L’incendio di Rocca Cencia ha responsabili precisi

Fino allo scorso dicembre Roma aveva due impianti per il trattamento dei rifiuti indifferenziati: uno al Salario e l’altro a Rocca Cencia.

Entrambi gli impianti lavoravano a pieno ritmo e garantivano la gestione dei rifiuti indifferenziati della città, che poi è in sostanza la loro pre-lavorazione per poi essere spediti in giro per la regione e l’Italia.

Già al tempo però la situazione era critica, in quanto un qualsiasi problema ad uno dei due impianti avrebbe richiesto soluzioni di emergenza. In una tale situazione una gestione accorta avrebbe preservato i due impianti in maniera ferrea, ad esempio predisponendo controlli e precauzioni per evitare incidenti catastrofici.

Invece a metà dicembre dello scorso anno scoppia un devastante incendio nell’impianto del Salario che lo mette definitivamente fuori uso.

Dopo un primo momento di panico, l’amministrazione capitolina riesce a trovare una serie di alternative per i rifiuti indifferenziati, spedendoli in altre regioni. Sembra anzi che alla fine per il Campidoglio ci sia stato un vantaggio dall’incendio, riuscendo le nuove alternative a gestire una quantità maggiore di rifiuti rispetto all’impianto bruciato.

 

Una volta perso uno dei due impianti di trattamento dei rifiuti indifferenziati, ci si sarebbe aspettati che quello rimanente venisse preservato in tutti i modi, rimanendo l’unica alternativa in città.

Ed invece ecco cosa scrivevano gli amici di Riprendiamoci Roma a fine febbraio:

 

 

Da ciò risulta chiaro che l’amministrazione non si è minimamente preoccupata di proteggere l’impianto di Rocca Cencia da possibili incidenti, casuali o dolosi, ma lo ha continuato a gestire “alla romana”.

Come ci si può stupire o rammaricare per l’incidente occorso se non si è fatto nulla per prevenirlo?

Ha dichiarato il Sindaco Raggi dopo l’incendio:

Non ho elementi. Se questo è un attacco e non un incidente chi lo ha fatto deve sapere che non ci fermiamo“.

 

La verità è che per la città non fa molta differenza tra un attacco ed un incidente: rimane il fatto che l’unico impianto di trattamento dei rifiuti indifferenziati a Roma ha subito gravi danni che ne pregiudicano l’utilizzo, almento parzialmente.

Si può essere così irresponsabili? Giustamente a seguito dell’incendio quelli di Riprendiamoci Roma hanno potuto sottolineare che loro l’avevano detto.

 

 

 

Peccato che parlare con l’attuale amministrazione capitolina è come farlo col muro.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Il bilancio #Atac a confronto con quello di #Atm. Due mondi differenti. L'azienda milanese a parità di dipendenti offre un servizio migliore e investimenti cinque volte maggiori. Per Atac l'aiuto del #Comune è indispensabile. #Roma #4agosto ▪️ 👇📰 diarioromano.it/il-bilancio-at… Retweeted by diarioromano

Il bilancio #Atac a confronto con quello di #Atm. Due mondi differenti. L'azienda milanese a parità di dipendenti offre un servizio migliore e investimenti cinque volte maggiori. Per Atac l'aiuto del #Comune è indispensabile. #Roma #4agosto ▪️ 👇📰 diarioromano.it/il-bilancio-at…

La puzza e l’abbandono probabilmente sono voluti: così chi arriva a Roma capisce subito che questa non è una città come le altre. . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - La puzza e l’abbandono probabilmente sono voluti: così chi arriva a Roma capisce subito che questa non è una città come le altre.
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/z0M8ABrPuM

Il #distanziamento solo sui #treni dei ricchi. Dei pendolari non interessa a nessuno. Atac riduce le corse e la gente si accalca. Ma gli intellettuali da spiaggia si indignano solo quando si toccano i #Frecciarossa usati da manager e politici. ▪️ 👇📰 diarioromano.it/il-distanziame… Retweeted by diarioromano

Il #distanziamento solo sui #treni dei ricchi. Dei pendolari non interessa a nessuno. Atac riduce le corse e la gente si accalca. Ma gli intellettuali da spiaggia si indignano solo quando si toccano i #Frecciarossa usati da manager e politici. ▪️ 👇📰 diarioromano.it/il-distanziame…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close