L’ecologia a chiacchiere e sulle tasche dei più poveri

I nuovi divieti di circolazione, basati sulle emissioni, non considerano l'impatto degli smaltimenti e penalizzano particolarmente le fasce più deboli della popolazione

Da ieri, martedì 15 novembre, è scattato il divieto di circolazione per le auto Benzina Euro2 e Diesel Euro3 all’interno della fascia verde, tutti i giorni dalle 7.30 alle 20.30 escluso domenica e festivi. Da novembre 2024 blocco esteso anche alle auto Benzina Euro3.

 

 

Successivamente, dal 1° novembre 2023 al 31 marzo di ogni anno, stop anche ai Diesel Euro4, e da novembre 2024 anche ai Diesel Euro5. Il provvedimento interesserà un gran numero di auto nel giro di solo 2 anni.

 

 

Per combattere l’inquinamento ed il traffico, il Comune decide quindi di partire dalla linea dura. Nell’anno in cui ATAC fornisce il peggior servizio di tutta la sua storia, ed in piena crisi economica e sociale post-pandemia. Bastonando le classi meno abbienti. Così, alla cieca, senza nemmeno considerare cosa dicono vari studi europei, ed esperienze di altri Paesi già scritte da almeno 20 anni.

Da una fonte autorevole come il Parlamento Europeo, possiamo vedere come, nonostante l’evoluzione dei motori da Euro0 ad Euro6, le emissioni totali delle auto sono andate aumentando.

 

 

Il motivo è semplicissimo: le singole auto inquinano meno, ma è aumentato il numero dei mezzi circolanti e dei relativi spostamenti (+25% nel 2019, rispetto al 1990). Appare abbastanza evidente che il più grosso problema è contenere il numero dei singoli spostamenti: con il trasporto pubblico di massa, ma anche semplicemente viaggiando in 4 in una stessa auto.

 

 

Si trascura spesso un fatto fondamentale: fabbricare (e smaltire) un’auto è un’attività enormemente energivora. Si produce tanta CO2 quanta percorrendo almeno 50.000 km. Oltre al consumo di risorse del suolo. Pertanto, costringere a sostituire continuamente le auto, addirittura con incentivi statali, potrebbe essere visto più come un favore alle ditte automobilistiche che all’ambiente.

 

 

Inoltre le emissioni delle auto dipendono fortemente dal modello (specialmente dalla massa totale), dalla marca (ci sono motori più efficienti e altri meno), dal differente utilizzo (ciclo urbano o extra-urbano, con luci e aria condizionata accese), quindi in realtà la differenza tra le varie classi Euro1→Euro2→…→Euro6 nel mondo reale non è poi così marcata come potrebbe risultare dagli studi statistici fatti in maniera molto approssimativa e spesso solo sulla carta. Con un uso moderato del veicolo, risulta più inquinante sostituire il mezzo. In Italia la percorrenza media è di 11.200 km l’anno. Mentre le auto hanno un ciclo di vita di 400.000 km se Diesel, 300.000 Benzina, 250.000 GPL. Per lo più restano sotto-utilizzate, in termini tecnici. Uno spreco inutile.

 

 

In maniera molto approssimativa e considerando un’utilitaria, per quanto riguarda le emissioni di CO2, conviene sostituire, a parità di modello, un Diesel Euro3 con un Diesel/Benzina Euro6, solo con percorrenze superiori ai 200.000 km come utilizzo totale.

In buona sostanza a Roma giubilerà chi è ricco e si potrà permettere auto nuova ed ecopass. Il resto della plebe in piccola parte si arrenderà ai disservizi di ATAC, in parte si caricherà anni di rate per un’(inutile) auto nuova, in parte correrà il (remoto?) rischio di una multa, continuando a circolare con la “vecchia” auto.

Con molta ipocrisia, ci sarà chi resterà esentato dai divieti, come ATAC che ha tuttora in circolazione circa 200 vecchi bus Diesel Euro3. Anche in questo rappresenta il simbolo culturale dei “poveracci”.

Tutto questo dimostra ancora una volta che chi prende decisioni non ha una visione d’insieme, e spara al bersaglio mirando ai bordi più estremi, ed in questo caso vulnerabili, del problema.

Condividi:

2 risposte

  1. Provvedimento utile a ridurre l’inquinamento tanto quanto le domeniche ecologiche.
    Sembra al solito si trovi la non-soluzione più semplice da implementare, piuttosto che agire alla radice dei problemi. Città senza futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Voi capite perché insisto nel dire che è URGENTE una Commissione indipendente per far luce sul Trasporto pubblico e sulla Mobilità di Roma da parte di @Europarl_IT, @SenatoStampa e @Montecitorio. Per questo il 1° dicembre depositerò formalmente la petizione. 1/2 twitter.com/romatoday/stat… Retweeted by diarioromano

L’orinatoio di piazza Navona. Passano gli anni ma permane il degrado quotidiano e l'aria irrespirabile per le deiezioni umane nel passaggio tra Piazza delle Cinque Lune e Piazza Navona. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - L’orinatoio di piazza Navona.
Passano gli anni ma permane il degrado quotidiano e l'aria irrespirabile per le deiezioni umane nel passaggio tra Piazza delle Cinque Lune e Piazza Navona.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Z1uqi29rMM

Un #Giubileo (quasi) senza Metro A. L'irresponsabile gestione delle manutenzioni negli anni passati ha portato alla scadenza della revisione per la gran parte dei treni della metro A. I prossimi saranno anni difficili. 👇📰 diarioromano.it/un-giubileo-qu…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Un Giubileo (quasi) senza Metro A

L’irresponsabile gestione delle manutenzioni negli anni passati ha portato alla scadenza della revisione per la gran parte dei treni della metro A. I prossimi saranno anni difficili

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close