Il disastro della metro C: senza nuove misure verso percorrenze da treno regionale

Oltre al rischio di fermare la linea per la revisione dei treni, senza proroghe tipo quelle concesse dal MIT per le metro A e B, secondo Salviamo la Metro C mancano gli investimenti per l'acquisto di nuovi treni

Dopo la notizia della drastica riduzione del servizio delle metro A e B, con le corse fino alle 21 per più di un anno, si scopre che anche la metro C si avvia verso il collasso.

L’informazione proviene da un articolo di Repubblica che è stato ulteriormente elaborato da Salviamo la Metro C.

In sostanza, la metro C si avvia a perdere un treno ogni trenta giorni causa revisione, fino al completo stop del servizio. Questo se non si trova una soluzione tampone come fatto per le metro A e B, dove il Comune ha ottenuto una proroga per l’esercizio dei treni da parte del Ministero dei Trasporti.

Secondo Salviamo la Metro C una tale proroga sarà più difficile da ottenere perché nella metro C i treni sono automatici, ossia senza autista, e qindi le revisioni più delicate.

 

C’è però un’ulteriore preoccupazione segnalata da Salviamo la Metro C e riguarda l’assenza di risorse previste per dotare la metro C dei treni necessari a svolgere il servizio atteso. Così ne scrivono:

Peccato che in questo primo bilancio dell’era Gualtieri non sia stato stanziato un euro per l’acquisto di nuovi treni della Metro C. In particolare, per integrare i 36 milioni finanziati dal Decreto Ministeriale n. 86 del 2 marzo 2018, da soli non sufficienti per acquistare 6 treni, ai quali si sarebbero aggiunti i 2 treni già finanziati nel quadro economico della tratta T3. Un lotto di 8 treni complessivi che avrebbe portato il parco rotabile da 13 a 21 unità già entro l’inaugurazione della nuova tratta.

Invece, all’orizzonte c’è una figuraccia internazionale certa già da oggi. L’apertura di Fori Imperiali alla fine del 2024 avverrà con frequenze da treno regionale, o poco meglio. La Linea C sarà lunga 21 km (più della Metro A e più della Laurentina Jonio o della Laurentina Rebibbia) ma con un parco rotabile di 15 treni che tra riserve e manutenzioni non basterà per garantire frequenze che caratterizzano il tradizionale esercizio di una linea metropolitana.
Quel giorno Gualtieri e Patanè potranno prendersela non solo con la Raggi ma anche con loro stessi.
Un’analisi simile Salviamo la Metro C l’aveva fatta già a fine novembre 2021 ma pare che i mesi passino senza che la situazione venga affrontata nella sua gravità.
I problemi che l’attuale amministrazione si trova ad affrontare, soprattutto in materia di mobilità, sono davvero da togliere il sonno e sono frutto di cinque anni di governo di incapaci totali.
La qualità dei nuovi amministratori è senz’altro maggiore, e questo in parte conforta, ma abbiamo imparato tutti che dare deleghe in bianco non è mai una buona cosa, per cui sarebbe consigliabile che l’amministrazione si offrisse ad un confronto periodico e pubblico con chi certi temi li tratta con competenza da anni, avendo dimostrato di essere spinto solo da spirito di servizio.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Oggi e domani, in II Municipio, i giovani fanno arte e musica. In piazzale Ankara, prima edizione de “L’Isola che non c’era” frutto del bando comunale per promuovere cultura e aggregazione. Eventi sabato e domenica dalle 18 alle 24

test Twitter Media - Oggi e domani, in II Municipio, i giovani fanno arte e musica.

In piazzale Ankara, prima edizione de “L’Isola che non c’era” frutto del bando comunale per promuovere cultura e aggregazione. Eventi sabato e domenica dalle 18 alle 24 https://t.co/icVa36YmZd

Linee bus di #periferia: la gara vinta da Trotta e Troiani. Fuori Busitalia. Il gruppo che fa capo alle #Ferrovie era dato per favorito e invece non ce l'ha fatta. L'appalto da un miliardo assegnato con 4 anni di ritardo. Il servizio migliorerà? 👇📰 diarioromano.it/linee-bus-di-p…

Piazza dell’Inferno (altro che Paradiso). Piazza del Paradiso, nei pressi di S. Andrea della Valle, è l’ennesimo non-luogo del centro di Roma: sporcizia, immondizia, transenne abbandonate e sosta selvaggia di auto e moto #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Piazza dell’Inferno (altro che Paradiso).
Piazza del Paradiso, nei pressi di S. Andrea della Valle, è l’ennesimo non-luogo del centro di Roma: sporcizia, immondizia, transenne abbandonate e sosta selvaggia di auto e moto
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/9v9Ybl02SJ

Bus a fuoco: per paura delle #inchieste, #Atac prosegue a comprare nuove vetture. Saranno 1000 entro al fine del 2026. L'ultimo ordine da 25 milioni per 75 veicoli ibridi. Alcuni dirigenti già rinviati a giudizio per i troppi roghi del passato 👇📰 diarioromano.it/bus-a-fuoco-pe…

Talenti: il guasto alla conduttura provoca un lago. Nel parco di via Sannazzaro è spuntato un vero lago. La rete idrica era saltata martedì tra viale Jonio e via Matteo Bandello. Pesanti ripercussioni sul traffico #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Talenti: il guasto alla conduttura provoca un lago.
Nel parco di via Sannazzaro è spuntato un vero lago. La rete idrica era saltata martedì tra viale Jonio e via Matteo Bandello. Pesanti ripercussioni sul traffico
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/MTitrzV4Cx
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close