I due mercati di via Sannio

3 Commenti

A via Sannio c’è uno storico mercato con decine di banchi che da circa 70 anni offrono abbigliamento casual in maniera informale e caratteristica. “Che te serve?” è il modo più comune in cui qui gli operatori apostrofano i visitatori, riuscendo spesso ad ammollargli il doppio o il triplo delle cose per cui gli stessi erano venuti.

Periodicamente si è parlato di riqualificare questo mercato (l’ultima volta se n’è occupato l’ex presidente della Commissione Commercio Corsetti) che in effetti si presenta tutt’altro che bene.

 

sannio2

 

La cosa che però più lascia perplessi è quello che avviene ogni giorno a pochi metri da questo mercato, ossia l’allestimento di un mercato parallelo fatto di banchi ambulanti installati sui marciapiedi.

 

sannio1

 

Come si può vedere, i larghi marciapiedi della strada vengono in gran parte presi da questi banchi che pian piano hanno creato una specie di “via sannio 2”, finendo col fare una grande concorrenza al mercato storico.

Il motivo per cui questi operatori si siano posizionati in quel luogo è molto chiaro: lì riescono infatti a sfruttare la notorietà del mercato tradizionale intercettando prima le persone che vi accedono. Quello che non si capisce è il motivo per cui qualcuno ha autorizzato queste bancarelle a mettersi lì. Avrebbe infatti dovuto essere chiaro che così facendo si creava una concorrenza fortissima con gli operatori tradizionali, col rischio di penalizzare questi ultimi favorendo chi fa del degrado la sua ragione di vita. Non che il mercato tradizionale si presenti particolamente bene, ma almeno è confinato nella sua area senza che interi marciapiedi e strade attigue vengano sequestrati da banchi e furgoni ipertrofici.

Noi vediamo una soluzione molto semplice a questo ennesimo pateracchio cittadino: ristrutturare il mercato tradizionale e far piazza pulita di tutto ciò che occupa i marciapiedi. Ci dispiace un po’ per quegli esercenti ambulanti ma d’altronde loro non sembrano dispiacersi troppo del degrado che quotidianamente contribuiscono a generare. E c’è la prossima scadenza della Bolkestein a rendere possibile una ripartenza globale sul commercio ambulante. Solo a volerne approfittare.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. mr fixit

    Occhio che per piazza Navona sta per scoppiare la bomba……

  2. Anonimo

    Mai stata. Non ho fatto in tempo.

  3. Anonimo

    Mah … non è che ti sei persa granché.

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Disservizio gravissimo sulla MetroA comunicato con un semplice tweet! Quando si deciderà @virginiaraggi a dare a Roma un assessore alla mobilità degno di questo nome? twitter.com/MercurioPsi/st…

Dopo la demolizione delle ville dei Casamonica, un segnale di legalità sarebbe fare chiarezza sul caldarrostaro di piazza di Spagna. Lì da 22 anni per una "distrazione" del Comune. @virginiaraggi @AndreaCoiaM5S diarioromano.it/?p=27924

test Twitter Media - Dopo la demolizione delle ville dei Casamonica, un segnale di legalità sarebbe fare chiarezza sul caldarrostaro di piazza di Spagna. Lì da 22 anni per una "distrazione" del Comune. @virginiaraggi @AndreaCoiaM5S https://t.co/mJ2IcrtfRn https://t.co/DKZqfF7qon
Video diario
  • L’AMA è ormai un pugile suonato

    L'azienda è pronta a buttare 1,5 milioni di euro per i nuovi cassonetti gialli, che saranno bordeaux ma continueranno ad essere vandalizzati

  • Corpo Diplomatico alle vongole

    Ogni giorno in via Domenico Alberto Azuni, al Flaminio, c'è questo SUV targato CD parcheggiato sul marciapiede o in divieto di fermata! l.f.

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.