Le isole digitali di Milano: un modello a costo zero per rendere più sicura e tecnologica anche Roma

Isole digitali Milano

Quella che vedete è una delle tante postazioni digitali che Milano ha inaugurato negli ultimi mesi a costo zero. Gli sponsor, infatti, si sono fatti carico dell’intera spesa in cambio ovviamente dell’uso del proprio logo in bella evidenza.

Si tratta di un’idea piuttosto innovativa, ancora non molto diffusa in Europa e che potrebbe essere presa in considerazione anche a Roma in vista del Giubileo. Occorre valutare bene le aree della capitale dove installare queste isole – dato che nella gran parte del centro storico sono vietate simili forme di pubblicità – ma certamente una riflessione si può e deve fare.

Isole digitali Milano Largo La Foppa

 

ALTA TECNOLOGIA. L’aspetto più utile per milanesi e turisti è la possibilità di ricaricare il proprio smartphone o tablet mentre ci si trova in strada. Ogni isola, infatti, è dotata di molte prese elettriche alle quali allacciarsi gratuitamente. Inoltre una rete wi-fi  consente di navigare e scaricare ad alta velocità.

Le isole sono dotate di fari a led a bassissimo consumo che, durante la notte, si accendono solo se qualcuno le utilizza. Altrimenti restano spenti per limitare l’inquinamento luminoso. Tutto ad energia solare e con connettività 4G, dunque senza la necessità di realizzare scavi per portare gli allacci elettrici o telefonici. Un monitor fornisce informazioni su orari dei trasporti, dei musei ed eventi.

Inoltre, una buona parte di queste isole sono dotate di una barra di ricarica per i veicoli elettrici sia privati, sia pubblici. Il comune infatti ha messo a disposizione numerose macchinette elettriche in sharing che accumulano energia ai parcheggi (come quello che vedete qui sotto) o ad una delle isole digitali.

 

Veicoli elettrici Milano
Anche in questo caso lo sponsor ha coperto gran parte dei costi

 

PIU’ SICUREZZA PER LA CITTA’. Infine ogni isola è servita da due o tre telecamere collegate con la centrale della Polizia Locale di piazza Beccaria che permettono di monitorare il territorio e fungere quindi da deterrente per eventuali malintenzionati.

Ci sembra insomma che l’idea sia interessante e valga la pena prenderla in considerazione per un grande evento come il Giubileo. Immaginiamo che alcune di queste postazioni in zone di grande passaggio (intorno a San Pietro, nei pressi delle principali stazioni della metropolitana e ferroviarie) sia un servizio utile per romani e pellegrini e possa dare anche un immagine “meno vecchia” di Roma.

 

 

Condividi:

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Roma ha il record europeo di #monopattini parcheggiati male I dati di Consumerismo No Profit mettono a paragone le capitali europee. Le linee guida previste dal #Campidoglio per risolvere la questione dal 2023 👇📰 diarioromano.it/roma-ha-il-rec…

Perché chi transita sulla corsia d’emergenza la fa sempre franca? Quando si potrà vedere un serio contrasto al malcostume di saltare le file sul GRA transitando sulla corsia d’emergenza? Ci sarebbe la hola per le pattuglie! #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Perché chi transita sulla corsia d’emergenza la fa sempre franca?

Quando si potrà vedere un serio contrasto al malcostume di saltare le file sul GRA transitando sulla corsia d’emergenza? Ci sarebbe la hola per le pattuglie!
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/AoiwjZlf2l

Cinema Metropolitan: per la #Regione Lazio il progetto di riconversione è da rifare. La trasformazione bocciata perché prevedeva una quota di commerciale del 90%, in contrasto con la normativa regionale sui #cinema che concede al massimo il 30% 👇📰 diarioromano.it/cinema-metropo…

Il murales per Alfredino finanziato dai residenti. L’opera, in piazza Carbonara alla Garbatella, ricorda la tragedia avvenuta nel 1981 del bimbo caduto nel pozzo. E’ frutto di una raccolta durata mesi su una piattaforma on line. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Il murales per Alfredino finanziato dai residenti.

L’opera, in piazza Carbonara alla Garbatella, ricorda la tragedia avvenuta nel 1981 del bimbo caduto nel pozzo. E’ frutto di una raccolta durata mesi su una piattaforma on line.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HsTVsNZAG2

Da quasi un anno qualcuno si è creato il suo parcheggio privato, violando sistematicamente un'area pedonale (e manomettendo un manufatto comunale) e la @PLRomaCapitale ancora non si è accorta di nulla??? Cos'altro occorre a @gualtierieurope per cambiare il vertice del Corpo? twitter.com/mcacciaglia64/…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close