La pensione del vigile la pagheremo anche con le multe

 

Una multa in più oggi, qualche euro in più nella pensione domani. E’ l’obiettivo raggiunto dai Vigili Urbani di Roma dopo anni di trattative con il Comune. In pratica il nuovo contratto per il personale non dirigente, firmato poche settimane fa, ha riconosciuto agli agenti in servizio nella capitale la possibilità di aderire ad un fondo pensionistico complementare.

I versamenti a questo fondo, chiamato Perseo-Sirio, non proverranno direttamente da trattenute sullo stipendio ma dalle multe che saranno comminate.

Lo prevede l’articolo 208 del Codice della Strada, uno dei più discussi e meno applicati. I proventi delle contravvenzioni, infatti, dovrebbero essere destinati a scopi di sicurezza stradale, investimenti sulle infrastrutture viarie e appunto previdenza della Polizia Locale o di Stato. Ma la gran parte dei comuni, e Roma non fa eccezione, usano le multe per coprire buchi di bilancio.

Da qui la lotta, iniziata anni fa dai sindacati dei Vigili, per ricevere una quota di queste somme almeno al raggiungimento dell’età della pensione. D’altronde il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo, ha ridotto di molto l’assegno pensionistico degli agenti di Polizia Locale. Oggi un vigile appena assunto ha una retribuzione di 1.683 euro lordi al mese, più gli indennizzi legati ai turni o agli incarichi. Chi ha un’anzianità di almeno 20 anni, è laureato e ha raggiunto il livello di vice-ispettore o ispettore, ha una busta paga di 1.921 euro lordi più gli indennizzi. Una volta in pensione, il guadagno si ridurrebbe di circa il 30%. Per mantenere un valore simile alla retribuzione precedente, i Vigili potranno ora aderire al fondo pensionistico complementare alimentato dai proventi delle multe.

Gli automobilisti romani, dunque, devono temere una maggiore severità da parte della “Municipale”? Probabilmente sì, dato che anche la Sindaca Raggi a fine 2018 aveva chiesto agli agenti più multe. In particolare, per pagare gli stipendi dei 500 vigili assunti nel corso di quest’anno occorrono circa 12 milioni di euro che il Campidoglio conta di incassare dal maggior numero di contravvenzioni: 2,8 milioni invece delle 2,6 milioni dell’anno precedente.

L’incasso aggiuntivo sarebbe appunto di 12 milioni. Il combinato disposto del giro di vite chiesto dalla Sindaca e dell’obiettivo pensionistico dei vigili, non farà dormire sonni tranquilli a chi guida per le vie di Roma. Rispetto alle altre città italiane, comunque, nella capitale vengono comminate meno multe: ogni romano paga 65,6 euro a testa l’anno, contro i 129,3 pagati da un fiorentino, i 127,9 da un bolognese e i 123,8 da un milanese. Tra le metropoli, solo Napoli fa peggio di Roma con 40,2 euro a testa.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

3 risposte

  1. Da una recente ricerca, condotta dalla CGIA di Mestre, risulta che solo il 40% delle multe comminate per infrazioni al Codice della Strada vengono pagate (media nazionale).
    La percentuale dei comuni del Lazio è inferiore al 30%.
    Qualche mese fa il Comune di Roma, preso atto che i romani non pagano e così finiscono nei contenziosi e poi in prescrizione, ha rinunciato a 380milioni di €…

  2. Mi piacerebbe sapere quante multe hanno fatto gli ausiliari del traffico (atac) agli autocarri dei traslochi che stazionano permanentemente sulle strisce blu a Via Cipro (angolo via Meloria) e quante multe sono state pagate? E se non sono state pagate perché non é stato applicato il fermo ammistrativo ? …

  3. Sarei curioso di sapere (dai vigili urbani e atac) se sia lecito e corretto esporre il contrassegno degli invalidi su uno dei furgoni dei traslochi che stazionano permanentemente in sosta sulle strisce blu e gialle a Via Cipro angolo Via Meloria…Chi è “l’invalido” il furgonaro che scarica e carica i mobili?…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Che non ti fai l’aperitivo a piazza in Lucina appoggiando la tua Porsche dove capita, che tanto con quella targa non rischi proprio nulla? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Che non ti fai l’aperitivo a piazza in Lucina appoggiando la tua Porsche dove capita, che tanto con quella targa non rischi proprio nulla?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/GY44CrCGIY

Prove di #rinascita del Quartiere Incis La Pisana Presentiamo un giovane comitato che vuole trasformare il proprio quartiere rendendolo bello e accogliente per tutti... #Roma #news 👇📰 diarioromano.it/prove-di-rinas…

Quattro mesi di #chiusura di Villa Celimontana e ancora non si vede la fine Uno dei parchi più belli del centro resta interdetto ai cittadini e non se ne intravede la #riapertura. Flashmob delle associazioni Progetto Celio e CelioAperto #Roma 👇📰 diarioromano.it/quattro-mesi-d…

Accanto al mercato di Casal de’ Pazzi sono comparsi nuovi rifiuti abbandonati. Ad aprile avevamo già segnalato un’altra discarica illegale a pochi metri. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Accanto al mercato di Casal de’ Pazzi sono comparsi nuovi rifiuti abbandonati. Ad aprile avevamo già segnalato un’altra discarica illegale a pochi metri.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/zLgwXtCk8L

Stefàno: “Non mi ricandido. Virginia confermata senza neanche un dibattito” L'esponente storico dei 5stelle romani lancia una pesante critica ai 5 anni di amministrazione. "Cosa è cambiato per non ripetere gli stessi errori?" #Roma #12maggio 👇📰 diarioromano.it/stefano-non-mi… Retweeted by diarioromano

“Questo tram ti racconta Roma”. Si. Il 2 ti racconta di una cittá allo sbando dove una linea di tram è sostituita da navette da più di 6 mesi e l’azienda che gestisce il trasporto urbano non è in grado di dare una data di ripristino del serv. Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close