La discarica illegale sulla Salaria è stata ripulita ma la bonifica non durerà molto

A gennaio scorso sul sito Bastacartelloni avevamo denunciato una nuova discarica abusiva che stava sorgendo sulla via Salaria, all’altezza della concessionaria Fiat, e poco prima della svolta per Prati Fiscali. La situazione era molto grave e durante la nostra permanenza sul posto avevamo visto diversi personaggi venire a scaricare materiali di ogni genere nel parco e ai bordi del fiume Aniene.

Dopo la nostra denuncia, l’Ama è intervenuta e ha bonificato l’area, portando via copertoni, materiali ferrosi, contenitori di gas nocivi. Ma purtroppo la zona è stata di nuovo presa di mira e già stanno comparendo nuovi rifiuti. Nel servizio fotografico vi mostriamo  lo stato dei luoghi prima della bonifica e adesso. Cominciamo dalla situazione di gennaio scorso.

Discarica metallo Aniene 7
Materiali recuperati dai cassonetti o dai finti svuotacantine pubblicizzati con adesivi illegali

 

Discarica metallo Aniene 9
Un altro angolo della zona verde come si presentava prima
Discarica metallo Aniene 6
I copertoni che vengono bruciati di notte provocando roghi tossici

 

Quella che vedete qui sopra era parte della situazione fino a poche settimane fa (le altre foto le trovate cliccando qui).

Ed ecco per fortuna l’area ripulita grazie alla nostra denuncia.

Discarica illegale Salaria

Discarica illegale Salaria 4

Discarica illegale Salaria 5
Questo tratto è stato pure segnalato con i nastri

 

Ma purtroppo le parti più nascoste della zona stanno già riempendosi di nuovo di rifiuti di ogni genere. Sono passati pochi giorni dalla pulizia e guardate alcuni angoli come sono ridotti

 

Discarica illegale Salaria 6

Discarica illegale Salaria 3

 

Il luogo resta ritrovo di sbandati e centro di smistamento del campo nomadi della via Olimpica. Tanto è vero che mentre ci trovavamo sul posto a scattare le fotografie, abbiamo notato diversi arrivi di rifiuti come potete vedere nella foto qui sotto.

Rom rifiuti Salaria

 

Insomma si tratta di un esempio classico: bene fare la pulizia della zona, ma non basta. Occorre anche vigilare, inviando pattuglie dei vigili e appostandosi per cogliere in flagrante chi viene a scaricare.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Viale Romania riaperto al traffico. Dopo 5 mesi di lavori, la strada è tornata percorribile in entrambi i sensi. Nuovo spartitraffico e marciapiedi allargati anti sosta selvaggia #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Viale Romania riaperto al traffico. 

Dopo 5 mesi di lavori, la strada è tornata percorribile in entrambi i sensi. Nuovo spartitraffico e marciapiedi allargati anti sosta selvaggia
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/3IZwARku9R

Il contrasto alle tag a Roma ancora deve essere sdoganato. Eppure siamo sicuri che gli agenti del NAD della @PLRomaCapitale saprebbero come fare, se solo gli fosse assegnato il compito. (sulla sosta selvaggia abbiamo perso le speranze, per ora) twitter.com/bikediablo/sta…

Roma e la sua #acqua. L’elemento unico delle fonti naturali che sgorgano in città La storia dell'Acqua Sacra che ancora sgorga a Montesacro. Forse l'unica #capitale a disporre di 23 sorgenti dentro le mura... 👇📰 diarioromano.it/roma-e-la-sua-…

Guadagni privati, degrado pubblico. Locali che durante il giorno invadono le strade con i loro arredi, poi chiudono lasciando tutto in strada, con un contorno di spazzatura #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Guadagni privati, degrado pubblico.

Locali che durante il giorno invadono le strade con i loro arredi, poi chiudono lasciando tutto in strada, con un contorno di spazzatura
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/CmG68gko81
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close