Lì dove dei problemi almeno si discute

Una delle delusioni più cocenti dell’attuale governo M5S a Roma è stata la totale assenza di dibattito pubblico sui problemi cittadini.

Quelli della democrazia dal basso, dell’uno vale uno, dei portavoce dei cittadini nell’amministrazione, una volta giunti nella stanza dei bottoni hanno chiuso tutte le porte inaugurando una gestione alla “ghe pensi mi” che neanche il Berlusconi dei tempi migliori.

Esempi eclatanti sono stati la questione del nuovo stadio della Roma, dove la pretesa del Sindaco Raggi di fare tutto da sola, scegliendosi collaboratori poi rivelatisi dei faccendieri interessati, ha portato alla sostituzione di un ottimo progetto con un papocchio al ribasso ed a tutto interesse del costruttore, oppure la scandalosa gestione del referendum sull’ATAC, prima rinviato di mesi senza motivo ed ora ignorato e depotenziato o anche il vergognoso voltafaccia sul referendum promesso in campagna elettorale per le Olimpiadi e poi mai tenuto.

 

 

 

Si potrebbe pensare che garantire la partecipazione dei cittadini alle scelte dell’amministrazione sia una cosa complicata in una realtà grande come Roma, ma le cose non stanno affatto così.

Vediamo infatti come si comporta la municipalità di Parigi quando ci sono da prendere decisioni strategiche che avranno impatti notevoli sulla vita dei cittadini. Qualche giorno fa ci è apparso su facebook l’esempio che segue, relativo ad un dibattito pubblico promosso sulla possibilità di rendere gratuiti i mezzi pubblici in città.

 

 

In sostanza si invitano i cittadini a partecipare ad un incontro pubblico presso la sede del Comune dove discutere uno studio effettuato riguardo l’eventuale gratuità del trasporto pubblico.

L’invito è circostanziato e prevede anche la possibilità di fornire contributi. Inoltre l’agenda dell’incontro prevede anche una sessione per il dibattito con i cittadini.

 

Fantascienza rispetto al nulla che ci ritroviamo nella Roma targata M5S, dove nelle rarissime occasioni di incontro pubblico con le istituzioni ai cittadini è concesso il solo ruolo di spettatori silenti.

 

Se Roma vorrà progredire e mettersi al passo con gli esempi migliori di grande città in Europa dovrà necessariamente arrivare a queste forme di partecipazione. Ci vorrà tempo ma pensiamo sia una cosa inesorabile. Peccato che coloro che più di ogni altro facevano sperare in un salto di qualità nella partecipazione dei cittadini si siano rivelati i più accaniti accentratori che si siano mai visti a Roma.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Guadagni privati, costi e disagi pubblici. twitter.com/residentiCM/st…

Oltre 100 ragazzi scorrazzano indisturbati con fumogeni e musica e fanno danni: qui @BNLBNPParibas_ @TrastevereRM 2 domande: - @Roma @gualtierieurope @lorenzabo : chi paga? - @PLRomaCapitale @QuesturaDiRoma @_Carabinieri_ : chi controlla ? #Trastevere terra di nessuno Retweeted by diarioromano

Quindi @gualtierieurope smonta il NAD, l'unico reparto della @PLRomaCapitale che funzionava ed era ben visto dai cittadini (l'unico!), per affidare il contrasto ai reati ambientali ai Carabinieri. Deve crederci molto il sindaco nel suo corpo di Polizia ... romatoday.it/politica/infil…

È tutto surreale. Trasporto pubblico che si ferma a causa del traffico privato. Siamo seri? @eugenio_patane @PLRomaCapitale @InfoAtac Retweeted by diarioromano

Il più stupido parcheggio del mondo. L'avrà fatto apposta l'ultimo utente di questo mezzo Acciona a bloccare la ciclabile del Circo Massimo o non ci avrà fatto caso? A Roma tutto è possibile. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Il più stupido parcheggio del mondo.
L'avrà fatto apposta l'ultimo utente di questo mezzo Acciona a bloccare la ciclabile del Circo Massimo o non ci avrà fatto caso? A Roma tutto è possibile.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/3zlXhpZcAd
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close