Le bancarelle di via Ferrari spostate al mercato di via Speri. Ottima notizia

Brave Virginia Raggi e Sabrina Alfonsi. Questa volta hanno fatto un ottimo lavoro!

Non siete sul sito sbagliato, tranquilli. E’ sempre diarioromano che nei confronti della Presidente del I Municipio e della Sindaca non è mai stato tenero, anzi tutt’altro. Ma se i provvedimenti sono giusti, siamo i primi a riconoscerlo e a fare i complimenti anche ad amministrazioni che non ci piacciono granché.

Le bancarelle di via Ferrari sono sempre state un incubo per passanti e residenti. Le abbiamo fotografate e criticate per anni, nella speranza che qualcuno mettesse termine ad un vero e proprio scempio. E finalmente quel momento è arrivato. Da lunedì scorso, via Ferrari è libera. Gli ambulanti sono stati spostati in via Tito Speri, un’area mercatale che già ospita decine di banchi, dove si erano liberate delle postazioni. Questa è una delocalizzazione che funziona, non come altre disposte in questi anni quando si è trattato di spostare banchi e furgoni da una strada all’altra. Di fatto non era risolvere il problema ma solo levare la croce a qualcuno per gettarla su qualcun altro.

Ecco perché abbiamo sempre insistito perché le bancarelle fossero spostate nei mercati, luoghi deputati ad ospitare gli ambulanti e centri di aggregazione. Nel caso di via Speri non siamo in un vero e proprio mercato ma in una strada che comunque ospita tutti i giorni un’area di vendita quindi quel luogo è già occupato da anni dall’ambulantato. Non aveva senso ingombrare anche la limitrofa via Ferrari con altri banchi. Significava creare due mercati a poche centinaia di metri l’uno dall’altro. Questa unificazione è certamente di buon senso.

Vediamo allora le terribili condizioni di via Ferrari fino a poche ore fa.

 

Perenne tripla fila
La strada trasformata in un parcheggio di furgoni senza regole
Merce esposta pure sui furgoni, scatole abbandonate
Il marciapiede trasformato in un suq

 

E guardate nella prossima foto la fermata dell’autobus. Inglobata dalla merce e dai banchi, senza alcuna sicurezza per chi attende il mezzo pubblico e deve arrivare al centro della carreggiata per salire a bordo.

 

Una situazione da paese sottosviluppato quale siamo diventati e che oggi non si vede più neanche nei peggiori sobborghi del subcontinente asiatico. Intollerabile dal punto di vista del decoro, inaccettabile per la sicurezza dei pedoni e per il rispetto del Codice della Strada.

Vediamo invece come è oggi quello stesso punto della bellissima arteria stradale ottocentesca, che conduce a piazza Mazzini ed è circondata da eleganti palazzi. Si respira un’aria di normalità, si può passeggiare e godere di un’atmosfera tranquilla.

 

“Si è trattato di un percorso complesso che ha richiesto molto tempo”,  ha commentato Sabrina Alfonsi.  “La soluzione adottata oggi restituisce fruibilità ai marciapiedi di via Ferrari e garantisce agli operatori delle postazioni dignitose”. E in effetti gli ambulanti non si possono lamentare dato che sono stati trasferiti in una strada che ha un ottimo passaggio commerciale proprio per la compresenza della vendita di generi alimentari.

“Oltre all’ingombro pericoloso di merci e furgoni su strada, alcuni di questi banchi ostruivano le finestre delle abitazioni creando disagio ai residenti. Altri erano posizionati sui passaggi pedonali o addirittura davanti ai cassonetti”, ha spiegato Virginia Raggi che ha parlato di restituzione dello spazio al passeggio dei cittadini.

Lo spostamento è arrivato proprio a ridosso delle elezioni suppletive per la Camera dei Deputati che si tengono anche in quel quartiere. Ma in questo caso il merito va diviso equamente tra il Municipio a guida Pd e il Campidoglio a guida 5Stelle. Si potrebbe dire che gli elettori dovrebbero premiare la coalizione di governo se volessero ringraziare per lo spostamento. Ma forse tutto questo è troppo dietrologico. La cosa importante è che oggi quella strada abbia ripreso a vivere e sia tornata a un giusto decoro.

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

#Rinnovabili: l’ambizioso piano di Zingaretti, le utopie e la realtà. Secondo il presidente della Regione, entro il 2050 il Lazio sarà alimentato solo da energia green... 👇📰 diarioromano.it/rinnovabili-la…

Sant’Angela Merici: chiudete la buca. Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra Circ.ne Nomentana e via Sant’Angela Merici. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Sant’Angela Merici: chiudete la buca.
Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra https://t.co/e5YgpquKdc Nomentana e via Sant’Angela Merici.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/gYlcl40gbj

E se i Tredicine restituissero la festa della Befana ai #romani? Col bando del 2017 la festa della Befana di piazza Navona è praticamente morta... 👇📰 diarioromano.it/e-se-i-tredici…

Come stupirsi se poi qualcuno pensa anche di farsi un bagnetto nelle fontane, a soli €400 (ammesso che ti becchino i vigili)? @lorenzabo @gualtierieurope twitter.com/DavideR4632561…

Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio. Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio.
Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/qJDaqV5utj

Segnaliamo il commento dell'arch. Paolo Gelsomini, di @carteinregola, sulla delibera di Giunta capitolina che istituisce il laboratorio #Roma050, coordinato dall'arch. @StefanoBoeri. carteinregola.it/index.php/quei…

Gualtieri ha presentato il nuovo piano #rifiuti con obiettivi al 2030. Ma l’oggi? Per conoscere come ridurre e differenziare i rifiuti occorre aspettare il piano industriale di AMA... 👇📰 diarioromano.it/gualtieri-ha-p…

Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo? Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo?
Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/hyqv8r6Xo3
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close