La baraccopoli è abusiva: tutto normale

Nessun commento

Ad agosto 2016 pubblicammo la denuncia, inviataci da un’amica del blog, di una baraccopoli al centro di Roma. Si trattava della zona tra lo scalo S. Lorenzo e via dei Lucani dove si segnalavano edifici fatiscenti e pericolanti, abusivismo edilizio e discariche a cielo aperto. Accompagnammo la denuncia con delle segnalazioni al Municipio II ed alla Questura ma non accadde nulla.

A gennaio di quest’anno tornammo sull’argomento e dovendo constatare una situazione ancora immutata scrivemmo direttamente alla presidente del Municipio II, Francesca Del Bello, che ci risposte prontamente dicendo che avrebbe interessato l’assessore ai lavori pubblici. Poi più nulla.

Ci tornammo ancora a marzo e quindi ad aprile, quando ci fu segnalato il crollo di uno dei muretti che delimitano l’area, spinto dagli alberi lasciati liberi di crescere. In quest’ultima occasione provvedemmo ad inviare una segnalazione via PEC alla Polizia Locale.

A giugno infine ne parlammo l’ultima volta segnalando un nuovo crollo: questa volta il fronte di tre metri di un muro era venuto giù, finendo sul marciapiede, ma la cosa aveva comportato solo la recinzione del crollo con la solita rete rossa alla romana.

 

Qualche settimana fa, su suggerimento dell’utenza twitter del SULPL, un sindacato autonomo di Polizia Locale di Roma, abbiamo inviato alla Polizia Locale una richiesta di comunicare l’esito del controllo richiesto ad aprile e l’altro giorno ci è giunta la risposta. Eccola:

 

notaVigili

 

Il punto “…ove si evinceva che le opere erano riconducibili alle previsioni dell’art.21 L.R. n° 15/2008” ci sembra particolarmente rilevante. E cosa dice l’art. 21 di quella legge regionale? Eccolo:

 

art21

 

Se capiamo bene quindi, quell’area è suolo pubblico su cui qualcuno ha costruito senza permesso e la cosa è stata accertata dalla Polizia Locale fin dal 2015!?!

Stando alla lettera della legge le opere abusive dovevano essere demolite dal responsabile entro massimo 90 giorni, altrimenti avrebbe dovuto pensarci il Comune.

Ad ottobre 2017 la Polizia Locale, a seguito di segnalazione, deve constatare che tutto è immutato.

 

Questa storia avrebbe dell’incredibile, se non fosse che siamo a Roma e, come tutti sappiamo, di storie come queste ce n’è una lista smisurata che comprende luoghi remoti nelle periferie così come posti assolutamente centrali.

Sembra che certi soggetti abbiano quasi un diritto divino a commettere abusi e reati alla luce del sole, con le istituzioni che appaiono inerti non si capisce se per mancanza di mezzi o se per velate connivenze.

 

Torniamo a scrivere alla presidente Del Bello per informarla che nel luogo segnalato sembra essere tutto abusivo ma, cosa ancor più grave, tutto molto pericoloso ed a rischio di far male a qualcuno che passi da quelle parti.

Noi capiamo pure che quella deve essere una storia che si trascina da decenni e che per l’attuale amministrazione municipale sia una patata bollente, ma con le carte così come sono state scoperte e soprattutto con i crolli che si stanno succedendo con frequenza preoccupante, non è più tollerabile lasciare le cose come stanno.

A nostro modesto avviso se si conferma che tutta l’area è del demanio, andrebbe fatto uno sgombero in tempi rapidissimi, col pretesto, tutt’altro che infondato, che quelle strutture stanno via via crollando, e con un paio di giorni di ruspa raso tutto al suolo. Una volta rimossi tutti i detriti quell’area si potrebbe trasformare in un bel giardinetto, di cui l’intero settore avrebbe bisogno come il pane.

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Facciamo che siamo in tre a provare schifo assoluto. Compiacersi dei licenziamenti ed esporli al pubblico ludibrio dimostra totale ignoranza di come si guida un’azienda e una città. Non è così che #ATAC rinasce ed anzi è questo il modo di continuare a far morire Roma. twitter.com/iltrenoromalid…

L’incapacità fatta azienda di trasporto pubblico. Neanche a gestire delle navette sostitutive sono in grado. twitter.com/mercuriopsi/st…

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.