L’aggressione a Coia da parte degli urtisti è frutto dell’opera del M5S

L’articolo del Messaggero che definisce Coia “pro ambulanti”

 

Un’azione indegna, un gesto vigliacco da condannare! Per cui chi in queste ore ci ha scritto che l’aggressione che ha subito Andrea Coia “gli sta bene”, sbaglia di grosso. La violenza non si può mai giustificare. Ma sicuramente non deve stupire. Se affidi la città alle micro lobbies di potere, poi sono loro che vogliono comandare.

La storia parte da lontano e non riguarda solo il consigliere comunale Andrea Coia, presidente grillino della commissione Commercio. E’ l’intero Movimento 5Stelle che sugli ambulanti ha sempre avuto un atteggiamento incredibile e fuori dalla legge. Con il pretesto di difenderli da presunte multinazionali, ha sempre detto no alla direttiva Bolkestein e quindi ai bandi di gara per la concessione del suolo pubblico.

Parlamentari pentastellati, consiglieri regionali hanno fatto le barricate per negare l’applicazione in Italia di una direttiva europea che è sacrosanta e che il nostro Paese ha recepito con una legge nazionale. Così facendo il M5S ha di fatto affermato che chi ha una licenza per operare sul territorio, ce l’avrà sempre. A vita! E che chi vuole entrare in quel mercato, non potrà farlo, a meno di comprarne una a caro prezzo da chi la detiene. In sostanza chi è dentro è dentro e chi è fuori è fuori!

Un emendamento approvato di notte dal governo Conte 1 ha escluso balneari (sic!) e bancarellari dall’applicazione della legge. Niente bandi per loro. Niente servizi di qualità e offerta all’altezza. Sono e devono restare dei privilegiati.

Arriviamo ai nostri giorni. La Sindaca Raggi lancia una specie di campagna contro i 17 urtisti che impallano vergognosamente i monumenti più belli di Roma: dalla Fontana di Trevi, al Pantheon. Lì davanti non ci possono più stare, dice la Raggi, che però lo comunica ai diretti interessati solo il 30 dicembre, dandogli un solo giorno di preavviso. Assurdo! Soprattutto perché questo riordino non è cominciato ieri, anzi non è cominciato affatto con l’amministrazione Raggi. Risale ai tempi di Marino ed è frutto del Tavolo del Decoro voluto da tanti soggetti istituzionali, tra i quali la Regione e il Ministero dei Beni Culturali. Questa Sindaca avrebbe potuto applicare molto prima la disposizione e spostare questi signori tre anni fa.

Ad ogni modo, dopo molti tentennamenti, dopo lunghe trattative che non hanno portato a niente, viene comunicato agli ambulanti che in quei posti non possono più stare a partire dal primo gennaio. Loro, come era prevedibile, non se ne vanno. E perché dovrebbero? La comunicazione è arrivata all’ultimo minuto, la giunta e i 5Stelle hanno sempre mostrato di essere proni agli interessi della categoria, per cui nessuno si muove.

Diversi organi di informazione vanno a controllare, pure diarioromano lo fa, e quasi tutti gli urtisti sono di fronte i soliti monumenti. La Raggi arrossisce, capisce che deve fare qualcosa e dà un “penultimatum” agli ambulanti: “Entro venerdì dovete trovare una soluzione” (!?!). Cioè sono loro, gli urtisti, a dover decidere dove andare. Una roba assurda che ovviamente non porta a nulla.

Ieri finalmente Fontana di Trevi e Pantheon si potevano ammirare senza gli osceni venditori di souvenir. Ma solo perché a presidiare i luoghi c’erano diversi agenti della Polizia Locale come si vede dalle immagini che abbiamo scattato in mattinata.

 

 

Ma venerdì, l’ultimo incontro in Campidoglio era finito male. Un paio di bancarellari violenti se la prende con Coia, lo sbatte a terra e gli dà una testata sull’orecchio. Nel pubblicare il video dell’aggressione, Coia scrive sul suo profilo Facebook:” L’amministrazione comunale ……… è sola e nuda di fronte alle lobbies ed ai singoli che si ritengono proprietari del suolo pubblico. Una concessione non è per sempre e te la devi meritare“.

 

Ma come? Prima gli dici per anni che la direttiva Bolkestein non va applicata. Gli fai emendamenti alla legge di Bilancio scritti su misura. Gridi che nessuno deve perdere la licenza e poi adesso sostieni che una concessione non è per sempre?

Ma è ovvio che questi perdano la pazienza e se la prendano con te. E’ il minimo perché si sentono traditi. Il problema è che quando si comincia a derogare dalla legge per favorire questo o quello, la situazione inevitabilmente scappa di mano.

Quando dicevamo a Coia che fare un bando per la festa della Befana di piazza Navona, privilegiando l’anzianità degli operatori equivaleva a dare la piazza alla solita famiglia che l’avrebbe resa un mercato di periferia, Coia andò avanti come un carro armato, perfino litigando col suo assessore dell’epoca, Adriano Meloni.
Quando gli dicevamo che il suo regolamento sull’ambulantato avrebbe solo incancrenito la situazione attuale, lui tirò dritto senza voler ascoltare critiche, portando la delibera in consiglio in piena notte, come mai era avvenuto in passato.

Di cosa si stupisce adesso? Perché scrive che è deluso e amareggiato? Se regali la città a qualcuno, non te la puoi riprendere indietro. Prima di regalare un diamante ad una fidanzata ci pensi bene, perché sai che in caso di separazione quel diamante resterà a lei.

Quando i 5Stelle hanno scelto di schierarsi senza se e senza ma dalla parte degli ambulanti, dei tassisti e di tante lobbies tremende, dovevano sapere che quel diamante non sarebbe più tornato indietro. Purtroppo a pagarlo sono stati e saranno i cittadini romani.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

#ATAC - tanto per cambiare il server dati di @romamobilita NON FUNZIONA correttamente - monitorati solo 450 autobus (cosa impossibile, saranno almeno 1.000). (Se non vi funzionano bene le app NON è colpa loro.. @moovit_it) @Ass_Cult_CeSMoT Retweeted by diarioromano

Il futuro deve essere #green, soprattutto per #Roma. La capitale è al terzo posto in Europa per spazi verdi ma non progetta lo sviluppo di quartieri e strade in ottica ambientale. L'esempio di #Parigi. #28settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/il-futuro-deve…

Questo bar di Lgo Somalia ha sempre avuto i tavolini esterni. Che motivo c’è di levare spazio ai parcheggi e aggiungerne altri con la scusa del Covid? . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Questo bar di Lgo Somalia ha sempre avuto i tavolini esterni. Che motivo c’è di levare spazio ai parcheggi e aggiungerne altri con la scusa del Covid?
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/PfkvaU9VeN

La rastrelliera malferma che può far male a pedoni e bambini. Su un marciapiede di piazza Don Minzoni appare un manufatto montato male e posizionato ancor peggio. #Roma #27settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/la-rastrellier… Retweeted by diarioromano

La rastrelliera malferma che può far male a pedoni e bambini. Su un marciapiede di piazza Don Minzoni appare un manufatto montato male e posizionato ancor peggio. #Roma #27settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/la-rastrellier…

I prestigiosi marciapiedi di piazza dell'Esquilino, davanti la basilica di S. Maria Maggiore. . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - I prestigiosi marciapiedi di piazza dell'Esquilino, davanti la basilica di S. Maria Maggiore.
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/3Nr5IRu90X
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close