La non-festa della Befana di quest’anno

1 Commento

Dopo essercene occupati in maniera continuativa dal 23 settembre, abbiamo fatto un salto a piazza Navona per vedere com’è combinata dopo la telenovela che ha visto come pessimo protagonista il Municipio.

Sarà però utile una breve cronistoria degli accadimenti che hanno riguardato la festa della Befana a piazza Navona:

– lo scorso anno, pressato dalla Soprintendenza, il Municipio ha emanato un bando triennale per assegnare le postazioni ambulanti della festa prevedendo un numero ridotto di banchi rispetto al passato;

– gli operatori tradizionali (i “soliti noti”) parteciparono al bando e vinsero la gran parte delle postazioni ma per protesta non ritirarono i titoli, di fatto boicottando la festa per lo scorso anno (i signori contavano su un ricorso amministrativo avverso al bando ma ebbero torto) e precludendosi di parteciparvi anche per i successivi due anni;

– quest’anno il Municipio, con motivazioni che non sono state mai chiarite, ha deciso di emanare un nuovo bando per la festa della Befana di fatto riammettendo gli operatori che l’avevano boicottata lo scorso anno e prevedendo una durata delle concessioni di addirittura 10 anni (un regalo enorme agli operatori commerciali);

– il bando è stato emanato in ritardo ma soprattutto era costruito in modo che fossero i soliti noti a vincerlo e quando ciò si è verificato il Municipio è caduto dalle nuvole (!?!); fortuna che è intervenuta l’ANAC (l’Autorità Nazionale Anticorruzione) che ha chiesto di ritirare il bando in autotutela.

Il risultato di tutto ciò è che anche quest’anno la festa della Befana prevede essenzialmente solo le postazioni degli spettacoli viaggianti.

Qualche immagine, partendo da quella della piazza in gran parte libera da baracche e allestimenti vari. E questo è senz’altro un bel risultato.

navona5

Nel lato dove si sono installlati gli spettacoli viaggianti invece gli allestimenti lasciano ancora a desiderare, risultando alquanto dozzinali e sciatti.

navona3

Questo è quanto esposto di fronte alla chiesa di S. Agnese in Agone, del Borromini

 

navona2

E questa è la sciatta immagine dall’altra parte

 

navona1

Anche l’immagine generale di questo lato della piazza è tutt’altro che accattivante, restituendo una sensazione di triste miseria

Inoltre per cercare di compensare l’assenza della gran parte dei banchi, dal 30 dicembre sono state aggiunte ulteriori postazioni gestite dalle ONG più famose, quali Amnesty International, AMREF, Greenpeace, ecc. Ma per quanto gli scopi potessero essere nobili (la Presidente Alfonsi ha detto: “In un momento in cui si parla di guerra ci sembrava giusto dare spazio alle Ong. È un modo per trasmettere un segnale forte”), l’aspetto delle ulteriori postazioni era quanto di più sbagliato per piazza Navona. Qualche foto.

navona1

 navona2

 

Infine non abbiamo non potuto notare sulla piazza una miriade di pseudo-artisti di strada che si esibivano nei modi più disparati. Quello che segue è uno “spray painter” che però utilizza colori acrilici velenosi, puzzolenti e vietati.

navona4

Molte delle esibizioni erano accompagnate da musiche riprodotte a volume sostenuto, in una piazza in cui invece gli amplificatori sono vietati.

Abbiamo provato a far notare ai vigili in servizio sulla piazza il problema delle vernici acriliche ma l’agente si è prodotto nella performance standard del vigile medio romano: mettersi immediatamente dalla parte di quello che dovrebbe essere sanzionato, individuando un cavillo qualsiasi che possa permettergli di non agire. In questo caso l’agente ci ha chiesto se avevamo fatto l’analisi chimica delle vernici!?!

 

Tornando alla festa della Befana, noi continuiamo a pensare che il micragnoso allestimento di quest’anno è tollerabile con l’ottica di predisporre un nuovo bando a partire dal 2017, così come previsto da quello dello scorso anno.

L’iniziativa del Municipio di predisporre quest’anno un nuovo bando in fretta e furia è stato un vero e proprio colpo di mano, la cui unica motivazione non poteva che essere rimettere in gioco gli ambulanti tradizionali. Si sono spese energie e risorse in qualcosa che fin dall’inizio appariva sbagliata ed in ritardo, anziché utilizzarle per preparare un prestigioso allestimento della festa a partire dall’edizione del 2017. E se proprio non si volevano lasciare solo i banchi per gli spettacoli quest’anno, si sarebbe potuto pensare per tempo a coinvolgere le ONG concordando allestimenti consoni allo scenario di piazza Navona.

Considerata la figuraccia fatta dal Municipio col bando di quest’anno l’aspettativa è che a cimentarsi con una materia tanto delicata sia la nuova amministrazione, quella che dovremmo tutti eleggere nella primavera prossima.

Articoli correlati

1 Commento

  1. MR Fixit

    La storia del vigile e delle analisi chimiche andava ripresa…
    Su piazza navona parlo da esterno ma credo che finchè i vertici del municipio saranno guidati da tanta ideologìa non ci sarà scampo. Se leggete il facebook della Alfonsi vedrete come se la suona e se la canta !
    Non mi meraviglia assolutamente che accetti commenti solo dai suoi contatti !

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

I limiti di polveri sottili superati anche dopo 4 giorni di #bloccodeltraffico. Forse perché l'#inquinamento è prodotto anche da altre fonti, come roghi e stufe a pellet. Occorre visione complessiva. @virginiaraggi @materia__prima. diarioromano.it/?p=37705

Comunicazione di servizio per @AceaGruppo: illuminazione accesa in p.za della Rotonda, inclusi fari che illuminano il Pantheon. Parlato con tecnici ARETI in loco che confermano non sia normale. Ma tanto non pagate voi, vero?

test Twitter Media - Comunicazione di servizio per @AceaGruppo: illuminazione accesa in https://t.co/Y52rAjxSAR della Rotonda, inclusi fari che illuminano il Pantheon. Parlato con tecnici ARETI in loco che confermano non sia normale. Ma tanto non pagate voi, vero? https://t.co/YxIXK5Vp6W

Finalmente si riesce a fotografare il Pantheon senza intrusi, che siano bancarelle o auto della @PLRomaCapitale. Ben lieti di riconoscere il ben fatto, per una volta, a @virginiaraggi. Persi oltre 3 anni ma finalmente è fatta (e che duri!)

test Twitter Media - Finalmente si riesce a fotografare il Pantheon senza intrusi, che siano bancarelle o auto della @PLRomaCapitale.
Ben lieti di riconoscere il ben fatto, per una volta, a @virginiaraggi. Persi oltre 3 anni ma finalmente è fatta (e che duri!) https://t.co/oFX7eSSpoj
Video diario