Lidia Togni non perde il vizio. Ancora manifesti abusivi

Manifesti abusivi Togni 4

 

Tra Natale e Capodanno, a Roma arrivano diversi circhi. La tradizione si perpetua da molti anni e fin qui nulla di strano. Nella capitale, però, il circo non porta solo elefanti, ballerine e giocolieri ma manifesti e pubblicità abusiva. Il sito bastacartelloni si occupò nel 2012 e nel 2013 del circo Francesco Orfei e dell’American Circus. Entrambi furono sanzionati dopo un esposto presentato dall’associazione e (almeno per quanto riguarda l’American Circus) sembra abbiano imparato la lezione.

Quest’anno, infatti, l’American ha pubblicizzato la propria presenza su cartelloni regolari e non ci risulta (fino a prova contraria) abbia utilizzato affissioni abusive.

Chi invece ha la testa davvero dura e si comporta in maniera sfacciata, fregandosene delle regole e delle multe, è il circo Lidia Togni. Ad aprile, dopo una denuncia della Lav per manifesti irregolari nel quartiere Gregorio VII, ricevette una sanzione di 18mila euro. L’avrà pagata? Probabilmente no, dato che in questi giorni ha ricoperto i muri di Roma di cartaccia abusiva.

Manifesti abusivi Togni

Manifesti Abusivi Togni 5

Manifesti abusivi Togni 2

Manifesti abusivi Togni 3

 

Cabine Acea, travertino, facciate intonacate, gabbiotti dei vigili. Niente è stato risparmiato dalla furia attacchina di Lidia Togni che in questo modo, oltre a rendere indecorosa la città, fa concorrenza sleale agli altri circhi che hanno provato a rispettare le regole, pagando salate affissioni.

E’ proprio dai concorrenti che dovrebbe arrivare un esposto, ma siccome probabilmente non lo faranno (cane non morde cane) è il caso che siano i cittadini a segnalare alle autorità l’abuso di Lidia Togni e del suo staff.

E le famiglie dovrebbero evitare di portare i propri bambini a seguire questo spettacolo, magari spiegando loro che questo circo si è comportato male ed è per questo che sarà boicottato. Sarebbe davvero bello se le mamme e i papà facessero questo discorso ai figli. Sarebbe un sogno. Ma Roma non ha la maturità e la sensibilità per notare queste cose. E si vede!

Condividi:

Una risposta

  1. Ciao avete visto ?
    https://www.facebook.com/sabrina.alfonsi/videos/10208441381735881/?theater

    Perchè non gli dedicate un post ? insomma com’è possibile che il tg3 e il corriere riportino notizie completamente infondate e false ? è sufficiente leggersi l’ordinanza o chiedere ai vigili, l’ordine pubblico a San Pietro è diviso in livelli a seconda dell’afflusso di gente. Ci mettiamo dove vogliamo ??? bah ! Perchè non andiamo sulle soste sul lungo tevere ? abbiamo allegato nei ricorsi i “guadagni” (gli incassi vanno da zero ai 5 euro…tutto accertato da periti del tribunale ).
    Ora la mia domanda è : chi c’è dietro questi servizi ?
    ripeto dal contenuto totalmente falsi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Parcheggiare a Termini? E che problema c’è? In quale altra grande città europea si può parcheggiare fuori la stazione centrale in divieto di fermata con la certezza di non essere sanzionati? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Parcheggiare a Termini? E che problema c’è?

In quale altra grande città europea si può parcheggiare fuori la stazione centrale in divieto di fermata con la certezza di non essere sanzionati?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Y0i0TCILyO

Parcheggio Mercato Trieste. I commercianti: “Datelo a noi in gestione” Dopo cinque anni di #chiusura sono finalmente cominciati i lavori per l'adeguamento. Ma se dovesse tornare ad #Atac i problemi si ripeteranno. Il modello del mercato Esquilino 👇📰 diarioromano.it/parcheggio-mer…

Dopo oltre un anno di mandato, anche nella Roma di @gualtierieurope basta un’auto fuori posto per deviare diverse linee tram. Carrattrezzi urgente e denuncia per interruzione di pubblico servizio, questi sconosciuti. twitter.com/InfoAtac/statu…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Un Giubileo (quasi) senza Metro A

L’irresponsabile gestione delle manutenzioni negli anni passati ha portato alla scadenza della revisione per la gran parte dei treni della metro A. I prossimi saranno anni difficili

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close