il segno del degrado urbano e umano di una città che è il perfetto brodo di coltura di organizzazioni criminali. Trasmettono il messaggio chiaro e netto che nella Capitale tutto è consentito: e i manifesti attaccati ovunque permettono alle cooperative che li defiggono di ottenere appalti di favore, esattamente come avviene con la gestione del verde, degli immigrati, dei campi rom.

Signor Verelli, se ha un minimo di dignità ritiri questo comunicato, ne scriva uno nuovo e faccia staccare dai simpatizzanti di destra la cartaccia incollata su tutta Roma. Solo così potrà ridare decoro alla sua segreteria e al suo sindacato. Altrimenti si dimetta immediatamente.

 

Articoli correlati

6 Commenti

  1. adriano

    come oramai consolidata tradizione romana (vedi i casi di coratti, gramazio, tredicine, ecc.), chi affigge manifesti abusivi in genere di marachelle ne fa ben altre e prima o poi la magistratura lo pizzica. questo verelli farebbe bene a fare maggiore attenzione.
    certo che dal sindacato che ha avuto come guida per anni una come la polverini che t’aspetti?
    imbarazzanti!

  2. Anonimo

    Però tra le righe è stata detta anche un’altra cosa, ma siamo sicuri che in pieno periodo di mafia capitale i nostri politici abbiano ancora credibilità ?
    Questi slogan li ho sentiti anche dai dipendenti della multiservizi che stanno dimostrando da settimane sotto il campidoglio….

  3. Anonimo

    Mr Fixit

  4. Filippo

    @MrFixit. La credibilità di un politico è cosa diversa. Ma – ammesso che l’intera classe politica sia del tutto screditata (cosa che non penso) – questo non autorizza un importante sindacato a comportarsi così. Non è una gara a chi è più illegale, ma dovrebbe essere la regola rispettare gli spazi di affissione.

  5. Mr Fixit

    sicuramente il sindacato deve muoversi in altri termini e non certo cercando lo scontro. La politica sta vivendo un momento difficilissmo basta leggere le dichiarazioni di Sabella di oggi ! Credo sia venuta meno la fiducia !

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

L'ennesimo intervento "alla romana" in pieno centro storico dimostra che né il Municipio né il Comune hanno un minimo controllo del territorio. diarioromano.it/i-lavori-quell…

Mentre a Roma il dibattito pubblico è stato abolito (ricordiamoci il referendum dell'11 novembre!), a Parigi i cittadini vengono coinvolti nelle scelte strategiche dal governo locale. diarioromano.it/?p=27074

Quest'anno a piazza Venezia ci sarà un albero di Natale decente. @virginiaraggi si arrende e accetta che a occuparsene sia uno sponsor come accade in tante altre città. #Spelacchio diarioromano.it/?p=27213

Video diario
  • Municipio I taggato!

    L'entrata sul lungotevere del Municipio I mostra da anni tag giganti. Possibile non le veda nessuno? (adr)

  • Mosè e il furgone

    S. Pietro in Vincoli: all'interno si può ammirare il Mosè di Michelangelo, all'esterno si è costretti a subire l'invasione del furgone bancarellaro (adr)

  • Magazzino del riuso

    Un'idea per dare attuazione alla "gerarchia dei rifiuti", base delle attuali potiche di gestione dei rifiuti cittadini

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.