La lotta miope all’inquinamento atmosferico

Nessun commento

Riceviamo e pubblichiamo un interessante contributo che mostra come le misure che l’amministrazione sta prendendo per contrastare l’inquinamento atmosferico oltre che “stupide” (colpiscono indiscriminatamente una categoria di veicoli senza considerare i reali livelli d’inquinamento) non prendono in considerazione altre componenti che probabilmente incidono molto di più del traffico veicolare.

 

 

 

Selva Nera, Roma, ore 17.00 del 16 Gennaio 2020.

Come tutti i pomeriggi a quest’ora il cielo diventa grigio, come la fumosa Londra degli anni 50.

Lo smog (smoke+ fog) ristagna nella vallata sottostante, creando un’aria malsana e ricca di polveri sottili. Il lercio ed acre odore del fumo si spande nell’aria, senza possibilità di disperdersi.

Questo non è dovuto ai gas di scarico delle nostre moderne auto (sebbene in zona siano presenti ancora tantissime auto di 20/30 anni fa). E’ il risultato della presenza di camini e stufe a pellet, dove non si brucia solo legna o pellet di indubbia provenienza (del resto più è economico e meglio è), ma qualsiasi cosa possa aiutare a creare calore, come nelle più povere zone del mondo, non nella capitale di uno dei paesi più ricchi. Carta plastificata, oggetti in plastica, legno verniciato, tutto finisce comodamente bruciato a casa (vista anche la situazione dei rifiuti, meglio bruciati a casa che non a marcire per strada), contribuendo in maniera pesantissima all’inquinamento.

Controllare il fenomeno è praticamente impossibile. Tuttavia la questione è totalmente assente dal dibattito pubblico (non solo in città ma anche a livello nazionale).

L’estrazione culturale della borgata lascia totale libertà ad arcaiche tradizioni contadine, così come la presenza di stranieri che subito si adeguano a questo tipo di mentalità.

Può l’amministrazione prendere seriamente in considerazione questa problematica?

Qualsiasi iniziativa di contrasto all’inquinamento nel periodo invernale non sarà mai efficace se non si contrasta seriamente questo fenomeno.

V.R.

 

Nel ringraziare il lettore per l’interessante contributo, cogliamo l’occasione per segnalare anche la puntata di mercoledì scorso di Italia Sera, il programma condotto da Andrea Bozzi, con ospite il prof. Aldo Ferrara che ha illustrato una serie di fatti sull’inquinamento dei motori diesel. Nella trasmissione si ricordano anche altre fonti di inquinamento atmosferico che l’amministrazione continua a dimenticare, come i roghi tossici che continuano ad essere appiccati in tante zone di Roma, oppure lo sporco accumulato sulle strade romane, dove la pulizia manca da anni, e che viene sollevato dai veicoli in movimento.

Insomma, anche nella lotta all’inquinamento atmosferico l’amministrazione appare brancolare nel buio e manca del pur minimo controllo sul territorio.

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

romamobilita.it/it/media/event… Nuovi stalli, nuovi partner, stessa passione! Torna #RomaGiocaSostenibile per il @SeiNazioniRugby Scarica la mappa e raggiungi lo stadio a piedi, mezzi pubblici e bicicletta 🚲 @Handshake_EU @JUMPbyUber @Olandiamo @Federugby #ITAvSCO 🇮🇹 🏴󠁧󠁢󠁳󠁣󠁴󠁿 Retweeted by diarioromano

Elezioni suppletive nel collegio uninominale Lazio 1. Prosegue la nostra presentazione dei candidati. Oggi è la volta di @marioadinolfi del Popolo della Famiglia. diarioromano.it/?p=38110

Via della Bufalotta altezza civico 556. Sta buttato così, in terra, da oltre un anno. Un vero spauracchio per gli automobilisti indisciplinati! . #buonaserata #Roma #photo #lettori #città #segnalazioni #decoro #decorourbano

test Twitter Media - Via della Bufalotta altezza civico 556. Sta buttato così, in terra, da oltre un anno. Un vero spauracchio per gli automobilisti indisciplinati!
.
#buonaserata #Roma #photo #lettori #città #segnalazioni #decoro #decorourbano https://t.co/z4Zm68H7Yn

Sicurezza stradale. La vicesindaca di Helsinki: "Ho imparato da Roma come NON si fanno le strade". Nella capitale finlandese zero morti tra pedoni e ciclisti nel 2019. Carreggiate più strette in tutta Europa. @LindaMeleo @EnricoStefano @materia__prima diarioromano.it/?p=38105

Video diario
Error type: "Forbidden". Error message: "Access Not Configured. YouTube Data API has not been used in project 537752813138 before or it is disabled. Enable it by visiting https://console.developers.google.com/apis/api/youtube.googleapis.com/overview?project=537752813138 then retry. If you enabled this API recently, wait a few minutes for the action to propagate to our systems and retry." Domain: "usageLimits". Reason: "accessNotConfigured".

Did you added your own Google API key? Look at the help.

Check in YouTube if the id PLEjDk_cXPpAVKCrkyvdcyZMDVFWG7MzUp belongs to a playlist. Check the FAQ of the plugin or send error messages to support.
  • Artisti di strada: una storia infinita

    Continua il far west nell'arte di strada a Roma. Concerti esagerati un po' ovunque, col Pantheon martoriato tutti i giorni tutto il giorno

  • Puzzo di vernice a via del Corso

    Nonostante gli spary acrilici siano vietati e nocivi, nessuna forza dell'ordine reprime i numerosi artisti di strada che li usano

  • Manifesti sulla scuola

    I muri della magistrale Carducci in via Asmara coperti di scritte e manifesti di estrema destra. Vergogna. Fl.