Il portale di Roma Capitale forse non è più in beta

Nessun commento

A febbraio avevamo “festeggiato” un anno del portale di Roma Capitale in versione beta, cercando di spiegare come la cosa fosse l’ennesima dimostrazione del dilettantismo dell’attuale amministrazione.

 

Da qualche giorno ci siamo accorti che la scritta “BETA” sulle pagine del portale è sparita, facendo pensare che finalmente, dopo oltre un anno di “test in produzione”, la versione definitiva del codice sia stata messa in linea.

 

 

Usiamo una formula ipotetica perché se le pagine principali del portale non sembrano più in beta, ve ne continuano ad essere diverse qua e là che invece la scritta “BETA” in alto a sinistra continuano ad averla. Ecco un esempio:

 

 

Escludendo che ci possano essere volutamente parti del portale ancora in beta e parti in versione definitiva (crediamo sarebbe davvero troppo in termini di improvvisazione anche per i dilettanti che gestiscono il sito web del Comune di Roma), assumiamo che sia sfuggita da più di una parte la rimozione della scritta.

Niente di tragico, per carità, solo la conferma dell’incapacità di come la tecnologia venga trattata in Campidoglio.

In una tale babele informatica non stupisce neanche la presenza qui e lì di pagine web che sono rimaste col vecchio formato:

 

 

 

Conferma finale dell’informatica alle vongole che “quelli della rete” sono riusciti ad introdurre a Roma. Non che prima si fosse all’avanguardia, ma almeno una parvenza di omogeneità veniva garantita. Oggi invece si naviga tra le pagine con la netta sensazione che le informazioni mostrate sono più o meno affidabili.

 

Ovviamente in tutto ciò dall’assessore (ir)responsabile, Flavia Marzano, non si è avuta alcuna comunicazione, né della presunta fine della fase “BETA”, né dei piani per il definitivo superamento del vecchio formato delle pagine.

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

E' durata poco l'illusione che @AndreaCoiaM5S, @virginiaraggi e #Cafarotti spostassero le bancarelle. Il @M5SRoma ha fatto macchina indietro sulla legalità e sul decoro, con l'avallo di @luigidimaio. Tutto cambia perché niente cambi. diarioromano.it/?p=33477

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.