Troppi i bus con GPS non funzionante e quindi non tracciabili dalle app, ma soprattutto al Comune ne risulta una frazione del reale. Così i cittadini soffrono un disservizio e il Comune neanche lo sa

Siete alla fermata, l’app non vi dà bus in arrivo ma improvvisamente eccone uno che appare davanti ai vostri occhi increduli e felici. Quante volte vi è successo? Ebbene secondo il Comune quei bus sono un evento del tutto eccezionale.

Da un accesso agli atti fatto sulle 100 linee con logo ATAC che circolano in periferia, gestite in realtà dal consorzio privato Roma TPL, è risultato che circa il 99% degli autobus ha il GPS funzionante (il sistema si chiama  AVM – Automatic Vehicle Monitoring), e quindi ogni giorno solo 4 bus si aggirano come “fantasmi” per le periferie di Roma.

In questa tabella, adoperata dal Comune per il calcolo delle penali, sono riportate le percentuali di bus con AVM guasto, al netto dei giustificativi. La tolleranza massima accettata è del 4%, e pertanto non è stata mai applicata alcuna penale.

 

 

Da un precedente accesso agli atti sulla sola linea bus 146 (che passa per varie scuole ed Ospedali, tra cui il Policlinico Gemelli), risultava una percentuale di AVM guasti di circa 10 volte superiore.

 

 

La percentuale riscontrata per la linea 146 è stata confermata per l’intera flotta, confrontando le comunicazioni di Roma Servizi per la Mobilità (RSM) su Twitter sui bus fisicamente usciti dalle rimesse alle ore 9, ed il monitoraggio dei bus circolanti con AVM funzionante, ottenuti dai file GTFS sempre di RSM (parzialmente imprecisi ma che comunque rispecchiano quello che gli utenti vedono alle fermate). Anche per altri 2 mesi presi a campione gli AVM guasti sono risultati di molto superiori a quelli indicati dal Comune.

 

 

Nell’arco del 2021 ci sono state inoltre diverse giornate con il sistema AVM non funzionante a livello di server centrale (testimoniate anche da post di RSM su Twitter), ma di queste non c’è alcuna traccia nella lettera del Comune.

Questa differenza abissale, peraltro riscontrabile in diversi altri parametri di valutazione sulla qualità del servizio di Roma TPL e ATAC, è racchiusa nella frasetta “al netto dei giustificativi”: la situazione considerata dal Comune ed adoperata per le penali non è quella reale, ma quella scremata di tutti gli eventi di cui il gestore riesce a fornire un giustificativo, come previsto a contratto. Ne esce fuori un quadro non rappresentativo di quanto vissuto dai cittadini.

 

Il monitoraggio della rete del trasporto pubblico è un servizio essenziale: il cittadino ha necessità di sapere nel modo più preciso possibile se e tra quanto arriverà il bus, anche per valutare eventuali alternative. Gli autobus con AVM indisponibile devono tendere a zero; un utente che sull’app non vede il bus in arrivo perché non tracciato, preferirà ricorrere all’auto privata, pagando 2 volte: per l’auto e per l’autobus di cui vorrebbe e potrebbe usufruire, senza però usufruirne per una banale assenza di informazione.

Il Comune dovrebbe valutare l’affidamento dell’intero servizio AVM per tutta la rete bus e tram di Roma ad un unico gestore esterno. Dovrebbe inserire il funzionamento dell’AVM tra i parametri di valutazione sulla qualità del servizio, e pubblicare sempre e per ogni parametro anche la percentuale “lorda”, oltre a quella “netta” decurtata dei giustificativi. Infine dovrebbe rivedere le modalità con qui vengono valutati i parametri del servizio, in modo che siano concordanti con la realtà vissuta dai cittadini.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

"Con l'auto di SERVIZIO butta sacconi neri FUORI dai cassonetti"😱😤🤬 (ex?) coordinatore della piattaforma #roma5stelle 5⭐️ per la #Raggi.. #honestà! Retweeted by diarioromano

Dopo sette anni il restringimento di via Nairobi è sempre lì. L'intervento previsto per lo scorso aprile è stato annullato per sopravvenute complicazioni alla galleria dei sottoservizi e a settembre andrà trovata una nuova soluzione... 👇📰 diarioromano.it/dopo-sette-ann…

Uno slargo per Simonetta Cesaroni. Il largo della Gancia prenderà il nome della giovane che fu uccisa nel 1990. A pochi passi da via Carlo Poma, luogo dell’omicidio. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Uno slargo per Simonetta Cesaroni.
Il largo della Gancia prenderà il nome della giovane che fu uccisa nel 1990. A pochi passi da via Carlo Poma, luogo dell’omicidio.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/E6AW907eE2

#ATAC - alle aste immobiliari, previste dal Concordato, MANCANO circa 54 MLN€‼️ Sconosciuto l'esito del 4° tentativo di fine Luglio Comune #Roma si è impegnato a comprare 5 immobili per circa 23 MLN€ (e ha perso il 6°, la pregiata Rimessa Vittoria per #tram e #bus elettrici) Retweeted by diarioromano

Sapete che anche noi #disabili andiamo in vacanza? La domanda è chiaramente provocatoria ma la situazione è molto difficile, basta vedere i dati delle #BandiereLilla. Raccontatemi la vostra esperienza! travelquotidiano.com/mercato_e_tecn… (via @TravelQuot) #disabilità #SiamoTuttəUguali Retweeted by diarioromano

Nuovo porto al faro di #Fiumicino: ospiterà yacht o grandi navi da crociera? L'area, oggi in stato di abbandono, è stata acquisita da Royal Carribean che ne vuole fare un suo scalo. I #cittadini in allarme: i fondali non sono adatti 👇📰 diarioromano.it/nuovo-porto-al…

Al Ghetto si moltiplicano i guadagni dei locali ma anche la spazzatura. I locali cominciano dal primo pomeriggio ad ammucchiare la spazzatura in strada. Da una parte moltiplicano i tavoli e dall'altra i rifiuti in strada. Qualcuno che riprenda il controllo? #fotodelgiorno

test Twitter Media - Al Ghetto si moltiplicano i guadagni dei locali ma anche la spazzatura.
I locali cominciano dal primo pomeriggio ad ammucchiare la spazzatura in strada. Da una parte moltiplicano i tavoli e dall'altra i rifiuti in strada. Qualcuno che riprenda il controllo?
#fotodelgiorno https://t.co/HI6rk8uSHA

#Rinnovabili: l’ambizioso piano di Zingaretti, le utopie e la realtà. Secondo il presidente della Regione, entro il 2050 il Lazio sarà alimentato solo da energia green... 👇📰 diarioromano.it/rinnovabili-la…

Sant’Angela Merici: chiudete la buca. Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra Circ.ne Nomentana e via Sant’Angela Merici. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Sant’Angela Merici: chiudete la buca.
Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra https://t.co/e5YgpquKdc Nomentana e via Sant’Angela Merici.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/gYlcl40gbj
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close