Il mistero dei filobus abbandonati a Tor Pagnotta

Il contratto di manutenzione è scaduto a maggio e mai rinnovato. 45 mezzi marciscono in deposito. E pare che Atac avesse previsto il flop un anno prima

Ordinati nel 2009 dal Comune, consegnati nel 2015, immatricolati nel primo semestre 2016 e rimasti chiusi nel deposito di Tor Pagnotta fino a fine marzo 2017, quando i primi 15 dei 45 filobus modello Breda Menarini iniziarono timidamente a fare servizio, tra polemiche e continui guasti (un giorno ben 13 KO su 15 usciti su strada).

I 45 filobus Breda furono inizialmente impiegati sulle linee 90 e 60, andandosi ad aggiungere ai 30 filobus modello Trollino che già circolavano dal 2005 su quelle stesse linee. Erano però destinati al “Corridoio della Mobilità” sulla Laurentina, che fu pronto solo 2 anni dopo, l’8 luglio 2019. Dopo l’avvio della nuova linea 74 il servizio filobus ebbe un incremento mensile medio del 35% rispetto al 2018. Nel 2020 arriva purtroppo la pandemia, ma soprattutto nel mese di maggio scade il contratto di manutenzione per i Breda. Un po’ alla volta tutti i 45 filobus Breda abbassano le aste e tornano a marcire in deposito (a luglio e agosto spariranno anche i Trollino).

 

Si scopre che il contratto di manutenzione per i Breda era esternalizzato (i manutentori ATAC non possono metterci mano), e stipulato tramite Roma Metropolitane, in liquidazione. Si parlava di pieno ripristino entro Novembre grazie ad un contratto “ponte”, ma ad oggi non è ancora riapparso 1 solo filobus Breda (mentre da Settembre hanno ripreso lentamente a circolare i Trollino).

Ma c’è un fatto molto curioso. Da contratto il Comune deve decidere entro il 31 Ottobre (2019) la quantità di servizio da richiedere ad ATAC per l’anno successivo (2020).

 

 

Dai Report ufficiali pubblicati da ATAC sul suo sito, si evince che il Comune nel 2019 programmò UN CROLLO DEL SERVIZIO a partire proprio da maggio 2020, mese di scadenza del contratto di manutenzione per i 45 Breda. Questa previsione di crollo del servizio si protrae almeno fino a settembre 2020 (ultimi dati per ora disponibili). Cosa significa? Sapevano già nel 2019 che il contratto sarebbe scaduto e non ne sarebbe stato avviato uno nuovo nel 2020? Quando riprenderà dunque il servizio?

 

 

 

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

  1. Ma se non vi servono questi mezzi e se non per qualche motivo volete utilizzarli, allora perché non gli vendete o donate a una città (italiana o europea) che ha bisogno e che utilizzerà i filobus e si prenderà cura di loro??! Perché sto vergognoso spreco?? Privo di qualsiasi logica e buonsenso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

“Per la #Raggi e la sua Giunta non è una priorità sconfiggere le #mafie”. La rete di associazioni Libera emana un durissimo comunicato dopo la bocciatura della mozione per l'istituzione del Forum dei beni confiscati alla #criminalità (atteso da 3 anni) 👇 diarioromano.it/per-la-raggi-e…

La rampa che collega via Nomentana con piazza Vulture è coperta dalla vegetazione. Ogni giorno è percorsa da molte persone che si recano, tra l’altro, alla Chiesa Avventista. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - La rampa che collega via Nomentana con piazza Vulture è coperta dalla vegetazione. Ogni giorno è percorsa da molte persone che si recano, tra l’altro, alla Chiesa Avventista.
#Roma  #fotodelgiorno https://t.co/FJ1spqdxnp

“Le mille lingue di Roma”. Un saggio di Luca Serianni spiega perché il #romanesco non è un vero dialetto ma un modo di parlare. #Cinema, tv e inclusione degli #stranieri l'hanno reso un "contenitore" di idiomi #libri @CastelvecchiEd @ComeUnaCitta 👇📰 diarioromano.it/le-mille-lingu… Retweeted by diarioromano

Bello e assolutamente opportuno ricorso. Grazie @RiccardoPennisi! @threadreaderapp unroll, grazie. twitter.com/riccardopennis…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Foresta sulla rampa

  La rampa che collega via Nomentana con piazza Vulture è coperta dalla vegetazione. Ogni giorno è percorsa da molte persone che si recano, tra

Leggi l'articolo »

“Le mille lingue di Roma”

Un saggio di Luca Serianni spiega perché il romanesco non è un vero dialetto ma un modo di parlare. Cinema, tv e inclusione degli stranieri l’hanno reso un “contenitore” di idiomi

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close