I risultati del “lavorare indefessamente pancia a terra”

 

 

A piazza di Spagna tradizionalmente svettavano cinque maestose palme, le quali sembrano aver resistito anche all’invasione del maledetto punteruolo rosso, il parassita che ha decimato le palme a Roma a partire dal 2009.

 

Poi non si sa cosa sia successo, ma a partire dal 2016 le palme hanno cominciato a sparire dalla piazza.

La prima si è persa a dicembre del 2016.

 

 

 

La seconda a febbraio 2018.

 

 

 

Al tempo del secondo abbattimento l’allora assessore all’ambiente Montanari ebbe a dichiarare:

… i tre esemplari rimasti godono di buona salute e sarà cura di questa amministrazione provvedere al reimpianto dei due esemplari abbattuti una volta ottenuti i fondi a bilancio“.

 

Era il marzo 2018, da allora sono passati 17 mesi e la situazione sulla piazza è ancora questa:

 

 

Sempre le sole tre palme sopravvissute, con l’erba rasata (un vero lusso nel panorama romano) ma desolatamente e completamente secca.

 

Purtroppo al momento il vertice istituzionale responsabile del verde cittadino è in gran parte vacante, vista l’assenza di un assessore all’ambiente e le recenti dimissioni del capo del Dipartimento (come abbiamo documentato di recente).

Ci sarebbe il Sindaco Raggi a detenere tutte le deleghe all’ambiente, incluso quella per il verde urbano, ma al momento ella risulta in vacanza.

 

In mancanza quindi di qualcun altro a cui chiedere come sia possibile che in uno dei luoghi più in vista e visitati di Roma non si riescano a mantenere in condizioni decenti due piccole aiuole e cinque palme, proviamo a prendercela con l’unico riferimento rimasto in materia, ossia il presidente della commissione ambiente Daniele Diaco.

In un suo recente post il presidente Diaco aveva addirittura usato la formula “lavorare indefessamente pancia a terra”, volendo evidentemente significare (pur con espressione al limite del ridicolo) che ce la stanno mettendo proprio tutta.

Ebbene vorremmo far sapere al presidente Diaco che i loro sforzi non solo hanno precipitato tutto il verde romano in uno stato che mai si era visto, ma non sono riusciti a preservare un minimo di decoro neanche nei luoghi simbolo di Roma.

 

Cos’altro se non la più totale incapacità di gestire questioni anche molto semplici può spiegare il degrado di un angolo tanto piccolo quanto significativo come le aiuole di piazza di Spagna?

Condividi:

Una risposta

  1. Ah Diaco, e mettice ‘na moquette verde brillante su ‘st’aiuole, armeno si stai pancia a terra nun te sporchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

#Roma - Trotta Autoservizi, in procinto di aggiudicarsi un appalto da 1/2 MILIARDO per i #bus ⤵️ diarioromano.it/linee-bus-di-p… non sta pagando gli stipendi a Fiumicino fiumicino-online.it/articoli/polit… né a Potenza sassilive.it/economia/lavor… Andrà tutto bene Ass @eugenio_patane? @diarioromano Retweeted by diarioromano

A #Roma il mercato immobiliare rialza la testa. Prezzi su quasi del 5%. A livello internazionale la capitale ha poco appeal, ferma al 127° posto nel mondo. Ma l'inflazione spinge a comprare il mattone, rifugio sicuro in tempi di crisi 👇📰 diarioromano.it/a-roma-il-merc…

La moltiplicazione romana dei parcheggi. A piazza Manfredo Fanti, all'Esquilino, gli spazi di sosta vengono moltiplicati ogni giorno, tanto le possibilità di essere sanzionati sono praticamente nulle. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - La moltiplicazione romana dei parcheggi.
A piazza Manfredo Fanti, all'Esquilino, gli spazi di sosta vengono moltiplicati ogni giorno, tanto le possibilità di essere sanzionati sono praticamente nulle.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/nwjMMJeMKJ

#Caos rifiuti in centro storico: tutto ancora a “carissimo amico”. Dopo quasi un anno di nuova #amministrazione e con una specifica "commissione emergenza rifiuti", in Municipio I la situazione è ancora fuori controllo... 👇📰 diarioromano.it/caos-rifiuti-i…

Oggi e domani, in II Municipio, i giovani fanno arte e musica. In piazzale Ankara, prima edizione de “L’Isola che non c’era” frutto del bando comunale per promuovere cultura e aggregazione. Eventi sabato e domenica dalle 18 alle 24

test Twitter Media - Oggi e domani, in II Municipio, i giovani fanno arte e musica.

In piazzale Ankara, prima edizione de “L’Isola che non c’era” frutto del bando comunale per promuovere cultura e aggregazione. Eventi sabato e domenica dalle 18 alle 24 https://t.co/icVa36YmZd
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close