I vigili rispondono su S. Maria Maggiore

Dell’indegno suk di piazza S. Maria Maggiore ci siamo occupati a più riprese, l’ultima a metà dicembre, dove annunciavamo un esposto ai vigili del Primo Gruppo.

SMM7

In estrema sintesi, su un lato della piazza si installano tutti i giorni due bancarelle che non solo occupano la gran parte del marciapiede ma lasciano perennemente i furgoni parcheggiati lì di fianco così da utilizzarli come magazzini. Il problema di questa sosta selvaggia è che qualche furbetto ha fatto sparire fisicamente il cartello di divieto di fermata così che i vigili dicono di non poterci fare nulla.

Noi la sparizione di questo cartello l’abbiamo segnalata fin dall’agosto dello scorso anno sia ai vigili che al Municipio, ma evidentemente oltre 5 mesi non sono sufficienti all’amministrazione per ripristinare una segnaletica in un punto tanto centrale della città.

Qualche giorno fa è giunta la risposta dei vigili al nostro esposto. Di seguito qualche estratto:

“... si comunica che personale appartenente al Reparto Esquilino ha più volte sollecitato ai competenti uffici il ripristino della segnaletica di cui si lamenta l’assenza”.

Per ciò che attiene la situazione di criticità in ordine alle attività di commercio ambulante, si evidenzia che il medesimo Reparto periodicamente pone in essere dei sopralluoghi finalizzati alla prevenzione e repressione degli abusi o.s.p. da parte degli esercenti il commercio su area pubblica.

Nello specifico, giova evidenziare che nell’area di cui all’oggetto insistono sia postazioni fisse che le cc.dd. Rotazioni che, per definizione, non sono assegnate individualmente ma ad una pluralità di operatori che li utilizzano secondo una prestabilita periodica turnazione; dal che ne deriva che i sopralluoghi, ancorché frequenti, non permettono accertamenti nei confronti dei medesimi operatori.

In occasione delle verifiche effettuate, è comunque emerso che i titolari delle autorizzazioni amministrative si attengono a quanto prescritto nel titolo concessorio in loro possesso, mentre solo in sporadiche occasioni sono scaturite sanzioni per maggiorazione dell’o.s.p. assentita o per inottemperanza al divieto di appendere merci all’ombrellone …”.

 

Dal che capiamo che:

– il ripristino della segnaletica è di spettanza di altra amministrazione che è stata più volte sollecitata; a noi risulta che sia responsabilità del Municipio ed è per questo che lo sollecitammo ad agosto, senza ricevere risposta, e lo abbiamo rifatto nei giorni scorsi nella persona della Presidente Alfonsi (dal cui staff siamo stati informati che la nostra segnalazione è stata girata all’assessore responsabile per i rapporti con la Polizia Locale, Anna Vincenzoni, che purtroppo in tutto il suo mandato si è distinta per inconsistenza della sua azione sia per la delega alla mobilità che all’ambiente);

– le modalità con cui viene esercitato il commercio ambulante in quell’area non permettono un efficace controllo da parte della PLRC, la qual cosa consiglierebbe, ad esempio, di abrogare o spostare le cosiddette “rotazioni”;

– apparentemente gli esercenti in genere si attengono alle prescrizioni, risultando solo saltuariamente in difetto (vorrà dire che allora siamo noi ad essere sfortunati a trovare sempre roba appesa agli ombrelloni o sulla sede stradale).

 

Noi continuiamo a non capire come sia possibile che una situazione di illecito squadernata quotidianamente davanti una delle quattro basiliche maggiori di Roma non si riesca a riportare a normalità a distanza di molti mesi dalle prime segnalazioni.

Per noi ora la palla sta dalla parte del Municipio, anche se temiamo fortemente che sia finita di nuovo in un cul de sac.

Aspetteremo qualche altro giorno dopo di che passeremo a segnalare la cosa alla Procura. Perché se la sparizione di un cartello stradale permette a qualcuno di sostare indisturbato tutto il giorno in divieto e questo cartello in oltre cinque mesi non si riesce a ripristinare, da qualche parte qualcosa di storto ci dovrà pur essere.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

6 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Nella #Roma del #M5S la decorazione di stelle montata nel 1998 in piazza #Montecitorio ne ha perse numerose. Neanche i luoghi del potere si salvano dal #degrado. . #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Nella #Roma del #M5S la decorazione di stelle montata nel 1998 in piazza #Montecitorio ne ha perse numerose. Neanche i luoghi del potere si salvano dal #degrado.
.
#fotodelgiorno 📸 https://t.co/6k06vgeaGJ

E niente, il @pdnetwork sarà pure al fianco dei romani ma ottenere un’interlocuzione con il segretario cittadino è impossibile. Che ne dice ad esempio @andcasu della proposta di @giannicuperlo per Roma? Ignorata in Toto, vero? twitter.com/diarioromano/s…

Ricandidatura #Raggi: qualche sana riflessione nel #M5S (ma anche fuori). @EnricoStefano annuncia la sua contrarietà alla #ricandidatura Raggi, nel metodo e nel merito, suggerendo un approccio simile a quello proposto da Cuperlo e dalla Bianchi. ▪️ 👇📰 diarioromano.it/ricandidatura-… Retweeted by diarioromano

Ricandidatura #Raggi: qualche sana riflessione nel #M5S (ma anche fuori). @EnricoStefano annuncia la sua contrarietà alla #ricandidatura Raggi, nel metodo e nel merito, suggerendo un approccio simile a quello proposto da Cuperlo e dalla Bianchi. ▪️ 👇📰 diarioromano.it/ricandidatura-…

I romani ormai ci hanno fatto l’occhio, ma non è normale trovarsi a passeggiare su marciapiedi tanto indecorosi (qui via Pascarella, traversa di viale Trastevere). . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - I romani ormai ci hanno fatto l’occhio, ma non è normale trovarsi a passeggiare su marciapiedi tanto indecorosi (qui via Pascarella, traversa di viale Trastevere).
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/AJYEk8dpC5
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close