È da metà agosto che seguiamo la storia del marciapiede della UPIM in piazza S. Maria Maggiore. Ci siamo ritornati a fine settembre ed ora facciamo un’altra puntata, dovendo purtroppo riscontrare che la situazione non è cambiata di una virgola.

 

SMMa2

Tutto il marciapiede risulta nascosto da furgoni e auto in sosta. E se la nostra ricostruzione della segnaletica mancante è corretta (la PLRC non ci ha ancora fornito riscontri a distanza di mesi), su quel lato non sarebbe consentita neanche la fermata dei veicoli, figuriamoci la sosta.

Dando poi un’occhiata a dove dovrebbero passare i pedoni, così si presenta il marciapiede:

 

SMMa1

La gran parte del marciapiede è occupato dalle bancarelle con i pedoni che devono accontentarsi di uno stretto cunicolo. Immaginate un po’ cosa diverrà un tale spazio con i flussi di pellegrini attesi per il Giubileo.

Per avere un’idea di come invece dovrebbe correttamente presentarsi questo marciapiede, occorre andarci di notte in piazza s. Maria Maggiore. E la si troverebbe così:

SMMa3

Voi che dite? Meglio così o meglio col marciapiede invaso dalle bancarelle e la carreggiata ingombra di veicoli in sosta?

Il problema di queste illegalità, inclusa la probabile sparizione (SPARIZIONE!) del cartello di divieto di fermata, è stato segnalato più volte al Primo Gruppo della PLRC ed al Municipio ma a tutt’oggi non è successo nulla.

Avendo saputo dai vigili responsabili della segnaletica che apparentemente ci sono problemi di risorse per le installazioni, ci siamo offerti due volte di provvedere noi al ripristino materiale del cartello mancante. Ma anche così le settimane passano senza che succeda nulla.

Il risultato è che due bancarelle continuano ad essere lasciate libere di stravolgere un lato della piazza dove ha sede una delle quattro basiliche maggiori di Roma, una di quelle che verranno visitate da milioni di pellegrini durante il Giubileo.

Verrebbe da pensare che queste bancarelle foraggino pesantemente qualcuno perché ciò accada ma invece molto probabilmente si tratta solo dell’ennesima declinazione dell’inefficenza, indolenza e menefreghismo che caratterizza troppi uffici pubblici.

A questo punto siamo curiosi di vedere se questa sarà la situazione il giorno che verrà aperta la porta santa nella basilica di S. Maria Maggiore. Vedremo di esserci!

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Perché @PLRomaCapitale non dedica un paio dì pattuglie in bici al controllo delle ciclabili? Che fine hanno fatto i mezzi a due ruote periodicamente sfoggiati nelle parate? @gualtierieurope twitter.com/marcolatini19/…

L’inutilità dei vigili agli incroci: a viale Manzoni-via Emanuele Filiberto tengono fermi due bus al semaforo per 4/5 minuti, a via Merulana non gestiscono veicoli che bloccano i bus. C’è qualcuno che gli spiega come comportarsi o improvvisano?

Forse qualcuno dovrebbe spiegare all'architetto che il muro non serve a cingere il giardino bensì proprio a crearlo, ossia a contenere la terra dove mettere le piante. Quello che doveva essere un parcheggio interrato è venuto un po' fuori terra e da qui la necessità del muro. twitter.com/rep_roma/statu…

Piano per la #mobilità durante le festività natalizie: il migliore da molti anni, nonostante qualche ombra. Per la prima volta viene prevista l'attivazione fissa delle #ZTL e i collegamenti con alcuni parcheggi... 👇📰 diarioromano.it/piano-per-la-m…

#Domenica di giochi a villa Ada per i bambini. La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto

test Twitter Media - #Domenica di giochi a villa Ada per i bambini.
La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto https://t.co/H3ClE8Wsnz
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Colonna della Pace, in abbandono

Davanti la basilica di Santa Maria Maggiore c’è l’unica superstite delle otto colonne che ornavano la volta della Basilica di Massenzio, lasciata nel degrado con le erbacce ad infestarla.

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close