Lungotevere Arnaldo da Brescia: l’abbandono con la scusa del cantiere

L'area versa in un degrado completo per un parcheggio iniziato 15 anni fa e mai concluso. Gli annunci della Sindaca rimasti sulla carta

Uno dei nostri lettori più attenti, che ha chiamato la sua pagina Facebook “Civilizziamo Roma” (obiettivo alquanto ambizioso), ci fa notare la situazione ancora drammatica del Lungotevere Arnaldo da Brescia.

Qui, da oltre 15 anni, c’è un cantiere in stallo per la costruzione di un parcheggio interrato. Un’opera che sembra non avere un passato e un futuro nonostante a dicembre 2019 la Sindaca Raggi avesse scritto, col suo solito tono trionfante, che la sua azione “stava mettendo fine alle inefficienze del passato” perché la giunta aveva sbloccato il progetto.

La vera e tremenda storia del parcheggio, l’abbiamo ricostruita 11 mesi prima dell’annuncio della Raggi, in un articolo del gennaio 2019 che vi invitiamo a leggere e di cui tra poco riporteremo alcuni passaggi. Prima però vediamo, grazie alle foto inviate dal lettore, l’indecenza assoluta in cui versa quel tratto di Lungotevere.

 

Giustamente, Civilizziamo Roma fa notare che la Sindaca aveva pubblicato un altro post col quale si vantava di aver risanato la zona quando in realtà era solo stato passato un velo di asfalto a poca distanza.

L’area, di fatto, è in abbandono, senza alcuna pulizia con le auto che possono sostare tranquillamente sul marciapiede, impedendo ai pedoni il passaggio.

Ma perché la situazione è in fase di stallo? La prima autorizzazione risale al 2008, Sindaco Veltroni,secondo la quale il privato avrebbe potuto realizzare 344 posti auto e 40 posti moto. I primi scavi del 2010 portarono però alla luce un problema col grande collettore fognario che passa in quel tratto del Lungotevere ed i lavori dovettero arrestarsi. Passarono gli anni e il progetto parve poter riprendere nel 2012 sotto l’amministrazione Alemanno, quando fu approvata una prima variante che lo portò a ridurre a 182 i posti auto totali, di cui 101 box e 12 stalli pertinenziali e 69 stalli a rotazione.

Un nuovo imprevisto nella rete di sottoservizi provocò un’ulteriore variante presentata nel marzo 2015, con una previsione di posti immutata ma distribuiti su due piani interrati, anziché i tre previsti originariamente. Da allora niente si è più mosso fino all’annuncio che la variante è stata approvata dal Campidoglio a fine 2019.

I lavori però non sono mai ripresi e c’è da dubitare che il cantiere riapra in tempi brevi. A questo punto occorre fare alcune riflessioni. La prima riguarda la lungaggine inaccettabile per approvare o rifiutare un progetto da parte delle istituzioni. Quattro anni, solo per l’ultima variante, è un tempo non ragionevole dal punto di vista concettuale.
La seconda riflessione riguarda la scarsa qualità di chi ha presentato i progetti che per ben due volte si è imbattuto in problemi con reti fognarie e di servizio, a dimostrazione che non era stato fatto nessuno studio preliminare, né carotaggi.
La terza riguarda l’abbandono totale di un’area che nel frattempo sarebbe dovuta essere manutenuta, perché non è che la presenza di un cantiere rende quel territorio “res nullius”, dove la sporcizia può essere ovunque e le auto senza alcun controllo.

La storia di questo parcheggio, insomma, la dice lunga sulla cialtronaggine con la quale si procede nelle opere pubbliche e private a Roma, senza professionalità da parte di alcuno, né coordinamento delle istituzioni. Non si tratta, purtroppo, di un caso isolato ma di un modus operandi di un’intera classe dirigente di una capitale che non si riprenderà mai se il ritmo e la qualità delle sue opere sono come questa o come l’acquario dell’Eur che soffre di problemi simili e di cui vi parleremo in futuro.

 

Condividi:

4 risposte

  1. Mi domando: ma se un progetto dopo 15 anni non è stato ancora realizzato, non si dovrebbe chiudere il cantiere e restituire l’area, che è pubblica, all’uso da parte della collettività? Il contratto di concessione dell’uso dell’area non dovrebbe prevedere penali in caso di ritardi o mancata realizzazione dell’opera, e non dovrebbero essere applicate sanzioni in caso di inerzia degli uffici che curano l’istruttoria del progetto? Capisco, sto sognando di stare in un’altra città..

  2. Concordando con il commento precedente, a questo punto si facesse una riqualificazione superficiale cercando di creare più posti possibili, impendendo che le macchine si arenino sopra il marciapiede alberato del lungotevere.
    Solo a Roma un cantiere simile può durare 15 anni…. è la solita vergogna nostrana a prescindere dalla politica.

  3. Avevo iniziato a censire tutte le opere ferme a Roma. Sono un’infinità. Se volete vi mando all’indirizzo e-mail che mi darete documentazione fotografica di tutte queste “incompiute”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Sant’Angela Merici: chiudete la buca. Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra Circ.ne Nomentana e via Sant’Angela Merici. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Sant’Angela Merici: chiudete la buca.
Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra https://t.co/e5YgpquKdc Nomentana e via Sant’Angela Merici.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/gYlcl40gbj

E se i Tredicine restituissero la festa della Befana ai #romani? Col bando del 2017 la festa della Befana di piazza Navona è praticamente morta... 👇📰 diarioromano.it/e-se-i-tredici…

Come stupirsi se poi qualcuno pensa anche di farsi un bagnetto nelle fontane, a soli €400 (ammesso che ti becchino i vigili)? @lorenzabo @gualtierieurope twitter.com/DavideR4632561…

Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio. Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio.
Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/qJDaqV5utj

Segnaliamo il commento dell'arch. Paolo Gelsomini, di @carteinregola, sulla delibera di Giunta capitolina che istituisce il laboratorio #Roma050, coordinato dall'arch. @StefanoBoeri. carteinregola.it/index.php/quei…

Gualtieri ha presentato il nuovo piano #rifiuti con obiettivi al 2030. Ma l’oggi? Per conoscere come ridurre e differenziare i rifiuti occorre aspettare il piano industriale di AMA... 👇📰 diarioromano.it/gualtieri-ha-p…

Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo? Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo?
Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/hyqv8r6Xo3

LONDRA E ROMA. DUE MONDI OPPOSTI NEL RAPPORTO CON TPL E GRANDI EVENTI... La prima città sposta i grandi eventi se il TPL non funziona appieno. La seconda chiude il TPL per far posto ai grandi eventi. Leggi tutto qui: facebook.com/21020638609080… #famostemetro #coldplay #wembleystadium Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close