Nella giornata dell’altro ieri, in merito alla neutralizzazione del terrorista tunisino, il ministro dell’Interno Marco Minniti ha tra l’altro dichiarato che l’operazione di Sesto san Giovanni, alle porte di Milano “... non è casuale, è la dimostrazione della capacità di controllare il territorio“.

Questa volta la punta di lancia è stata la Polizia di Stato” ha detto il ministro, ma “è un punto di connessione molto forte tra la Polizia, i Carabinieri e la Polizia Locale. Questa collaborazione rende, se non impossibile, più difficile penetrare sul territorio“.

 

Abbiamo allora voluto fare una verifica di questo efficace controllo del territorio in uno dei luoghi che sono stati giudicati più a rischio di attentati, l’area del Pantheon. Di seguito qualche immagine.

 

pant1

 

pant2

pant3

pant4

pant5

Va bene che i venditori ambulanti abusivi non rappresentano normalmente un reale pericolo, ma la loro presenza indisturbata dà la misura del livello di controllo del territorio.

 

Anche il musicista di turno non dovrebbe rappresentare un pericolo, ma il fatto che costui possa requisire per sé una buona ventina di metri quadrati della piazza senza che qualcuno gli dica qualcosa (senza contare il frastuono che genera per coloro che magari cercano di raccogliersi nella basilica del Pantheon, specialmente quando vi sono funzioni in corso), dà anch’esso la misura del “tana libera tutti” in corso, altro che buon controllo del territorio.

 

[youtube url=”https://youtu.be/JNWB-2Ef5G0″]

 

 

C’è però un elemento che abbiamo rilevato e che piuttosto che essere un segnale di poco controllo rappresenta un pericolo grave ed immediato.

 

pant6

COSA CI FANNO DUE CAMIONCINI CARICHI DI BOMBOLE DI GAS A POCHI METRI DAL PANTHEON E DA CENTINAIA DI PERSONE?

 

Forse il ministro Minniti deve dare una ulteriore risistemata al sistema di sicurezza messo in piedi, tenendo presente che a Roma le cose si fanno “alla romana”.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Sempre in attesa del piano industriale di #AMA, in un luogo secondario come piazza del Popolo un locale ristorante ha deciso di tenere i bidoncini dei rifiuti sempre fuori. Segnalazioni a Municipio e Comune cadono nel vuoto. @lorenzabo @Sabrinalfonsi @gualtierieurope

test Twitter Media - Sempre in attesa del piano industriale di #AMA, in un luogo secondario come piazza del Popolo un locale ristorante ha deciso di tenere i bidoncini dei rifiuti sempre fuori. Segnalazioni a Municipio e Comune cadono nel vuoto.
@lorenzabo @Sabrinalfonsi @gualtierieurope https://t.co/N0dMz5YFeg

Un’antica colonna emerge durante lavori in zona Pantheon. Il reperto, forse di epoca romana o posteriore, era incassato in un muro accanto al Caffè Di Rienzo, in Salita de’ Crescenzi. La scoperta durante un cantiere (foto Salvo I.) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Un’antica colonna emerge durante lavori in zona Pantheon.
Il reperto, forse di epoca romana o posteriore, era incassato in un muro accanto al Caffè Di Rienzo, in Salita de’ Crescenzi. La scoperta durante un cantiere (foto Salvo I.)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/3tKT8tMveu

A Roma i #disabili non esistono! Anche quest'anno la Giornata Internazionale delle persone con #disabilità a Roma passerà come nulla fosse, come se vivessimo in una città dove i disabili hanno gli stessi diritti di tutti 👇📰 diarioromano.it/a-roma-i-disab…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

A Roma i disabili non esistono!

Anche quest’anno la Giornata Internazionale delle persone con disabilità a Roma passerà come nulla fosse, come se vivessimo in una città dove i disabili hanno gli stessi diritti di tutti

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close