I magnifici murales del Trullo, monito per i vandali graffitari

Sono così emozionanti che solo un imbecille potrebbe sfregiarli con le tags che devastano tutta Roma. I murales del Trullo raccontano l’animo di artisti e poeti popolari, di coloro che con la bomboletta e il pennello lasciano segni di bellezza e non violenza. L’abisso che divide i muri colorati da quelli devastati è tutto qui, in uno dei quartieri della periferia sud, a metà strada tra Trastevere e Corviale, tra il cuore e il ghetto della città.

E’ stato Mario D’Amico ad avviare questo processo virtuoso 4 anni fa, un sessantenne che ancora crede nella rivoluzione del bello.

mario-damico
Mario D’amico

 

 

Ha fondato un piccolo gruppo, i pittori anonimi del Trullo, assieme a due o tre amici. La notte, senza disturbare il sonno degli abitanti, uno di loro tagliava le erbacce, puliva le strade, cancellava le scritte. Gli altri due dipingevano, lasciando il loro tratto sulle facciate. Al mattino i passanti restavano sbalorditi, quasi frastornati per i tanti colori, i volti, gli animali che adornavano le loro case. Pian piano la voce si è diffusa tra gli street artist italiani e stranieri che sono accorsi a dare una mano a Mario, rendendo il quartiere un museo a cielo aperto.

Gomez, noto per i suoi lavori di qualità, ha voluto rendere omaggio a Mario D’amico ritraendolo nelle vesti del poeta su una delle prime palazzine che si incontrano su via del Trullo.

mario-damico-murales-trullo

 

Alla pittura si è aggiunta la poesia e il gruppo dei poeti anonimi ha scritto versi così intensi che sono stati raccolti in un libro, Metroromantico. Il volume è andato a ruba e negli ultimi tre anni, nel quartiere è stato organizzato il “Festival Internazionale di Poesia di Strada”, approdato a Roma dopo Genova e Milano.

La cultura e il bello hanno chiamato altra cultura, altra bellezza al punto che perfino i taggaroli più impuniti, quelli che scrivono Reps o stronzate del genere su ogni superficie, hanno timore ad avvicinarsi. Gli abitanti vigilano e se vedono qualcuno troppo vicino alle loro opere d’arte, danno subito l’allarme. Perfino noi, mentre scattavamo le fotografie di questo articolo, siamo stati tenuti d’occhio.

Oggi il quartiere raccoglie opere di artisti di fama: accanto a Mario D’amico e Solo (nati in zona), si ammirano i lavori di Gomez, dei milanesi Ivan e Piger, di Mr Klevra, Diamond, Gio Evan, Moby Dick e molti altri.

Quanta differenza tra questi muri che rendono vivi e orgogliosi gli abitanti e quelli imbrattati che uccidono ogni sogno di rinascita, che ci fanno sentire ai margini. Il Trullo è oggi una periferia diversa, dove si può passeggiare, gustare piatti della cucina romana, sedersi al bar. Le strade di San Lorenzo o di Trastevere, invece, divorate da bombolette che trasmettono solo degrado, sono un centro dal quale fuggire.

Vi invitiamo ad ammirare dal vivo questi lavori anche per apprezzare le differenze di luce tra la mattina e il pomeriggio.

murales-trullo

 

murales-trullo2

 

murales-trullo3

 

murales-trullo4

 

murales-trullo5

 

murales-trullo6

 

murales-trullo7

 

Chiudiamo con i versi che si trovano su uno dei muri del Trullo, firmati Er Bestia. Probabilmente il miglior messaggio per chi voglia replicare l’esperienza in altri quartieri degradati della città.

“Ecco la street art, ar popolo appartiene/Potenza nelle vene che spezza le catene/Ner monno che se spegne è foco nella strada/Che ‘n giorno apre l’occhi e se trova tatuata/Non conosce serrature e orari de chisura/De ‘n museo a cielo aperto indomabile creatura”.

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Perché @PLRomaCapitale non dedica un paio dì pattuglie in bici al controllo delle ciclabili? Che fine hanno fatto i mezzi a due ruote periodicamente sfoggiati nelle parate? @gualtierieurope twitter.com/marcolatini19/…

L’inutilità dei vigili agli incroci: a viale Manzoni-via Emanuele Filiberto tengono fermi due bus al semaforo per 4/5 minuti, a via Merulana non gestiscono veicoli che bloccano i bus. C’è qualcuno che gli spiega come comportarsi o improvvisano?

Forse qualcuno dovrebbe spiegare all'architetto che il muro non serve a cingere il giardino bensì proprio a crearlo, ossia a contenere la terra dove mettere le piante. Quello che doveva essere un parcheggio interrato è venuto un po' fuori terra e da qui la necessità del muro. twitter.com/rep_roma/statu…

Piano per la #mobilità durante le festività natalizie: il migliore da molti anni, nonostante qualche ombra. Per la prima volta viene prevista l'attivazione fissa delle #ZTL e i collegamenti con alcuni parcheggi... 👇📰 diarioromano.it/piano-per-la-m…

#Domenica di giochi a villa Ada per i bambini. La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto

test Twitter Media - #Domenica di giochi a villa Ada per i bambini.
La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto https://t.co/H3ClE8Wsnz
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Colonna della Pace, in abbandono

Davanti la basilica di Santa Maria Maggiore c’è l’unica superstite delle otto colonne che ornavano la volta della Basilica di Massenzio, lasciata nel degrado con le erbacce ad infestarla.

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close