Il problema dei programmi elettorali (da Carteinregola)

Incontro con 4 assessori, uno dei quali in carica, confrontando le loro esperienze sulla distanza tra il programma elettorale e quello che effettivamente si riesce a realizzare

In vista delle elezioni comunali previste nel 2021 Carteinregola sta organizzando una serie di incontri per offrire ai cittadini un punto di vista diverso sui partiti e sull’offerta elettorale.

L’ultimo incontro è avvenuto lo scorso 14 dicembre e ha avuto come titolo: “Tra il dire e il fare (programmi e nomi non bastano)“.

Con l’aiuto di quattro assessori capitolini, uno attualmente in carica e tre di amministrazioni precedenti, si è cercato di capire perché troppo spesso, se non sempre, i programmi sbandierati alle elezioni rimangono in gran parte sulla carta.

 

È un tema su cui ogni candidato sindaco a Roma dovrebbe essere preparato, per evitare di presentarsi come il salvatore della patria salvo poi passare gli anni di mandato a constatare le innumerevoli difficoltà poste dalle procedure amministrative e dalla burocrazia.

Questa la descrizione completa dell’incontro.

 

Ad ogni campagna elettorale il dibattito si concentra sui programmi e sui nomi dei candidati. Ai programmi si rivolgono gli elettori che hanno dimenticato i buoni propositi delle tornate elettorali precedenti, ai nomi dei candidati quelli che invece se li ricordano e magari si sentono traditi da chi non li ha realizzati.

Ma è un’illusione pensare che un Sindaco o una Sindaca e la sua Giunta possano facilmente risolvere problemi annosi e plasmare la città secondo le promesse elettorali, soprattutto in tempi ragionevoli. Anche il Sindaco più competente e armato delle migliori intenzioni – e la sua squadra – deve fare i conti con i limiti posti ai suoi poteri, con le leggi vigenti, con decisioni amministrative precedenti, e naturalmente con le risorse finanziarie.

Ma a noi interessa soprattutto comprendere come si sviluppa l’azione amministrativa.

Come si passa dal Programma di Mandato che costituisce la prima Delibera dell’Assemblea rinnovata ai progetti ed ai provvedimenti più operativi. Quali sono i maggiori ostacoli che incontrano Sindaco e Assessori. Le risorse con cui devono misurarsi non sono solo quelle economiche ma anche quelle dell’apparato amministrativo comunale, per non parlare delle tante anime della propria maggioranza. Aspetti che possono fare la differenza nel governo della città, e che devono essere approfonditi tanto quanto, forse di più, degli obiettivi individuati dai programmi elettorali, che possono naufragare prematuramente per l’inerzia degli uffici o per i veti imposti dai conflitti interni.

Ne parliamo con 4 assessori di ambiti diversi, che ci raccontano le proprie esperienze in Campidoglio con Sindaci diversi, che spesso si sono trovati ad affrontare gli stessi problemi, problemi che con buona probabilità si troverà di fronte anche il prossimo Sindaco o la prossima Sindaca e con Pino Lo Mastro, storico capogabinetto del Sindaco Petroselli, che oggi si confronta con l’Amminstrazione con CILD Centro Italiano per la Legalità Democratica, come il collega Claudio Giangiacomo.

 

Questo evento fa parte del ciclo “Backstage Roma – Le elezioni che vogliamo” e tra gli ultimi segnaliamo i seguenti:

– 30 novembre 2020 LE ELEZIONI CHE VOGLIAMO – Incontro con il Partito Democratico

25 novembre 2020 LE ELEZIONI CHE VOGLIAMO – Incontro con il Movimento 5 Stelle

– 27 ottobre – 10 novembre 2020 LE ELEZIONI CHE VOGLIAMO – La parola ai 4 candidati alle primarie del centrosinistra

– 12 ottobre 2020 LE ELEZIONI CHE VOGLIAMO – Per un centrosinistra e sinistra dentro  la città per costruire un fronte largo delle idee e delle persone

– 5 ottobre 2020 LE ELEZIONI CHE VOGLIAMO – il M5S che chiede il confronto per dialogare con le forze civiche, sociali e politiche

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

La rete pollaio sta dappertutto e qui in via Castelfidardo non c’è! Col rischio che qualcuno inciampi e si faccia male sul serio. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - La rete pollaio sta dappertutto e qui in via Castelfidardo non c’è! Col rischio che qualcuno inciampi e si faccia male sul serio.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/GfolNBD7Sr

Le linee #Atac più affollate nella prima settimana di #scuola Un nuovo codice indica il grado di affluenza su ogni mezzo. La 451, la 20 e la 409 a maggior rischio. Il 76% degli #studenti non nota miglioramenti nel Tpl ▪️ #25gennaio #Roma 👇📰 diarioromano.it/le-linee-atac-… Retweeted by diarioromano

Le linee #Atac più affollate nella prima settimana di #scuola Un nuovo codice indica il grado di affluenza su ogni mezzo. La 451, la 20 e la 409 a maggior rischio. Il 76% degli #studenti non nota miglioramenti nel Tpl ▪️ #25gennaio #Roma 👇📰 diarioromano.it/le-linee-atac-…

L'interessante, e desolante, resoconto settimanale di @MercurioPsi nella settimana di riapertura delle scuole superiori. Chi risponderà alla domanda sul perché #ATAC NON ha riprogrammato il servizio facendo uscire più mezzi nel pomeriggio? @virginiaraggi twitter.com/threadreaderap…

Era stato ripulito alcuni mesi fa ma il passaggio sotto Ponte Nomentano, altezza via Tripoli, è di nuovo in queste condizioni. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Era stato ripulito alcuni mesi fa ma il passaggio sotto Ponte Nomentano, altezza via Tripoli, è di nuovo in queste condizioni.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Cz4robTMtR
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close