L’uso privato del parcheggio pubblico del S. Camillo

Nei 300 posti riservati ai visitatori c'è solo una collezione di auto d'epoca con tanto di guardiano. Al piano superiore carcasse e mezzi antincendio in abbandono

Qualunque romano abbia avuto la necessità di recarsi presso l’ospedale San Camillo nel quartiere di Monteverde, ha fatto sicuramente i conti con le difficoltà di parcheggiare l’auto sulla circonvallazione Gianicolense. Poiché i parcheggi a spina sono quasi sempre occupati, molte auto vengono lasciate anche sul marciapiede costringendo i pedoni, in prossimità dell’incrocio con via Quirino Majorana, ad impegnare la sede stradale.

Inoltre, la circonvallazione Gianicolense è una strada ad elevato scorrimento e la ricerca di un parcheggio da parte degli automobilisti rallenta l’intenso traffico costituito, per ovvi motivi, anche da veicoli di soccorso.

Per non parlare del fatto che gli stalli sono costantemente presidiati da parcheggiatori abusivi che estorcono denaro per la sosta (questo fenomeno è presente in molte altre zone di Roma e magari sarà il caso di riprendere l’argomento in una specifica serie dal titolo “Le attività di polizia stradale a Roma, queste sconosciute”).

Non molti evidentemente sono quindi a conoscenza che, entrando dal passaggio carrabile del complesso ospedaliero che si trova poco prima dell’incrocio con via Majorana, e seguendo la segnaletica interna, si giunge ad un comodo parcheggio, completamente gratuito, dotato di circa 300 posti auto e disposto su tre livelli: il primo quasi a livello della sede stradale e gli altri due seminterrati.

La cosa sorprendente è che l’azienda ospedaliera non fa menzione di questa comoda struttura né segnalandola con adeguata cartellonistica fuori e dentro l’ospedale e neanche citandola sul proprio sito internet. Sarebbe pura fantascienza pretendere quindi, l’installazione di un display luminoso che segnali la quantità di posti liberi ai visitatori, magari con ripetizione dello stesso in tempo reale sul sito internet dell’ospedale!

Un mese fa abbiamo ricevuto la segnalazione di un cittadino che si è trovato a frequentare la struttura ospedaliera per motivi di salute, il quale ha denunciato delle anomalie talmente incredibili che abbiamo sentito la necessità di andare a verificare di persona.
Segnalazioni che non solo erano vere ma la situazione è addirittura peggiore di quanto si potesse immaginare.

Innanzitutto i visitatori vengono accolti da tre carcasse di auto (a voler essere più attenti ce ne è anche un’altra, una Ford Focus station wagon in una traversa della strada principale interna che conduce al parcheggio): una Citroen Xsara station wagon metallizata e due Ford Ka, una rossa e una blu entrambe senza ruote. Inoltre c’è una Seat Ibiza metalizzata in uno dei posti auto in fondo, di fronte all’entrata. Tutte le vetture sin qui descritte sono regolarmente targate.

Scendendo al primo piano interrato, proprio di fronte all’uscita, sono parcheggiati due ex mezzi antincendio del Forlanini: si tratta di due camioncini Piaggio Porter, perfettamente allestiti per l’attività antincendio e lasciati parcheggiati sotto una coltre di polvere che fa capire che non vengono più movimentati da anni. La domanda è: perché lasciare andare in malora due mezzi che potrebbero essere utilissimi a qualche associazione di protezione civile o alla Croce Rossa? Certo non possiamo pensare che il motivo possa essere quello che appare: i due mezzi sono parcheggiati alle estremità di due posti contigui e lo spazio che resta in mezzo, delimitato da una catenella, ospita comodamente parcheggiato uno scooter.

Ma è scendendo al secondo piano seminterrato che si resta letteralmente scioccati: sembra di essere in un museo automobilistico. Vi sono infatti parcheggiate almeno dieci Citroen d’epoca (DS, CX, Diane, 2CV, Ami 6). Nel corso dell’ultimo sopralluogo non abbiamo trovato, con nostro estremo disappunto da appassionati di motori quali siamo, una splendida Citroen GS color carta da zucchero nella quale ci eravamo imbattuti nel corso delle nostre prime visite anche se c’è da dire che il dispiacere è stato mitigato dal trovare al suo posto una Citroen AX GTI, una Citroen 2CV rossa fiammante e una graziosa Fiat 500 azzurrina.

Tutti i veicoli descritti sono regolarmente assicurati, targati, tirati a lucido e per quello che possiamo dedurne da una occhiata generale, perfettamente marcianti.

Nel corso dell’ultimo sopralluogo, inoltre, ci è stata molto chiara la funzione dell’unica vettura moderna e di altro costruttore che vi era parcheggiata. Ma che ci fa, ci eravamo chiesti nel corso dei primi sopralluoghi, quella Opel Zafira metallizzata, quasi ad interrompere il piacere di trovarsi in un museo del motorismo d’epoca?

Questo veicolo altro non è che il posto di lavoro di un giovane sui 30 anni, probabilmente straniero, che lavora lì come guardiano nelle ore notturne (ma la Opel era presente anche nei sopralluoghi diurni).

Come è possibile che all’interno del San Camillo, uno dei principali ospedali della capitale di un Paese del G7, nessuno si accorga di nulla? Come è possibile che la solerte vigilanza privata che presidia l’accesso carrabile e ferma tutti i veicoli in entrata, per il rilievo della temperatura corporea degli occupanti, non si accorga del costante via vai di vetture Citroen d’epoca, presumibilmente guidate dalla stessa o dalle stesse persone? Oppure, se se ne accorge, come è mai possibile che non ritenga di segnalare il fenomeno alla Direzione sanitaria del San Camillo? E come è possibile che non lo segnalino, ad esempio, anche gli addetti alla vigilanza dislocati in un altro punto fisso proprio all’incrocio dell’entrata del parcheggio? Per non parlare delle centinaia di dipendenti a cui sarà sicuramente capitato di vedere delle Citroen d’epoca lungo i viali interni dell’ospedale e non hanno minimamente cercato di approfondire.

La domanda che  ne consegue è: ma chi può essere tanto potente e spregiudicato da utilizzare per il suo hobby, quindi come se fosse un proprio bene, nel silenzio complice di centinaia di persone, un intero piano di un  parcheggio destinato alla sosta delle vetture di persone che spesso sono in ansia per la sorte dei propri cari alle quali viene comminata, senza alcuna colpa, anche la pena accessoria di dover cercare parcheggio taglieggiati dai posteggiatori abusivi?

E’ davvero intollerabile che un bene pubblico, quale è il parcheggio di un ospedale riservato ai visitatori, debba subire questa sorte nella totale indifferenza di chi dovrebbe assicurare il rispetto delle regole e la fruibilità nella maniera più sicura e confortevole della struttura ospedaliera.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

12 risposte

  1. Un approfondimento giornalistico avrebbe dovuto risalire dalle targhe ai proprietari delle auto ma ci si ferma prima.

    1. Ma lo hai letto l’articolo? Il parcheggio non lo usa nessuno proprio perché l’azienda non lo pubblicizza per consentirne l’uso privato. O pensi che alla gente piaccia girare per ore a cercare parcheggio in strada dovendo dare soldi ai parcheggiatori abusivi?

  2. Che morti de fame. C’hanno le auto storiche e poi non vogliono pagare l’affitto di un box. Avete fatto bene a denunciare pubblicamente.

  3. Anonimo ha detto:
    4 Agosto 2021 alle 9:55
    Ma che ve ne frega se non lo usa nessuno a chi danno fastidio?
    ________________________________________________________________________________________
    No lo usa nessuno perchè è usato come box privato.
    Mafioso del cazzo. Pagati un box e non a spese del pubblico.
    Gente di merda

  4. Parcheggio pubblico non segnalato é il vero problema principale;
    Per il discorso che vi siano parcheggiate auto d’epoca non vedo dove sia il problema, almeno qualcuno lo usa…se poi come si legge sono regolarmente assicurate il tizio puó parcheggiare sul suolo pubblico a disposizione senza problemi; tra l’altro i parcheggi sono 300 a disposizione non credo che un piccolo collezionista ne possegga così tante.

  5. Il parcheggio è suolo pubblico riservato ai visitatori dell’ospedale e non come parcheggio privato del proprietario delle auto d’epoca. Ti assicuro che il parcheggio viene usato eccome e quando non trovi posto anche i 3/4 parcheggi occupati dalle macchine d’epoca, fanno comodo

  6. secondo me sono macchine usate per il film d’epoca di un privato che le cede a società che lavorano nel settore per il periodo del film. (cinema francese).

  7. Il parcheggio dovrebbe essere utilizzato SOLO da chi si va in Ospedale facendolo pagare esattamente come avviene in tanti altri ospedali. Chi va in ospedale non si reca certo per diletto, e non dovrebbe avere disagi di ricerca, di camminare magari avendo impedimenti o pagando un taxi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Dehor o alloggio di fortuna per profughi. Cos’altro si dovrà vedere sulle strade romane per convincere l’amministrazione capitolina a rimettere ordine almeno negli arredi ammessi per le OSP? (immagine dal gruppo Facebook “Prati in azione!“) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Dehor o alloggio di fortuna per profughi.
Cos’altro si dovrà vedere sulle strade romane per convincere l’amministrazione capitolina a rimettere ordine almeno negli arredi ammessi per le OSP?
(immagine dal gruppo Facebook “Prati in azione!“)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/tXeXsz4swl

Se @virginiaraggi & Co. non avessero boicottato per 5 anni la riforma degli impianti pubblicitari, oggi anche a Roma avremmo offerte per il bike sharing cittadino (tipo 30 min di e-bike a €0,25). La facciamo 'sta "pazzia"? @gualtierieurope @moni_lucarelli @eugenio_patane twitter.com/BikeMi/status/…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Roma, la smart city del bla bla bla

I dati raccolti da ATAC e messi a disposizione da RSM mostrano picchi di spostamento non coincidenti con i picchi di servizio dei mezzi. È così difficile adeguare il servizio alle richieste dell’utenza?

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close