Le stazioni metro più a rischio per le scale mobili

ATAC aveva appaltato la manutenzione della scale mobili e degli ascensori nelle stazioni delle Metropolitane, ad una Società che aveva offerto un ribasso del quasi 50%. L’appalto era iniziato nel giugno 2017 e fu rescisso a marzo 2019 dopo gli incidenti a Repubblica e Barberini.

Le scale mobili a cui andava fatta la revisione generale in quel periodo di tempo, sono le 33 in tabella.

 

 

 

Le 2 scale mobili evidenziate in rosso sono quelle a cui risultò mal funzionante il sistema di frenatura d’emergenza (per Repubblica comunque non è quella dell’incidente). La scala evidenziata in giallo è quella collassata pochi giorni fa.

Tutte le scale mobili di Repubblica, Barberini, Spagna e Flaminio sono state sottoposte a verifiche speciali dalla Ditta costruttrice OTIS, su espressa richiesta di ATAC.

 

Gli altri impianti evidenziati in fucsia sono stati affidati per la manutenzione ORDINARIA a Schindler. Non sappiamo se ATAC abbia chiesto dei controlli straordinari. Possiamo però notare che le stazioni di Manzoni, Furio Camillo, San Giovanni e anche Vittorio Emanuele, negli ultimi mesi sono state chiuse diverse volte per problemi alle scale mobili.

 

Appare evidente che ATAC debba disporre l’immediata verifica di questi impianti, che sono quelli che presentano un profilo di rischio maggiore.

 

Domanda: il Comune insieme al Demanio è proprietario delle stazioni e degli impianti (ed in quanto tale responsabile per gli interventi straordinari e di sostituzione), cosa ha fatto in tutto questo tempo a tutela dei cittadini, a parte proclami e commissioni-teatrino?

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Via Tuscolana, la facciata del Liceo Darwin era stata ripulita a dicembre e ora è devastata da scritte e manifesti di estrema destra. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Via Tuscolana, la facciata del Liceo Darwin era stata ripulita a dicembre e ora è devastata da scritte e manifesti di estrema destra.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/hxRkR1zzFG

Pietro Calabrese, l’assessore responsabile che però non c’entra mai nulla. Anche sul #parcheggio del Galoppatoio, proprietà comunale di 2000 posti in pieno centro per cui il concessionario paga €900/mese, l'assessore afferma: "nun me compete!?!" 🤷🏻‍♂️ 👇📰 diarioromano.it/pietro-calabre… Retweeted by diarioromano

L'unica vera opposizione all'amministrazione capitolina viene portata avanti dai cittadini, dalle associazioni e dai @RadicaliRoma... Oggi si chiede ancora chiarezza sul referendum #Atac... @romamobilita @CarloCalenda @virginiaraggi @MercurioPsi @giocaudo @ComitatoCaudo

test Twitter Media - L'unica vera opposizione all'amministrazione capitolina viene portata avanti dai cittadini, dalle associazioni e dai @RadicaliRoma... Oggi si chiede ancora chiarezza sul referendum #Atac...
@romamobilita @CarloCalenda @virginiaraggi @MercurioPsi @giocaudo @ComitatoCaudo https://t.co/GsdlGsG4Kz

Pietro Calabrese, l’assessore responsabile che però non c’entra mai nulla. Anche sul #parcheggio del Galoppatoio, proprietà comunale di 2000 posti in pieno centro per cui il concessionario paga €900/mese, l'assessore afferma: "nun me compete!?!" 🤷🏻‍♂️ 👇📰 diarioromano.it/pietro-calabre…

Da due anni, questa rete arancione circonda un buco senza fine dove un tempo c’era un albero. Parapedonali divelti e rifiuti in via Appia Nuova 465. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Da due anni, questa rete arancione circonda un buco senza fine dove un tempo c’era un albero. Parapedonali divelti e rifiuti in via Appia Nuova 465.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/dKD1UWwo6m
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close