Le Sette Sale a Colle Oppio, la più raffinata cisterna del mondo antico

Alimentava le Terme di Traiano e conteneva 6 milioni di litri d'acqua. E' chiusa al pubblico da troppo tempo ma un bando da 5 milioni di euro potrebbe permettere il suo recupero

 

E’ un monumento misterioso sul quale si raccontano leggende e storie nutrite dalla strana scoperta avvenuta nel 1967. Gli archeologi, mentre scavavano un tratto di Colle Oppio per riportare alla luce l’antica cisterna, trovarono più di mille scheletri.

Due degli ambienti che un tempo contenevano l’acqua erano stati trasformati in luogo di sepoltura. Ma fino al V secolo questo magnifico serbatoio idraulico era il cuore pulsante delle Terme di Traiano. Qui sfociava l’acquedotto Esquilino e si accumulavano più di sei milioni di litri d’acqua che poi alimentavano il più grande edificio termale esistente al mondo.

Visitare la cisterna delle Sette Sale oggi è un privilegio in quanto la struttura è chiusa al pubblico da diversi anni a causa della scarsa manutenzione. In queste settimane la Sovrintendenza Capitolina ha bandito un concorso per il recupero dell’edificio. Si tratta di un bando internazionale che prevede lo stanziamento di 5 milioni e 800 mila euro che saranno investiti per rendere il monumento fruibile da romani e turisti. Il vincitore del concorso dovrà progettare un nuovo accesso alla Cisterna, il risanamento della domus sovrastante e ovviamente il restauro delle Sale.

Nella domus alloggiavano i tecnici che vigilavano sul funzionamento dell’acquedotto e a turno scendevano nelle grandi stanze piene d’acqua per verificare che tutto scorresse nel verso giusto.

Siamo in una zona leggermente sopraelevata, a ridosso delle mura serviane, proprio per garantire la corretta pressione dell’acqua. Il serbatoio era costituito in realtà da 9 sale e non 7 come erroneamente si pensò nel Medioevo e copriva una superficie di 2.500 mq.

Vi mostriamo le foto degli interni che sono state scattate dal nostro collaboratore Luigi Aniballi che, per diarioromano, ha avuto accesso al monumento. Qui di seguito una delle sale, con il soffitto a volta e i pavimenti coperti di cocciopesto, un materiale molto usato in epoca romana per la sua capacità impermeabile.

Ogni sala era dotata di un grande finestrone per l’areazione e le pareti, costruite in laterizio, creavano una struttura resistente ma di facile realizzazione. Nella prossima foto un dettaglio del materiale dei muri che di fatto era una sorta di mattone come ancora ne vediamo tanti in costruzioni di epoca romana.

 

L’acqua scorreva da una sala all’altra grazie alla pendenza leggera con cui era costruito l’edificio e per il principio dei vasi comunicanti, in quanto tendeva a raggiungere le Terme che si trovavano ad un livello più basso. Per evitare che si creassero ristagni o mulinelli, le porte di comunicazione erano disposte in maniera sfalzata l’una con l’altra. E oggi l’effetto scenico è davvero suggestivo.

 

Nella parte alta dei muri si notano le incrostazioni di calcare che si formavano con gli schizzi d’acqua.

 

 

La futura riapertura al pubblico consentirà non solo la scoperta di una delle cisterne di epoca romana meglio conservate ma anche la risistemazione della parte ovest di Colle Oppio che oggi versa in condizioni di degrado e potrebbe invece essere protagonista di una piacevole passeggiata archeologica con vista sul Colosseo.

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Trinità dei Monti ancora solo per quelli bassi. A Trinità dei Monti i lecci consentono di passare solo a quelli sotto il metro e mezzo. Questa è la terza segnalazione in tre anni, il che vuol dire che da almeno tre anni nessuno mette mano a queste piante. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Trinità dei Monti ancora solo per quelli bassi.
A Trinità dei Monti i lecci consentono di passare solo a quelli sotto il metro e mezzo. Questa è la terza segnalazione in tre anni, il che vuol dire che da almeno tre anni nessuno mette mano a queste piante.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/alg9bvL4vI
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close