La piaga dei roghi tossici e una possibile soluzione

Pochi giorni fa raccoglievamo le ultime foto del Cdq Tor Sapienza su un violento rogo che ha devastato parte di un’area verde. In quel quadrante di Roma, le fiamme appiccate da rom e recuperanti sono una costante tanto è vero che le pagine social del Comitato di Quartiere ospitano una volta a settimana denunce e proteste dei residenti intossicati. Vivere senza poter respirare aria pulita, crescere i propri figli in mezzo ai fumi di pneumatici e plastiche combuste porta all’esasperazione.

Avevamo chiesto un intervento, un segnale da parte del Sindaco Raggi per far capire a qualcuno che “l’aria sta cambiando” (neanche troppo in senso metaforico). Purtroppo nella notte tra venerdì e sabato, in un’altra zona di Roma, un violento rogo ha svegliato i cittadini mettendoli in allarme. A Valle Aurelia, alle pendici del Parco del Pineto sotto il quartiere della Balduina, da anni è insediato un accampamento abusivo. E da anni vengono bruciati materiali plastici, rame, pneumatici che producono fumi tossici. Durante uno di questi roghi, forse per il vento che l’altra notte soffiava su Roma, le fiamme hanno investito anche le baracche degli accampanti e le hanno distrutte. I fumi neri hanno invaso il quartiere e alcuni abitanti sono stati costretti a rivolgersi ai medici per problemi alle vie respiratorie.

rogo tossico pineto

roghi tossici 4

roghi tossici 5

roghi tossici

roghi tossici3

 

Anche a Valle Aurelia i roghi non sono una novità. Più volte è stato chiesto lo sgombero degli accampamenti, anche con successo, salvo poi il ripresentarsi dell’insediamento poche settimane dopo. Se è vero che tenere sgombere le aree è complicato, occorre dire che tenerle senza roghi dovrebbe essere più semplice. Una vigilanza costante sulle colonne di fumo e un intervento immediato di vigili del fuoco e polizia municipale renderebbe pericoloso per i rom appiccare le fiamme. Se infatti infatti ci fosse un blitz delle autorità ogni volta che appare una colonna di fumo i recuperanti eviterebbero di esporsi al rischio di essere arrestati e sgomberati. Il tema è sempre lo stesso a Roma: ciascuno si sente libero di fare come vuole perchè ha la quasi certezza dell’impunità. Se invece ad ogni rogo corrispondesse uno o più arresti, ben presto i roghi diminuirebbero fino a sparire.

Sarebbe dunque necessario un mandato alle forze dell’ordine da parte del nuovo Sindaco, con una richiesta di intervento immediato in seguito alla segnalazione dei cittadini. Non appena qualcuno telefona denunciando un rogo, dovrebbe scattare l’intervento da parte di Polizia, Carabinieri o Vigili Urbani. Basterebbe fare uno sforzo di questo tipo per circa un anno, dedicando magari alcune pattuglie, per stroncare in pochi mesi il fenomeno.

E’ ormai una questione di salute pubblica per cui non si può pensare di derubricarla a problema minore. Una maggiore attenzione oggi si traduce in tante malattie in meno domani.

 

 


 

Le foto di questo articolo sono di Franco Quaranta

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Lo spiazzo che costeggia via del Foro Italico, altezza Campi Sportivi, è sempre più carico di rifiuti lasciati nottetempo. Urgono telecamere e controlli. #Roma #Photo #lettori @Roma @RiprendRoma

test Twitter Media - Lo spiazzo che costeggia via del Foro Italico, altezza Campi Sportivi, è sempre più carico di rifiuti lasciati nottetempo. Urgono telecamere e controlli.
#Roma #Photo #lettori @Roma @RiprendRoma https://t.co/hXdfmwZNal
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close