L’attraversamento pedonale di piazza Vittorio è ancora più pericoloso!

Non solo dopo un mese e mezzo dall'investimento a morte di un pedone l'attraversamento non è stato messo in sicurezza, ma addirittura una riasfaltatura parziale ha cancellato le strisce pedonali

Altre due settimane sono passate dall’ultima volta che abbiamo parlato dell’attraversamento omicida di piazza Vittorio e incredibilmente la situazione è addirittura peggiorata.

Non solo non sono stati posti in essere gli interventi decisi dalla commissione mobilità, ma addirittura una riasfaltatura parziale della strada ha ricoperto le strisce pedonali dell’attraversamento, rendendolo ancora più pericoloso.

Basta assistere all’attraversamento di qualche pedone per rendersi conto della pericolosità di quel tratto di strada.

 

 

 

L’immagine del professor Visentin, colui che ha perso la vita su quell’attraversamento, che qualcuno ha affisso ad un albero lì vicino si va sempre più sbiadendo ma le inette e criminali amministrazioni municipale e comunale non sono ancora riuscite a non rendere vana quella tragedia.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

“Per la #Raggi e la sua Giunta non è una priorità sconfiggere le #mafie”. La rete di associazioni Libera emana un durissimo comunicato dopo la bocciatura della mozione per l'istituzione del Forum dei beni confiscati alla #criminalità (atteso da 3 anni) 👇 diarioromano.it/per-la-raggi-e…

La rampa che collega via Nomentana con piazza Vulture è coperta dalla vegetazione. Ogni giorno è percorsa da molte persone che si recano, tra l’altro, alla Chiesa Avventista. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - La rampa che collega via Nomentana con piazza Vulture è coperta dalla vegetazione. Ogni giorno è percorsa da molte persone che si recano, tra l’altro, alla Chiesa Avventista.
#Roma  #fotodelgiorno https://t.co/FJ1spqdxnp

“Le mille lingue di Roma”. Un saggio di Luca Serianni spiega perché il #romanesco non è un vero dialetto ma un modo di parlare. #Cinema, tv e inclusione degli #stranieri l'hanno reso un "contenitore" di idiomi #libri @CastelvecchiEd @ComeUnaCitta 👇📰 diarioromano.it/le-mille-lingu… Retweeted by diarioromano

Bello e assolutamente opportuno ricorso. Grazie @RiccardoPennisi! @threadreaderapp unroll, grazie. twitter.com/riccardopennis…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

“Le mille lingue di Roma”

Un saggio di Luca Serianni spiega perché il romanesco non è un vero dialetto ma un modo di parlare. Cinema, tv e inclusione degli stranieri l’hanno reso un “contenitore” di idiomi

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close