L’albero di Natale quest’anno è bello perché si è fatto come nel resto del mondo

 

Ogni tanto sentiamo dire ai 5stelle capitolini che Roma è diversa e che qui non si possono fare le stesse cose che si fanno nel resto del mondo. Che la Capitale, per via della sua storia, della sua archeologia, del suo debito, del Pd ……. e di chissà cos’altro non può avere una metropolitana come in altre città, un commercio ambulante normale come nel resto d’Europa, un mercato di Natale bello e ricco di fascino come quelli austriaci, una rete ciclabile come quella di Barcellona e così via. Insomma Roma, non si sa per qualche motivo, sarebbe condannata a trovare una via propria alla soluzione dei problemi.

Ebbene è totalmente falso! La scelta di non copiare o adattare quello che si fa da anni, con successo, nel resto del Paese o del mondo, ci ha condannato a vivere nella metropoli più inefficiente d’occidente. Ed è esattamente quello che è accaduto con l’albero di Natale di piazza Venezia in questi ultimi due anni. Spelacchio e Povero Tristo, i due abeti più brutti mai realizzati a Roma, sono stati l’esempio di quella via tutta romana che i 5stelle stavano cercando. E – quando hanno visto che l’insuccesso perfino per la realizzazione di un albero rischiava di travolgerli – si sono decisi a fare come fanno tutti gli altri: affidare l’appalto a chi queste cose le fa da anni. E il risultato è un albero bello, che attira visitatori e che ha portato denaro nelle casse capitoline.

In queste ore la Raggi si sta prendendo il merito dell’operazione albero di Natale. Sabato sera era orgogliosamente presente all’accensione delle 60mila lucine a led, assieme a Beppe Grillo e ai maggiorenti pentastellati. Ma occorre precisare che anche quest’anno il rischio Spelacchio era alle porte e che per il terzo anno consecutivo, la giunta aveva scelto la folle strada di far realizzare l’abete a qualcuno non esperto, sol per evitare di dare l’incarico alle multinazionali cattive e oppressive!

Facciamo allora un passo indietro. Dato che sui giornali e su internet nessuno spiega la genesi del bell’albero di quest’anno, lo facciamo noi!

Nel 2016 e nel 2017, l’amministrazione scoprì che il Natale arriva il 25 dicembre solo a novembre (!!). In effetti, senza un minimo di preavviso e di preparazione, all’ultimo momento, diede l’incarico di realizzare un abete a piazza Venezia ad una ditta trovata chissà come, senza fare una gara e caricando il costo sulle spalle dei romani. Nel 2016 l’albero costò 15 mila euro e nel 2017 furono stanziati 49 mila euro (mille euro in meno della soglia sopra la quale per legge è necessario fare una gara). Gli allestimenti furono talmente brutti da ridicolizzare Roma in tutto il mondo.

Scattò una specie di controffensiva grillina che arrivò a vantarsi della tristezza di Spelacchio tanto da farne un simbolo della decrescita e del risparmio.

La senatrice Taverna “orgogliosa” di Spelacchio

 

In realtà, questo ed altri blog avevano suggerito all’amministrazione di seguire una strada molto più onesta e cioè bandire una gara di appalto grazie alla quale sarebbe stato trovato uno sponsor che – non solo avrebbe pagato i costi – ma avrebbe versato una somma al Campidoglio. Non ci eravamo inventati niente, nessuna idea brillante. E’ solo quello che accade in tutto il mondo e in tutta Italia da sempre!!

Ebbene, anche quest’anno – non paghi di aver fallito per due anni di seguito –  i geni capitolini avevano deciso di fare di testa loro. Avevano predisposto un avviso pubblico che chiedeva ad uno sponsor di pagare i costi dell’albero ma senza mettere in evidenza il proprio marchio. Non si sa per quale motivo, qualcuno si sarebbe dovuto assumere una responsabilità così grande, di esporsi sotto riflettori di tutto il mondo, senza alcun ritorno pubblicitario. Nel giugno scorso avevamo messo in guardia l’amministrazione da questa assurda procedura.

Ovviamente a quell’avviso non rispose nessuno. E così, gioco forza e costretta dalla pressione mediatica, la Raggi si è decisa a fare una gara normale, come fanno tutti. Alla gara normale ha risposto una multinazionale della pubblicità, la Igp Decaux, che ha trovato uno sponsor (Netflix) che avrebbe finanziato l’operazione. Dei 376 mila euro che Netflix ha versato, una buona parte andranno nelle casse capitoline. Le multinazionali cattive e imperialiste hanno portato soldi, hanno prodotto un bell’albero e hanno permesso alla Raggi di vantarsi della sua operazione (che non avrebbe voluto fare neanche quest’anno).

Conclusioni: non si può e non si deve trovare una via tutta romana per risolvere i problemi. Per le buche servirebbe un appalto unico (e non mille microappalti) in modo da dare la responsabilità ad un solo interlocutore; per le bancarelle servirebbe una gara che assegni i posteggi ai miglior offerenti (e non sempre alle stesse famiglie da secoli); per il bike sharing occorrerebbe legarlo ai cartelloni pubblicitari in modo da garantire un servizio continuativo (e non affidarlo ad Atac o chissà chi) e così via. Insomma basterebbe fare quello che si fa nel resto del mondo! Senza pregiudizi e pretese di superiorità. La vicenda dell’albero insegna.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

#Rinnovabili: l’ambizioso piano di Zingaretti, le utopie e la realtà. Secondo il presidente della Regione, entro il 2050 il Lazio sarà alimentato solo da energia green... 👇📰 diarioromano.it/rinnovabili-la…

Sant’Angela Merici: chiudete la buca. Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra Circ.ne Nomentana e via Sant’Angela Merici. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Sant’Angela Merici: chiudete la buca.
Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra https://t.co/e5YgpquKdc Nomentana e via Sant’Angela Merici.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/gYlcl40gbj

E se i Tredicine restituissero la festa della Befana ai #romani? Col bando del 2017 la festa della Befana di piazza Navona è praticamente morta... 👇📰 diarioromano.it/e-se-i-tredici…

Come stupirsi se poi qualcuno pensa anche di farsi un bagnetto nelle fontane, a soli €400 (ammesso che ti becchino i vigili)? @lorenzabo @gualtierieurope twitter.com/DavideR4632561…

Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio. Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio.
Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/qJDaqV5utj

Segnaliamo il commento dell'arch. Paolo Gelsomini, di @carteinregola, sulla delibera di Giunta capitolina che istituisce il laboratorio #Roma050, coordinato dall'arch. @StefanoBoeri. carteinregola.it/index.php/quei…

Gualtieri ha presentato il nuovo piano #rifiuti con obiettivi al 2030. Ma l’oggi? Per conoscere come ridurre e differenziare i rifiuti occorre aspettare il piano industriale di AMA... 👇📰 diarioromano.it/gualtieri-ha-p…

Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo? Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo?
Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/hyqv8r6Xo3
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close