Il vero motivo degli allagamenti di domenica: bando pulizia caditoie in ritardo

Via Tiburtina sott’acqua (foto RomaToday)

 

Giornali, social e televisione mostrano immagini incredibili degli allagamenti di domenica sera a Roma ma in pochi spiegano il vero motivo per il quale la pioggia ha provocato un tale disastro. La mancata pulizia delle caditoie che sono quasi tutte otturate? Esatto la risposta era facile. Ma il problema vero sta ancora una volta – l’ennesima – nell’incapacità della giunta Raggi di bandire delle gare in tempo utile.

I due bandi per la pulizia straordinaria di chiusini e scarichi delle acque piovane sono stati chiusi questa estate e la data ultima per presentare le offerte era il 31 agosto. Se si considerano i tempi tecnici per assegnare gli appalti (mai meno di 4 mesi) era ovvio che il primo chiusino sarebbe stato pulito a dicembre, in forte ritardo rispetto alla pioggia d’autunno che è da sempre la più violenta.

Insomma anche in questo caso la responsabilità è tutta di un’amministrazione che non riesce a fare le cose per tempo e quindi le fa male. Per la spiaggia Tiberis ci hanno pensato a giugno per una topaia che è finita sotto la lente della Corte dei Conti. Per Spelacchio ci hanno pensato a novembre e il risultato è noto a tutti. Per cui non stupisce che alla pulizia autunnale delle caditoie ci abbiano pensato a fine estate.

I bandi sono due e pure abbastanza sostanziosi: 1) pulizia delle caditoie delle strade a grande viabilità (800 km per un importo di 2 milioni e 400 mila euro);
2) pulizia delle strade di viabilità ordinaria (8 mila km per 1 milione e 400 mila euro assegnati ai singoli Municipi).
Nessuno dei due bandi è stato ovviamente assegnato. A luglio in Campidoglio qualcuno ha capito che così si stava andando verso irrimediabili allagamenti autunnali e ha proposto un piccolo appalto per soli 98 mila euro da assegnare con urgenza senza gara (per gli importi sotto i 100 mila euro si può evitare la procedura pubblica). RomaToday ha scoperto che perfino questo lotto per gli interventi più urgenti non è stato assegnato. Si è perso nei meandri della burocrazia e della strafottenza dell’amministrazione.

Risultato? Nessuno ha pulito neanche un chiusino, una bocca di lupo, un tombino. E la città è finita sott’acqua. Nessuna sorpresa dunque ma solo tanta amarezza da parte di chi ironizzava sulle precedenti giunte annunciando rivoluzioni e cambiamenti.

Una stazione della Metro A domenica sera

Le scale della Metro C, fermata Gardenie

La narrazione della Raggi che alla Festa 5STelle ha parlato di una Roma in ottimo stato dove sono stati acquistati  600 autobus (!) e quelli che prendono fuoco sono stati lasciati dalle precedenti giunte è vergognosa se non offensiva nei confronti di chi l’ascolta. Tutti sanno che nessun autobus è stato acquistato da questa giunta e che l’unica gara bandita da Atac è andata deserta. Evidentemente la forza della propaganda tende a sovrastare quella dell’intelligenza. Prendere per cretini i romani non porta bene e prima poi i cittadini presenteranno il conto a questa giunta.

La città ha sempre avuto problemi di allagamenti nei periodi invernali ma mai si era arrivati al punto da non prevedere neanche un appalto per la pulizia dei chiusini. E’ chiaro che la macchina dei 5stelle capitolini si è inceppata sull’ordinario, sull’amministrazione delle cose semplici. Per cui aspettiamoci altri allagamenti e altri gravissimi disagi nelle prossime settimane. Perché fino a gennaio gli scarichi delle acque resteranno tutti come quello che vedete qui sotto!

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

  1. Non vorrei, con riguardo a Roma, che arrivasse il giorno in cui si dirà:
    “Ciò che non fecero i barbari, fecero Barberini”…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

A Piazza della Cancelleria una locale attività commerciale ha installato qualche arredo leggero per migliorare la fermata del bus (e forse per proteggersi dalla sosta selvaggia). . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - A Piazza della Cancelleria una locale attività commerciale ha installato qualche arredo leggero per migliorare la fermata del bus (e forse per proteggersi dalla sosta selvaggia).
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/slXBuDS7dz

È nata la web app "Roma al Tuo Fianco", per segnalare all'amministrazione "#sovraffollamento, lampioni rotti, abbandono illecito di #Rifiuti...", ma la prima segnalazione è che il sito indicato dal #Comune non funziona❗Stiamo provando ad accedere da giorni. 🤷🏻‍♂️✌️

test Twitter Media - È nata la web app "Roma al Tuo Fianco", per segnalare all'amministrazione "#sovraffollamento, lampioni rotti, abbandono illecito di #Rifiuti...", ma la prima segnalazione è che il sito indicato dal #Comune non funziona❗Stiamo provando ad accedere da giorni. 🤷🏻‍♂️✌️ https://t.co/yS9qwk4aO3

Approvata le “disciplina transitoria”. @AndreaCoiaM5S fa approvare la nuova disciplina OSP con illegittimità che la rendono facilmente annullabile. Una vittoria di Pirro evidenziata dalle dimissioni presentate, e ritirate, dall'assessore Cafarotti.🤦🏻‍♂️ 👇📰 diarioromano.it/approvata-le-d…

Secondo questo gentile esercente, come dovrebbe fare un pedone che volesse transitare sul marciapiede mantenendo la necessaria, per legge, distanza di sicurezza? . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - Secondo questo gentile esercente, come dovrebbe fare un pedone che volesse transitare sul marciapiede mantenendo la necessaria, per legge, distanza di sicurezza?
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/T4NVImueIc

#Roma, Metro A #Cornelia, in filodiffusione qualche opera di #EnnioMorricone. Bravi 👏👏👏😢

test Twitter Media - #Roma, Metro A #Cornelia, in filodiffusione qualche opera di #EnnioMorricone. Bravi 👏👏👏😢 https://t.co/XGgDTMeGXm
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close