Il lento spegnimento dei minibus

Nessun commento

Dalla pagina facebook della consigliera municipale Nathalie Naim riprendiamo un triste aggiornamento sulla vicenda dei minibus elettrici di ATAC, quelli utilizzati per servire alcune aree del centro storico.

MiniBus

Aggiornamenti sui piccoli bus elettrici del centro storico, nonostante gli appelli nulla è stato fatto e la fine di questo servizio di trasporto pubblico egregio si avvicina: a fronte delle sette vetture rimaste un mese fa, oggi sono diminuite a n.4, di cui per la linea 117 (monti celio tridente) n.2, più n.1 di ricambio e del 125 ( trastevere) n.1 Ricordo che la flotta iniziale era di 60 veicoli e di 5 linee.

 

L’ultima informazione che avevamo letto sull’argomento risaliva all’ottobre 2015, quando Sergio Rizzo in un suo articolo informava che delle 60 vetture iniziali ne erano rimaste solo otto in servizio, richiedendo tutte le rimanenti dei lavori per cui non c’erano fondi.

Ora siamo arrivati a 4 e c’è da aspettarsi che tra non molto il servizio verrà definitivamente chiuso.

Ma è mai possibile che in una capitale del mondo occidentale una componente del trasporto pubblico insostituibile come i minibus, almeno in centro storico, vada a morire per mancanza di manutenzione?

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Un articolo di @rep_roma ricorda quante bancarelle impallano i monumenti più belli di Roma. Una risposta da @virginiaraggi anche sul caldarrostaro di piazza di Spagna sarebbe utile. Ma forse oggi la Sindaca ha altro cui pensare #DeVito diarioromano.it/?p=31400

Previsione sul bilancio #Atac 2018. Dalla simulazione di @MercurioPsi emerge un pessimo risultato di produzione per bus e tram. Leggermente meglio le metro. diarioromano.it/?p=31334

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.