Roma piange l’ennesima vittima della strada, un giovane diciottenne deceduto in un incidente con un autobus di cui ancora deve essere chiarita la dinamica. La tragedia è avvenuta in piazza Istria e dalle prime ricostruzioni sembrerebbe che un ruolo possano averlo avuto alcune auto parcheggiate sulla piazza in sosta vietata; una delle ipotesi è infatti che l’autista abbia dovuto deviare dalla propria traiettoria per evitare tali autovetture e che questo possa aver portato il ragazzo a perdere il controllo del proprio mezzo.

La magistratura ha comunque aperto un fascicolo per omicidio colposo e la speranza è che le indagini possano chiarire la dinamica dell’incidente.

Quel che è certo, come molti residenti hanno dichiarato alla stampa, è che la piazza, da quando è stata modificata creando una rotatoria ed eliminando i semafori, è divenuta molto più pericolosa, colpa dei mancati rispetti di stop e precedenze ma soprattutto della sosta selvaggia che, sempre a detta dei residenti, non viene mai sanzionata.

Chissà perché non abbiamo difficoltà a credere che piazza Istria siano un luogo dove le auto in sosta vietata pullulano impunemente, come d’altronde in tutto il resto della città di Roma. E non serve neanche un sopralluogo per sincerarsene, bastando dare un’occhiata allo Street View di Google per poter verificare un gran numero di auto in sosta in zona rimozione, proprio nella parte dove si è verificato l’incidente ieri.

 

Il luogo dell'incidente a piazza Istria (da Strett View di Google)
Il luogo dell’incidente a piazza Istria (da Strett View di Google)

Ribadiamo che l’eventuale ruolo nell’incidente di possibili auto in sosta vietata deve ancora essere verificato, ma rimane il fatto che la sosta selvaggia è spesso concausa, se non causa scatenante, di incidenti stradali, a volte molto gravi. Per cui quello che tantissimi romani fanno con estrema naturalezza, ossia il fermare o sostare il proprio veicolo al di fuori degli spazi consentiti, è una pratica molto pericolosa, che facilmente può causare vere e proprie tragedie. Per dirla ancora più chiaramente, la sosta selvaggia è un comportamento potenzialmente criminale, per cui sarebbe finalmente ora che:

  • le forze dell’ordine iniziassero a perseguirlo con la dovuta fermezza e costanza (anziché neanche accorgersene il più delle volte),
  • il comune sentire iniziasse a metterlo all’indice, come se uno urinasse in pubblico,
  • le istituzioni iniziassero a dare il buon esempio, a partire dal Sindaco Marino che usava praticarla “sbadatamente”,
  • le scuole iniziassero a presentare il fenomeno per quello che è, ossia una delle cause di morte più frequenti della nostra città.

 

Il tema della legalità sulle strade romane ci sta molto a cuore, avendone già parlato riguardo alla mortalità pedonale, ai disabili, ed al cattivo esempio delle istituzioni maggiori. Siamo convinti che sia una parte rilevante del più generale degrado romano ed uno dei tasselli che per primo deve andare a posto per sperare di riuscire a ricomporre il puzzle del decoro e della sicurezza a Roma. In questo il comandante Clemente aveva dato segnali chiari all’inizio, mentre ora si ha l’impressione di stare regredendo. Noi non ci rassegnamo e lo stesso speriamo del comandante.

 

AGGIORNAMENTO – Un cittadino residente in zona ci ha fatto notare che non si può rimpiangere piazza Istria com’era prima, essendo la nuova sistemazione ben più dignitosa e funzionale, come da foto seguente.

PzaIstriaNew

Non possiamo che concordare ed in effetti anche noi fatichiamo a credere che un intervento come la realizzazione di una rotatoria, che in tutto il mondo risolve i notori problemi degli incroci inclusa la loro sicurezza, a Roma si riveli essere un problema.

Probabilmente, come abbiamo già fatto notare, il problema non è tanto la rotatoria quanto la mancata osservanza delle più elementari norme del codice della strada, come il rispettare le precedenze e non sostare dove non consentito. In effetti anche nella foto inviataci si intravedono alcuni veicoli che sembrano sostare in divieto proprio sul luogo dell’incidente.

Ci facciamo un nodo al fazzoletto e tra un po’ ci torneremo a piazza Istria per vedere se i vigili l’avranno capita la necessità di scoraggiare la sosta selvaggia a forza di sanzioni. E nel caso manderemo un rapportino al comandante Clemente.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Perché @PLRomaCapitale non dedica un paio dì pattuglie in bici al controllo delle ciclabili? Che fine hanno fatto i mezzi a due ruote periodicamente sfoggiati nelle parate? @gualtierieurope twitter.com/marcolatini19/…

L’inutilità dei vigili agli incroci: a viale Manzoni-via Emanuele Filiberto tengono fermi due bus al semaforo per 4/5 minuti, a via Merulana non gestiscono veicoli che bloccano i bus. C’è qualcuno che gli spiega come comportarsi o improvvisano?

Forse qualcuno dovrebbe spiegare all'architetto che il muro non serve a cingere il giardino bensì proprio a crearlo, ossia a contenere la terra dove mettere le piante. Quello che doveva essere un parcheggio interrato è venuto un po' fuori terra e da qui la necessità del muro. twitter.com/rep_roma/statu…

Piano per la #mobilità durante le festività natalizie: il migliore da molti anni, nonostante qualche ombra. Per la prima volta viene prevista l'attivazione fissa delle #ZTL e i collegamenti con alcuni parcheggi... 👇📰 diarioromano.it/piano-per-la-m…

#Domenica di giochi a villa Ada per i bambini. La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto

test Twitter Media - #Domenica di giochi a villa Ada per i bambini.
La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto https://t.co/H3ClE8Wsnz
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Colonna della Pace, in abbandono

Davanti la basilica di Santa Maria Maggiore c’è l’unica superstite delle otto colonne che ornavano la volta della Basilica di Massenzio, lasciata nel degrado con le erbacce ad infestarla.

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close