Dopo aver proposto di fornire all’assessorato una fotografia dei luoghi dove maggiormente si concentra il commercio ambulante, regolare e non, abbiamo voluto fare noi un sopralluogo in piazzale Flaminio. Da anni si sono infatti qui localizzate una serie di bancarelle che occupano buona parte del piazzale antistante l’uscita della stazione ferroviaria Roma Nord e della metropolitana.

Va ricordato che a giugno di quest’anno, prima il 15 giugno e poi il 23, in piazzale Flaminio ci sono stati ripetuti interventi della Polizia Locale per reprimere i ripetuti abusi degli ambulanti, sia quelli titolari di regolare licenza che quelli totalmente abusivi. Ogni volta i controlli mettono in luce le stesse violazioni: abusivi totali, itineranti (quelli con le ruote) ma in realtà permanenti, superficie maggiorata per i titolari di regolare licenza, merce appesa agli ombrelloni, lavoratori in nero.

Questo è quello che abbiamo rilevato durante il nostro sopralluogo.

 

pf1
Abusivo totale con scatolone appena fuori l’uscita della metro

 

pf2
Banchi ipertrofici (altro che 4 metri per 3!)

 

pf3
Appendiabiti messi dove capita

 

pf4
Immagine dall’alto dell’area

 

pf5
Ancora un’immagine dall’alto che mostra come l’uscita della stazione sia completamente sgombra (finalmente!)

 

pf7
Altro banco ipertrofico (da tener presente che normalmente l’ampiezza dell’ombrellone indica la superficie autorizzata)

 

pf6
Corollario classico di ogni bancarelle che si rispetti: furgone straccione parcheggiato in sosta vietata

 

pf8
Percorso tattile interrotto

 

pf9
Percorso tattile completamente ostruito

 

pf10
Furgone in mezzo all’area pedonale

 

pf11
Ancora percorsi tattili completamente inutilizzabili

 

pf12
Sempre sui percorsi tattili

 

pf13
Bancarelle alle soglie dell’entrata di villa Borghese, sia banchi regolari che itineranti (con le rotelline)

 

pf14
Banco isolato, proprio nel bel mezzo del piazzale

 

Come si può vedere, anche durante la nostra visita il da fare per la PLRC non sarebbe mancato.

Vi è stata in particolare l’occupazione totale del percorso tattile che ci ha fatto infuriare. Se infatti tutti gli altri illeciti sono pur gravi ma difficilmente con conseguenze immediate per il singolo, l’indisponibilità del percorso tattile costringe un non vedente a bloccarsi, con l’unica possibilità di ricorrere a qualcuno che lo aiuti a superare l’ostacolo. Mettere però un disabile nella condizione di dover dipendere da qualcuno, quando invece basterebbe che gli esistenti supporti venissero rispettati, è una vigliaccata intollerabile.

Vista l’occupazione del percorso tattile, abbiamo allora chiamato la PLRC del Secondo Gruppo chiedendogli di intervenire immediatamente. La risposta della sezione amministrativa dei vigili del Secondo Gruppo è stata che loro non potevano intervenire senza preavviso, perché per fare i controlli alle bancarelle devono predisporsi, ci vuole tempo, ecc.

Alle nostre rimostranze sull’inaccettabilità di una tale situazione la vigilessa ha risposto candidamente che poteva anche essere d’accordo, ma che non c’era possibilità di far intervenire alcuna pattuglia (!?!).

In conclusione, il mercatino di piazzale Flaminio non appare più il far west di una volta, ma c’è ancora tanto da fare e controlli periodici e approfonditi potrebbero ridurre ulteriormente fastidi e degrado.

Fondamentalmente per noi questi banchi non dovrebbero essere lì e per questo continuiamo a pregare San Bolkestein che non ci abbandoni proprio ora che si è in dirittura d’arrivo per applicare le norme. Intanto che si lavora alla ridistribuzione dei banchi andrebbero però fatti controlli sistematici per evitare almeno le espressioni più odiose e straccione dell’ambulantato romano.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Recuperiamo il 150esimo anniversario dalla breccia di #PortaPia, ricorso ieri. Che sia da stimolo per tutti affinché con le elezioni del prossimo anno #Roma sia liberata dalla cappa di depressione che la opprime da troppo tempo. #21settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/150-anni-dalla…

Camion della #spazzatura che strappa la busta fa cadere i #rifiuti e li lascia lì. A volte viene da chiedersi quale sia il compito dell'AMA (o delle cooperative che lavorano per loro). . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Camion della #spazzatura che strappa la busta fa cadere i #rifiuti e li lascia lì. A volte viene da chiedersi quale sia il compito dell'AMA (o delle cooperative che lavorano per loro).
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/JmLevyCZV0
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close