I temi di diarioromano nella campagna elettorale: mattanza pedonale e mobilità per tutti

Di sicurezza stradale e diritto a muoversi dei disabili non parla nessuno a pochi giorni dal voto. L'impegno di Roberto Tomassi a metterli in agenda in caso di sua elezione

Tra i temi che difficilmente vengono evocati nella campagna elettorale in corso vi sono quelli relativi alla sicurezza stradale (che a Roma si farebbe meglio a chiamare “insicurezza stradale”, visti i numeri record di incidenti, morti e feriti) e alle possibilità di spostamento per i disabili.

 

Riguardo il primo, l’attenzione di molti si concentra sulla pericolosità dei monopattini, che infatti andrebbero meglio regolamentati a partire dal prevedere postazioni fisse dove parcheggiarli, ma rimane drammaticamente ignorato il colossale problema della pericolosità delle strade a Roma per tutte le componenti di traffico.

A Roma abbiamo numeri record a livello nazionale e europeo per pedoni e ciclisti morti, ma anche motociclisti e automobilisti morti o feriti.

Riguardo in particolare la strage di pedoni in corso da anni a Roma noi coniammo l’espressione “mattanza pedonale” e nel tempo abbiamo provato a proporre soluzioni per fermare tale strage, così come segnalare le poche buone cose fatte e le tante mancanze dell’amministrazione uscente.

C’è la nostra proposta di far rispettare finalmente la precedenza dei pedoni sulle strisce pedonali, ci sono gli attraversamenti pedonali rialzati e le altre soluzioni adottate nel Municipio VII di Monica Lozzi, ma soprattutto c’è una Consulta per la sicurezza stradale alla quale la sindaca Raggi ha cambiato nome nel 2017 ma che ha sempre mortificato in ogni suo tentativo di incidere sulla disastrosa situazione delle strade romane.

 

Sul diritto a spostarsi liberamente dei disabili siamo messi addirittura peggio, con un’infinità di persone con difficoltà deambulatorie che a Roma sono spesso segregate nelle loro abitazioni, essendo impossibilitate a volte a transitare sullo stesso marciapiede in cui abitano.

Scivoli e attraversamenti occupati da veicoli, arredi di bar e ristoranti che sequestrano gli spazi pedonali costringendo a transitare sulla carreggiata, strade addirittura senza marciapiede, sono tutte situazioni drammaticamente comuni a Roma, tanto da risultare normali per la stragrande maggioranza dei romani.

Vi è poi il capitolo del trasporto pubblico che è una vergogna se possibile addirittura maggiore: ascensori e scale mobili inagibili da anni, tram non attrezzati, linee bus che dovrebbero essere garantite per i disabili e che invece vedono spesso mezzi privi di pedana. Anche in questo caso vi è un totale disinteresse per le esigenze dei disabili e nessuno che alzi la voce per un tale scandalo, neanche il delegato per la disabilità nominato dalla sindaca Raggi e della cui presenza non si è mai accorto nessuno.

 

Chi scrive ha avuto modo di sperimentare come una città moderna e civile rispetta il diritto a muoversi di tutti. Nel paio di anni trascorsi a Singapore ho potuto infatti vedere come la presenza di scivoli in tutti i marciapiedi (sempre sgombri!), di impianti di traslazione funzionanti in tutte le fermate della metropolitana e di bus sempre attrezzati consenta a tutti di muoversi con le stesse possibilità.

 

Ebbene, sia il tema della sicurezza stradale che quello dei diritti dei disabili sarebbero da me particolarmente curati in caso di elezione all’Assemblea Capitolina o al consiglio del Municipio I. Si tratta infatti di problemi gravi ma assolutamente risolvibili a patto che vi sia la giusta volontà politica di farlo.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

In via Boncompagni un edificio futuristico con giardini in verticale. Sono iniziate le #demolizioni dell'intero isolato tra via Romagna e via Puglie. Il #progetto è firmato da uno dei più importanti studi cinesi di architettura 👇📰 diarioromano.it/in-via-boncomp…

Chi dovrebbe proteggere le fermate del bus? Tipica fermata del bus a via di S. Croce in Gerusalemme: oggi c’è un TIR, altre volte tante auto, ma il bus sempre in mezzo alla strada deve fermarsi. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Chi dovrebbe proteggere le fermate del bus?
Tipica fermata del bus a via di S. Croce in Gerusalemme: oggi c’è un TIR, altre volte tante auto, ma il bus sempre in mezzo alla strada deve fermarsi.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/F7iOjjx6uL

Noi facciamo le denunce settimanalmente, ( anche su @radioromait ) su quello scandalo di Casale Cerroncino, @gualtierieurope e @Sabrinalfonsi si presentano coi giornalisti al seguito, non si accertano sui ritardi, fanno 2 foto e se ne vanno @diarioromano facebook.com/10006467725082… Retweeted by diarioromano

I nostri due centesimi sulle #elezioni a Roma. Se il #centrodestra, nella capitale, ha conquistato 10 collegi su 12, non è solo per il traino nazionale. Nelle #urne anche la delusione dei romani per la giunta Gualtieri. 👇📰 diarioromano.it/i-nostri-due-c…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close