La palestra all’aperto nel Pineto sta andando in rovina per assenza di manutenzione

Attrezzi sportivi parco pineto

 

Pensate forse che qualcuna delle amministrazioni che si sono succedute negli ultimi decenni in questa città e che hanno validamente gareggiato tra loro per incapacità, sia riuscita a partorire qualcosa di buono per la vita reale dei cittadini? Certo che no, direte voi (o almeno è quello che direi io).

E invece si, questa c’era riuscita. Adesso quale fosse non lo ricordo neppure, e francamente oramai poco importa, quel che conta è che alcuni anni fa, è apparsa magicamente al parco del Pineto una palestrina all’aperto.

Di certo un nulla rispetto a quello che si vede negli altri centri urbani europei, i cui parchi o lungofiumi sono diventati delle immense aree fitness ma sicuramente un risultato eccezionale per una città immobile da anni.

 

Attrezzi sportivi parco pineto 2

 

L’opera si è dimostrata da subito apprezzatissima dai residenti che hanno cominciato a frequentarla in massa. E continuano a farlo.

Purtroppo però si sa che da noi va molto più di moda inaugurare piuttosto che mantenere. Così, col passare del tempo e l’utilizzo, uno dopo l’altro, i vari attrezzi sono andati fuori uso.

L’ultimo dei caduti è quello per i pettorali, cui sono saltati i bulloni che tenevano i sedili agganciati alla struttura. Siamo al 50% di attrezzi non utilizzabili, una buona media.

 

Attrezzi sportivi parco pineto 6

Attrezzi sportivi parco pineto 3
In questo caso non si tratta di vandalismo ma parliamo semplicemente assenza di manutenzione ed incuria.
Pare che questo sia il destino inevitabile dei beni pubblici a Roma, utilizzati o abbandonati che siano, condannati tutti ad andare alla malora.
Peccato, perchè quella palestrina è stata veramente un successo.

 

Attrezzi sportivi parco pineto 7

 

Attrezzi sportivi parco pineto 8

 

Tanta gente la usa, gente che magari non può permettersi l’abbonamento ad una palestra o la villa privata col giardino.
Ricordiamoci che il bene pubblico, fruibile da tutti, è solidale, è ciò che tutela le fasce più deboli, che rende il povero “un po’ più uguale” al ricco.
Per via di autorizzazioni, intrecci di competenze, mancanze di fondi ecc, già sappiamo che nessuna istituzione può far nulla ed è quindi inutile sperare in un ripristino della struttura. Prendiamo quindi atto che da oggi siamo tutti un po’ più poveri ed un po’ più disuguali.

NB ATTENZIONE: quando ci si siede adesso il sedile si rovescia quindi è pure pericoloso.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Se questa discarica in via Prenestina deve proprio rimanere lì, probabilmente a disposizione di occupanti abusivi, perché non metterci un cassone? È più decoroso ed evita agli addetti di raccogliere da terra. Neanche le cose facili … @Sabrinalfonsi

test Twitter Media - Se questa discarica in via Prenestina deve proprio rimanere lì, probabilmente a disposizione di occupanti abusivi, perché non metterci un cassone? È più decoroso ed evita agli addetti di raccogliere da terra.
Neanche le cose facili …
@Sabrinalfonsi https://t.co/cgVKt12ZPc

Colonna della Pace, in abbandono. Davanti la basilica di Santa Maria Maggiore c'è l'unica superstite delle otto colonne che ornavano la volta della Basilica di Massenzio, lasciata nel degrado con le erbacce ad infestarla. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Colonna della Pace, in abbandono.
Davanti la basilica di Santa Maria Maggiore c'è l'unica superstite delle otto colonne che ornavano la volta della Basilica di Massenzio, lasciata nel degrado con le erbacce ad infestarla.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/D0xKFLuG8V
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Colonna della Pace, in abbandono

Davanti la basilica di Santa Maria Maggiore c’è l’unica superstite delle otto colonne che ornavano la volta della Basilica di Massenzio, lasciata nel degrado con le erbacce ad infestarla.

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close